INTU-IRE FLUXENNERGO

intuire

 

Pubblicato da Anna

 

Eh, eh, e come Tanja ci invita a giocare con lei, ritrovando I segni per uscire dal labirinto,

http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=8431 

ecco che arriva un aiuto per ritrovarli questi segni, quelli che ci immettono nel giusto flusso energetico.

 

Per tutte le persone in difficolta’, che vi possa aiutare a ritrovare la strada!

 

La frase va ripetuta come un mantra: INTU-IRE FLUXENNERGO

 

L’autore e’ Cristiano Tenca, un uomo di gran cuore e profonda conoscenza, che ho avuto la fortuna di incontrare su Facebook e che ha scritto tre libri con tantissime formule per aiutare nei piu’ svariati aspetti della vita. Ogni formula e’ una frase. Le parole sono energia. Egli testa ogni frase con bacchette ad elle per verificare se l’energia della frase e’ in sintonia con l’intento della stessa. Esse pertanto hanno il potere di rafforzare il potere dell’intento espresso con la mente.

 

 

 

Di Cristiano Tenga

 

INTU-IRE FLUXENNERGO

È mia ferma opinione che l’uomo abbia un certo percorso da compiere e che l’energia tenda a guidarlo lungo la sua strada con solerzia e maestria. Attraverso i segnali, le sensazioni personali, le cosiddette combinazioni o casi e quant’altro, siamo guidati e, fin che ci manteniamo nel giusto flusso energetico, tali aiuti non verranno mai meno. L’energia stessa del nostro corpo ci darà spesso un’indicazione più che valida per non commettere errori. I cali improvvisi di energia sono sintomi, molto sovente, di azioni al di fuori del nostro flusso, così come le cosiddette “illuminazioni”, in cui apparentemente tutta la nebbia che ci ha avvolto il cervello ci sembra diradarsi e vediamo tutto chiaro improvvisamente, sono normalmente dimostrazioni di piena presenza nel giusto flusso energetico. Ma attenti: non è sempre facile distinguere tra il percorso che porta alla vera meta e quello che devia per portarci a soddisfazioni effimere che una volta raggiunte lasciano il tempo che trovano o lasciano comunque con un senso di vuoto tra le mani che non si vorrebbe mai provare.
La vita va vissuta al meglio per ciò che ci può dare e appena la si riesce a riconoscere occorre mirare alla meta.

Interessante è un test che potete fare per capire quanto siete o non siete nel giusto flusso energetico, quanto seguite o non seguite la vostra vera meta e soprattutto ciò che va conservato e curato nella vostra vita e ciò che va eliminato, anche se con il dovuto sacrificio.
Vediamolo:
Prendete carta e pena e dividete in verticale il foglio in tre parti.
Nella prima parte scrivete una dopo l’altra le vostre priorità, così come vi vengono in mente, non necessariamente secondo un certo ordine. Pensateci bene e scrivetele tutte.
Una volta finito analizzatele una ad una per qualche secondo e scegliete quella che per voi è la più importante. Ad esempio potreste aver scritto: grande amore corrisposto, ricchezza, salute, felicità, serenità, buon lavoro, figli, ecc. A questo punto dovete quindi sceglierne una. La sottolineate e iniziate il resto del test.
Nella seconda colonna scrivete tutto ciò che state vivendo che favorisce, a vostro parere, il raggiungimento della priorità che avete appena scelto. Nella terza colonna invece, pensateci un po’ su, e senza alcuna remissione o pietà, scrivete tutto ciò che si oppone a questa meta.
Avrete delle grosse sorprese che vi daranno molto da pensare.
Naturalmente per tornare nel giusto flusso energetico non dovete far altro che incrementare e favorire le cose scritte nella seconda colonna e, purtroppo, a malincuore, prendere la decisione di privarvi delle cose che compaiono nella terza colonna.
Non crediate: non è così ovvio il risultato!!!!!!!

Per aiutare a far tornare nel giusto flusso energetico, ho creato un incanto ad hoc “INTU-IRE FLUXENNERGO” che vi darà una consapevolezza molto più nitida e vi aiuterà volenti o nolenti a fortificare le cose contenute nella seconda colonna, smantellando piano, piano, altresì quelle della terza.

Naturalmente questa formula serve solo quando si è fuori flusso e se viene recitata senza essere in questa condizione gli effetti sono molto meno evidenti e i cambiamenti minimi. I cambiamenti maggiori in questo caso si hanno nella consapevolezza di ciò che si vive e di ciò che si desidera veramente. Quindi solo il primo dei risultati che si ottengono quando vi è necessità.
Che cosa accade in pratica quando si abbisogna di questo incanto e si recita quindi regolarmente? Come ho accennato sopra, la prima cosa che succede, come hanno notato anche tutti gli sperimentatori della mia mailing list e che si può leggere dalle loro testimonianze, è quella di vedere le cose che ci circondano e la nostra vita in modo più chiaro. Molti valori che prima parevano assoluti vacillano e molte cose che precedentemente apparivano insignificanti invece prendono valore.
A questo punto piano, piano inizia il cambiamento che spesso risulta comunque molto doloroso e si inizia anche, senza volerlo, a cercare la propria strada finché non la si trova. Questo percorso può durare anche mesi e mesi, ma una volta superato il tutto e rientrati nel giusto flusso energetico la qualità della vita cambia decisamente in meglio. Le sfortune ci abbandonano, i segnali e le sincronicità ricominciano a farsi sentire e tutto quindi muta in meglio.
Gli esempi che ho, sono a decine e riguardano, come già detto, gli amici della mia mailing list come sperimentatori obiettivi ed alcuni soggetti, miei lettori prima e amici poco tempo dopo, che vivevano una vita d’inferno, piena di sfortuna. I classici esempi di persone che ogni cosa che toccano va male e ciascun evento che li riguarda prende sempre la piega peggiore che possa prendere. Qui non ci sono altri incanti che possono fare qualcosa, occorre soltanto tornare nel giusto flusso energetico e quindi recitare l’unico incanto in grado di creare questa situazione in tempi decenti (ma mai brevi!!!). Queste persone hanno TUTTE passato un periodo bruttissimo dopo aver iniziato la recitazione della formula che, si è dedotto, derivava dal fatto che avevano molti conti in sospeso con il periodo precedente, conti che andavano saldati.
Un esempio: ragazza che per amore ha sposato un individuo poco raccomandabile che le ha dato due figli, poi è riuscita a separarsi e “naturalmente” si è messa con un nuovo amore sbagliato che le ha donato un altro figlio ed ha completato l’opera del primo marito di farla precipitare in un baratro fatto di conti da saldare, di multe da pagare, di lavoro da trovare. Con l’INTU-IRE FLUXENNERGO ecco la forza di separarsi e prendersi cura dei tre figli. Trova due lavori part time, ma si susseguono le disgrazie provocate dalla vita precedente e ad uno ad uno tutti i nodi vengono al pettine e lei si incarica di risolverli con sacrifici *ormi. Per molto tempo recita l’incanto e ogni giorno che le cose continuano a non risolversi completamente lei pensa che forse è il caso di sospendere la recitazione. Riesco a convincerla a continuare e dopo poco meno di un anno cambia tutto. Non più conti da pagare, lavoro fisso, nuova casa a seguito della riuscita della vendita della vecchia e nuovo incontro con una persona veramente in gamba.
Ma ciascuna storia è un’avventura a sé stante e nessuna assomiglia alle altre, ciò che c’è in comune, come nelle migliori favole, è il lieto fine per chi ha il coraggio di vivere e di cercare una soluzione definitiva e un cambiamento radicale della propria vita.

Con gli amici della mailing list si è provato l’incanto anche limitato ad un singolo aspetto della propria vita, perché se anche siamo nel giusto flusso energetico possiamo avere un singolo settore della nostra esistenza che invece, per errori passati, continua a darci dei grattacapi.
I risultati finali e definitivi di tale sperimentazione ancora non ci sono, ma gli inizi mi ricordano molto, in proporzione, quelli già visti con la formula applicata alla vita in generale. Se tanto mi dà tanto, direi quindi che questo incanto si può ritenere valido anche solo per i singoli settori.

 

Tratto dal libro Parole Magiche 3 di Cristiano Tenca.

 

Potete unirvi al suo gruppo su Facebook: L’Angolo delle Parole Magiche..e tanto altro!

 

* * *

 

 

.

 

 

Frequenze benefiche, SPIRITUALITA' , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente I risultati incredibili del test sul DNA sul teschio allungato di Paracas Successivo Che cosa ci sta dicendo "MASERATI" in Super Bowl?