UN SATELLITE DI 13000 ANNI FA , LA STORIA COMPLETA DI “CAVALIERE NERO”

AS1

 

 

Storia del “Cavaliere Nero” inizia nel lontano 1899 con un segnale proveniente dallo spazio che è stato catturato da Nikola Tesla. Questo segnale è stato preso di nuovo in diverse occasioni nel 1920 da appassionati di radio e ci sono stati molti avvistamenti di astronomi che lo osservavano e lo studiavano. Ha fatto giornali negli anni 1950 e 1960. Foto sono state scattate nel 1960. Nel 1970 il segnale è stato decodificato e fu identificata la sua provenienza dal sistema Stellare Epsilon Boote. Questa è una storia incredibile.

 

 

Spazzatura nello spazio o “Satellite” extraterrestre, “Cavaliere Nero” , come viene chiamato oggi, è stato in giro per un bel po’ di tempo. La scoperta del satelite Cavaliere Nero è forse uno dei più (non) famosi oggetti spaziali in orbita del nostro Pianeta. Questo “Satellite Artificiale ” ha suscitato l’interesse dei media principali dalla fine degli anni ’50, ed è diventato uno tra i più discussi oggetti nello spazio . In primo luogo si pensava che è un satellite spia russa, e come tale il Cavaliere Nero ha afferrato l’interesse di milioni di persone in tutto il mondo.

 

Secondo il monitoraggio di agenzie in tutto il mondo, Il Cavaliere Nero sta trasmettendo i segnali radio da oltre 50 anni.

 

Gli Stati Uniti e Unione Sovietica hanno mostrato particolare interesse di questo “oggetto spaziale non identificato”. Fin dalla sua scoperta questo satellite ha interessato i paesi interessati come la Svezia e gli appassionati di tutto il mondo. Uno di loro è un operatore Ham Radio che a quanto pare aveva decodificato una serie di segnali ricevuti da satellite UFO e ha interpretato come una mappa stellare incentrata sul sistema di Stella Epsilon Boote e che il Cavaliere Nero proviene da questo Sistema di 13,000 anni fa. (Il Epsilon Boötis è una stella doppia della costellazione settentrionale di Boote Ha le denominazioni tradizionali Izar e Pulcherrima Il sistema Stellare può essere visto ad occhio nudo di notte, ma è necessaria la la coppia di piccoli telescopi , di risoluzione di apertura 76 mm (3,0 )o superiore -. Wikipedia)

 

Ma secondo molti, questa scoperta è stata fatta molto prima di quanto pensassimo. Si parla tuttavia che era Nikola Tesla il primo uomo a “intercettare” un segnale da questo ultraterreno satellite nel 1899, dopo la costruzione di un apparecchio radio ad alta tensione a Colorado Springs. Dopo la scoperta di Tesla nei prossimi 30-50 anni, il segnale veniva intercettato più frequentemente fino a che non era apparentemente “decodificato”. Poiché gli astronomi 1930 in tutto il mondo hanno segnalato strani segnali radio che presumibilmente provengono dal “Cavaliere Nero” _.

 

Nel 1957, il Dr. Luis Corralos del Ministero delle Comunicazioni in Venezuela lo ha fotografato riprendono immagini di Sputnik II mentre passava sopra Caracas. La cosa strana è che a differenza di quello Sputnik l e ll, satellite Cavaliere Nero orbitava la Terra da Est a Ovest. Sputnik uno e due in orbita Ovest a Est con la rotazione naturale della Terra per mantenere l’orbita.

 

La storia del Cavaliere Nero ha fatto il suo debutto nelle media nel 1940, quando il St. Louis Dispatch e The San Francisco Examiner hanno scritto sul “Satellite”, il 14 maggio 1954. Il Time Magazine ha scritto su di esso il 7 marzo 1960. Ecco cosa hanno detto su di esso.

 

Tre settimane fa, i titoli hanno annunciato che gli Stati Uniti avevano rilevato un misterioso satellite “nero” ruota in alto su un’orbita regolare. C’erano le speculazioni nervosi che potrebbe essere un satellite di sorveglianza lanciato dai Russi, e ha portato la sensazione di disagio perchè gli Stati Uniti non sapevano che cosa stava succedendo sopra la propria testa. Ma la scorsa settimana il Dipartimento della Difesa ha annunciato con orgoglio che il satellite era stato identificato. E ‘stato un derelitto spaziale, i resti di un satellite Air Force Discoverer che era stato smarrito.”

Leggi la storia completa visitando il sito web di Time Magasine.

Ecco qui la foto di 2 articoli del 1954:

articoli del St. Louis Dispatch e The San Francisco Examiner

 

giornali

Il 23 agosto 1954 la rivista di tecnologia Aviation Week e Space Technology ha rilasciato una storia che ha fatto arrabbiare il Pentagono che stava cercando di mantenere il segreto su informazioni. Il breve articolo affermava:

Il Pentagono, allarmato riguardo ai due satelliti precedentemente non osservati in orbita intorno alla terra, ha dissipato i dubbi con l’identificazione degli oggetti come naturali, comunque satelliti di tipo non artificiale. A capo del progettto di identificazione il Dr. Lincoln LaPaz, esperto di corpi extraterrestri dalla University of New Mexico. Un satellite sarebbe in orbita a circa 400 miglia, mentre l’altro oggetto si trova a 600 miglia. Il Pentagono pensava momentaneamente che i russi avessero battuto gli Stati Uniti nelle esplorazioni spaziali.”

L’interesse per il Cavaliere Nero si è intensificato di anno in anno. Nel 1957, un “oggetto” sconosciuto è stato visto in ombra allo Sputnik 1. Secondo i rapporti, l’ oggetto non identificato è stato osservato in orbita polare, e sembrerebbe che a quel tempo né gli Stati Uniti né i Russi possedessero la tecnologia necessaria per mantenere un veicolo spaziale in orbita polare.

Secondo alcune ricerche il primo satellite in orbita polare è stato lanciato nel 1960. Le Orbite polari sono spesso utilizzate per la mappatura terrestre, l’osservazione terrestre, catturando le immagini col passare del tempo da un punto specifico, quindi principalmente sono satelliti da ricognizione. Questo farebbe rientrare il Cavaliere Nero nella categoria dei satelliti da osservazione, ma la domanda è: chi ha messo il Cavaliere Nero in un’orbita polare e per quale scopo?

L’ oggetto ha continuato a stupire gli astronomi di tutto il mondo. Astronomi e scienziati hanno calcolato che il peso di un oggetto simile dovrebbe essere di più di 10 tonnellate, un’eormità per un oggetto di tipo artificiale. Inoltre sembrava spostarsi al doppio della velocità rispetto ai satelliti lanciati conosciuti.

Ci sono anche diversi rapporti secondo cui la Grumman Aircraft Corporation ha dato molta importanza a questo misterioso “Satellite”. Sembrerebbe che il 3 settembre 1960, sette mesi dopo che il satellite fu rilevato dai radar, una telecamera di monitoraggio di Long Island della Grumman Aircraft Corporation sia riuscita a scattare una fotografia del “Cavaliere Nero”. A quel punto più persone da tutto il mondo hanno iniziato ad identificare l’oggetto nel cielo – che potrebbe essere visto come una luce rossa che si muove a velocità più elevata rispetto ad altri satelliti in orbita da Oriente ad Occidente. La Grumman Aircraft Corporation ha formato un comitato per studiare i dati ricevuti dalle osservazioni fatte, ma nulla è stato reso pubblico.

Nel 1963, Gordon Cooper è stato lanciato nello spazio. Nella sua orbita finale, ha riferito di aver visto in lontananza, oltre la capsula, un oggetto luminoso verde muoversi verso la sua nave spaziale. La stazione di tracciamento Muchea, in Australia, alla quale Cooper ha riferito dell’oggetto visto, raccolse sul radar il segnale dell’oggetto viaggiare da est ad ovest. L’emittente NBC ha riportato questo episodio, ma quando Cooper tornò sulla Terra, alla testata Reporter non è stato permesso di chiedere a Cooper circa l’oggetto non identificato. La spiegazione ufficiale data a Coopers dell’avvistamento era quella che “alti livelli di biossido di carbonio, hanno causato allucinazioni”.

Il “Cavaliere Nero” è stato ed è tuttora un argomento di interesse in tutto il mondo. Fino ad oggi la maggior parte delle informazioni “ufficiali” su questo oggetto cercano di tenere al sicuro i suoi misteri.

Il “Cavaliere Nero” è un satellite extraterrestre mandato sulla Terra per studiare la razza umana?

C’è davvero stato il tentativo di comunicare con la razza umana?

Abbiamo ignorato un tentativo di comunicazione?

Anche se queste domande forse non troveranno risposta, una cosa è certa, il Cavaliere Nero rimane di gran lunga l’oggetto più misterioso nell’orbita del nostro pianeta.

 

Fateci sapere cosa ne pensate e pubblicheremo i vostri commenti qui sotto.

Ecco le immagini grezze del Cavaliere Nero prese dalla NASA .

 

 

Traduzione Tanja per il Risveglio di una Dea

 

AS1 AS3 CloseupBlackKnight STS088-724-65 STS088-724-66 STS088-724-67 STS088-724-68 STS088-724-69 STS088-724-70 UFO-SPACE

Fonte

http://www.ancient-code.com/the-black-knight-a-13000-year-old-alien-satellite/

 

Ecco qui ancora una interessante visione del “Cavaliere Nero”

 

UFO DISCLOSURE , , , , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Bill Clinton: non mi sorprenderei se gli alieni visitassero la Terra Successivo 2014 di transizione: I 3 Sentieri di esseri umani

One thought on “UN SATELLITE DI 13000 ANNI FA , LA STORIA COMPLETA DI “CAVALIERE NERO”

  1. Luigi Santoro il said:

    Un oggetto del genere che continua ad esistere da tanto tempo, tanto da rappresentare un autentico satellite della Terra, come mai ancor oggi con tutta la tecnologia americana, europea e resto del mondo non si riesce a intercettare e visitare fisicamente, vista la vicinanza al nostro pianeta in modo da avere delle risposte reali e non fantasiose?

I commenti sono chiusi.