VIAGGIO NELL’ALDILA’ DI QUESTA DIMENSIONE (4a ed ultima parte)

corazones

 

Pubblicato da Anna

Continua da                        butterflies

VIAGGIO NELL’ AL DI LA’ DI QUESTA DIMENSIONE (1a parte)

VIAGGIO AL DI LA’ DI QUESTA DIMENSIONE (2a parte)

VIAGGIO NEL’ AL DI LA’ DI QUESTA DIMENSIONE (3a parte)

 

Non so perché, dato che capivo, ma fu comunque una grossa sorpresa ritrovarmi in questo corpo, di nuovo nella mia stanza con qualcuno che guardava verso di me piangendo a calde lacrime. Era la mia assistente: si era rassegnata un’ora e mezzo dopo avermi trovato morto, perchè era certa che io fossi morto: tutti i segni tipici erano evidenti ed il mio cadavere stava diventando rigido. Non sappiamo da quanto tempo fossi morto, ma sappiamo che era trascorsa un’ora e mezzo da quando lei mi aveva trovato senza vita. Aveva esaudito, per quanto possibile, il mio desiderio di lasciare per alcune ore, il mio corpo, in pace. Avevamo uno stetoscopio amplificato e molti sistemi per testare le funzioni vitali del corpo per vedere cosa accadeva. Ella può testimoniare che io ero morto davvero.

La mia non fu una NDE, dato che sperimentai realmente la morte, per almeno un’ora e mezzo.L’assistente mi aveva trovato morto e mi aveva auscultato con lo stetoscopio, aveva preso la pressione sanguigna ed il battito cardiaco per un’ora e mezzo. Poi io mi ero svegliato ed avevo visto la Luce là fuori. Avevo provato ad alzarmi per raggiungerla, ma ero caduto dal letto. Lei aveva udito il tonfo, era accorsa e mi aveva trovato steso sul pavimento. Quando ripresi i sensi, fui molto sorpreso e meravigliato per quanto mi era successo.

Dapprima non avevo un ricordo tanto chiaro di quell’esperienza come quello che ho adesso.Continuavo a scivolare fuori da questo mondo e mi chiedevo: “Sono vivo?”Questo mondo era più simile ad una sogno, se paragonato con l’altra dimensione.Dopo tre giorni mi sentivo di nuovo normale, più lucido, eppure diverso da come mi ero sentito nelle mia vita di prima.

Tutti i ricordi del viaggio mi tornarono in mente più tardi. Non riuscivo a vedere nulla di sbagliato in nessun essere umano che avessi incontrato, mentre prima di allora io avevo sempre giudicato gli altri pensando che un sacco di gente fosse veramente nevrotica, tutti nevrotici, tranne me, ma di tutto questo non restava più alcuna traccia.

Tre mesi più tardi un amico mi consigliò di fare qualche test, così andai in ospedale per le radiografie e tutto il resto. Mi sentivo veramente bene, così avevo paura di ricevere cattive notizie. Ricordo che il medico, dopo aver confrontato le lastre precedenti con quelle attuali, disse: “Bene, adesso qui non c’è più niente“. Io replicai: “Davvero? Allora può essere un miracolo?” E lui: “No, queste cose accadono, vengono chiamate remissione spontanea“. Non sembrava per nulla impressionato, ma per me era un miracolo e anche se non lo erano gli altri, io ero davvero impressionato.

Considerazioni maturate da Benedict sulla sua esperienza.Il mistero della vita ha ben poco a che fare con l’intelligenza, visto che l’universo non è per niente un processo intellettuale. L’intelletto è utile: è brillante, ma allo stato attuale noi esaminiamo tutto con l’intelletto, invece di usare anche il cuore che è la parte più saggia di noi stessi.

Il centro della Terra è un grande trasformatore di energia, proprio come si vede nelle immagini che rappresentano il campo magnetico. Questo è il nostro ciclo, che spinge le anime a reincarnarsi di nuovo attraverso di esso. Il segno che si sta raggiungendo il livello umano è rappresentato dall’inizio dell’evoluzione della coscienza.

Gli animali invece hanno un’anima di gruppo, e si reincarnano in anime di gruppo. Un cervo, con ogni probabilità, resterà per sempre un cervo, ma il solo fatto di nascere come essere umano, genio o stupido che sia, indica che si è intrapreso il percorso dell’evoluzione della coscienza individuale. Questa, in se stessa, fa parte di quelle coscienza di gruppo che chiamiamo umanità.

Vidi che le razze umane sono come degli ammassi di personalità. Nazioni come la Francia, la Germania e la Cina hanno la loro identità personale. Anche le città hanno una loro personalità, il loro gruppo di anime locale che attrae certe persone. Le famiglie hanno anime di gruppo. L’entità individuale si evolve come i rami di un frattale: l’anima di gruppo esplora la nostra individualità.

Le differenti domande che ciascuno di noi si pone sono molto importanti. Questo è il modo in cui la divinità esplora il sé di Dio, attraverso di voi. Così ponete le vostre domande, fate le vostre ricerche. Troverete il vostro sé e troverete Dio nel vostro sé, dato che esiste solo il sé. Inoltre, cominciai a vedere che tutti gli esseri umani sono anime compagne. Noi siamo parti di un unico processo di differenziazione frattale dell’anima in molte direzioni creative, e tuttavia siamo sempre la stessa cosa. Adesso io guardo ad ogni essere umano che mi capita di incontrare, e vi vedo un’anima compagna, la mia anima gemella, quella che ho sempre cercato.

Al di là di questo, la più grande anima gemella che voi possiate mai avere è la vostra. Ciascuno di voi è insieme maschio e femmina. Noi facciamo esperienza di questa condizione sia nell’utero che negli stati di reincarnazione. Se state cercando l’autentica anima gemella fuori di voi, potreste non trovarla mai: non è là. Proprio come anche Dio non è là. Dio è qua. Non cercate Dio in un altro luogo. Cercatelo qua. Cercate attraverso il vostro sé. Date inizio al più grande amore della vostra vita… col vostro sé. In questo modo arriverete ad amare tutto.

Feci una discesa in ciò che qualcuno chiamerebbe “inferno“, e fu sorprendente. Non vidi né Satana né il male.La mia discesa nell’inferno fu una discesa nell’adattamento di ogni persona alla propria miseria, all’ignoranza ed all’oscurità della non conoscenza. Sembrava una specie di miserabile eternità. Ma ciascuna dei milioni di anime che mi circondavano aveva una piccola stella di Luce a disposizione. Nessuna di loro sembrava farci caso, perché erano tutte assorte nei loro dolori, traumi e miserie. Ma dopo quello che sembrò durare un’eternità cominciai a chiamare quella Luce, come un bambino che chiama uno dei genitori chiedendo aiuto. Allora la Luce si dilatò e formò un tunnel che venne fino a me, isolandomi da quel dolore e da quella paura. Questo è ciò che è realmente l’inferno. Così quello che noi facciamo è imparare a tenerci per mano, ad andare avanti insieme. Le porte per uscire dall’inferno ora sono aperte. Noi dobbiamo ricongiungerci, tenerci per mano, ed andare via dall’inferno.

La Luce venne da me e si tramutò in un grandioso angelo dorato, ed io chiesi: “Tu sei l’angelo della morte?”Mi rese manifesto che lui era la mia anima superiore, la matrice del mio sé più elevato, una parte antichissima del nostro essere. Allora fui portato nella Luce. Presto la nostra scienza riuscirà a quantificare lo spirito. Non sarà una cosa meravigliosa? Noi riusciremo a mettere a punto strumenti sensibili all’energia sottile o all’energia dello spirito. I fisici usano già apparecchiature per far collidere le particelle subatomiche e vedere di cosa sono fatte. Sono pervenuti a conoscere i quark ed i charm, e cose del genere. Bene, un giorno arriveranno a scoprire quella piccola cosa che tiene insieme tutto quanto, ed allora decideranno di chiamarla… Dio.

 

circoloatomo

 

Con i ciclotroni e gli acceleratori di particelle essi non solo vedono quello che c’è, ma riescono anche a creare delle particelle. Per fortuna la maggior parte di esse ha una vita di pochi millisecondi o nanosecondi. Noi stiamo appena cominciando a comprendere che riusciamo anche a creare, via via che andiamo avanti.Come ho già detto, pervenni ad un livello di realtà nel quale c’è un punto in cui si trascende tutta la conoscenza e si comincia a creare il frattale successivo, il nuovo livello.

Noi abbiamo questo potere di creare quello che esploriamo, e questo corrisponde all’espansione di Dio attraverso di noi.

Dopo il mio ritorno ho sperimentato la Luce spontaneamente, ed ho imparato come raggiungere quel livello quasi ogni volta mediante la meditazione.Ognuno di voi può fare la stessa cosa. Non è necessario morire per poterlo fare. Tutto è già disponibile nei vostri strumenti. Voi sete già attrezzati per farlo.

Il corpo è il più straordinario strumento di Luce che esiste in questa dimensione. Il corpo è un incredibile universo di Luce. Lo spirito non ci sta spingendo a distruggere il corpo. Non è questo che sta accadendo. Smettetela di provare a diventare Dio: è Dio che sta diventando voi. Qui. La mente è come un fanciullo che corre per l’universo, avendo bisogno di farlo e pensando di creare il mondo. Ma io chiedo alla mente: “Cosa ha a che fare con questo tua madre?” Questo è il seguente livello di coscienza spirituale. Oh! Mia madre! Improvvisamente bisogna rinunciare all’ego, perché noi non siamo l’unica anima dell’universo.

Una delle mie domande alla Luce fu: “Cos’è il paradiso?” Mi venne fatto fare un giro di tutti i paradisi che sono mai stati creati: il nirvana, i beati territori di caccia, e vari altri. Passai attraverso di essi: sono creazioni di forme di pensiero che noi abbiamo ideato. In realtà noi non andiamo in paradiso: noi siamo rigenerati, ma qualsiasi cosa abbiamo creato, noi vi lasciamo una parte di noi stessi. È reale, ma è solo una parte della nostra anima.

Vidi anche il paradiso cristiano. Ci aspettiamo che sia un bel posto, nel quale ci si trova di fronte ad un trono, in eterna adorazione. Io l’ho provato: è noioso! Questo è tutto quel che andremo a fare? Ma è roba da bambini. Non intendo offendere nessuno. Alcuni paradisi sono molto interessanti, mentre altri sono noiosi. Mi sembra che quelli degli antichi siano più interessanti, come i beati territori di caccia degli indiani d’America. Quelli degli Egizi erano fantastici. Ce ne sono tantissimi. In ognuno si trova un frattale costituito dalla vostra particolare interpretazione, a meno che non facciate parte del gruppo di anime che crede solo nel Dio di una particolare religione. Allora siete molto simili l’uno all’altro, tutti insieme nello stesso stadio. Ma anche in un caso simile, ognuno è leggermente diverso dall’altro. Quella è la parte di voi stessi che voi vi lasciate. La morte riguarda questa vita, non il paradiso.

Domandai a Dio: “Qual è la migliore religione del pianeta? Chi è più vicino alla verità? “E la divinità rispose, con grande amore: “Non m’ interessa”.In questa risposta c’era una grazia incredibile. Significava che siamo noi gli esseri di cui prenderci cura.L’infinita divinità del cosmo ci dice: “Non ha nessuna importanza a quale religione apparteniate”. Esse vanno e vengono, esse cambiano. Il buddismo non è stato qui per sempre, e nemmeno il cattolicesimo, e tutte le religioni diverranno più illuminate. Adesso sta per arrivare più Luce in tutti i sistemi. Sta per giungere una riforma spirituale che sarà altrettanto drammatica quanto la riforma protestante. Molta gente si batterà per la propria religione, le religioni si combatteranno tra loro, ciascuna credendo di essere nel giusto.Ognuno pensa di possedere Dio, le religioni e le filosofie, ma soprattutto le religioni, dato che formano grandi organizzazioni intorno al loro nucleo filosofico.

Quando la divinità disse: “Non mi interessa” io compresi immediatamente che siamo noi a curarcene. È importante, perché noi siamo gli esseri di cui avere cura. Interessa noi, e questo è il motivo per cui è importante. Quello che si ottiene è una corrispondenza tra energia e spiritualità. Alla divinità infinita non interessa se noi siamo protestanti, buddisti o altro. Non sono altro che accidentali sfaccettature del tutto. Vorrei che tutte le religioni capissero questo fatto e si tollerassero reciprocamente. Non è la fine della religione, dato che si parla sempre dello stesso Dio. vivi e lascia vivere. Ognuno ha una differente visione. E tutto questo aggiunge qualcosa al grande quadro: tutto è importante.

Quando andai nell’altra parte avevo molte paure sui rifiuti tossici, i missili nucleari, l’esplosione demografica, la distruzione delle foreste equatoriali. Tornai indietro pieno di amore per ogni singolo problema. Amo i rifiuti tossici. Amo il fungo atomico: esso è il più sacro mandala che abbiamo manifestato fino ad oggi, come un archetipo. Esso, più di ogni religione o filosofia sulla Terra, ci ha portato insieme di colpo ad un nuovo livello di consapevolezza. Sapendo che magari possiamo far esplodere il pianeta 50 o 500 volte, noi riusciremo forse a comprendere che siamo qui tutti insieme. Per un certo periodo hanno continuato ad accumulare sempre più bombe sulla nostra testa, poi abbiamo cominciato a dire: “Non abbiamo più bisogno di questa roba”.Adesso noi viviamo in un mondo più sicuro di quanto non sia mai stato, e che diventerà ancora più sicuro.

Così io sono tornato indietro per amare anche i rifiuti tossici, perché ci permettono di sentirci più uniti. Si tratta di cose molto grandi. Come ebbe a dire Peter Russell, questi problemi sono ora “a misura d’anima”. Ma noi abbiamo risposte “a misura d’anima?” Sì! Il disboscamento della foresta pluviale comincerà a rallentare, e tra 50 anni ci saranno più alberi sul nostro pianeta di quanti vene siano mai stati. Se lavorate per l’ecologia, datevi da fare: voi siete quella parte del sistema che sta diventando consapevole. Datevi da fare con tutte le vostre energie, ma senza essere depressi. È una parte di qualcosa di più grande.La Terra è in un processo di autoregolazione. Non tornerà più ad essere quel luogo selvaggio che era una volta.Ci saranno ancora grandi spazi liberi, riserve in cui la natura può espandersi. In futuro giardini e riserve saranno luoghi privilegiati. L’incremento della popolazione sta raggiungendo il livello adatto per provocare un cambio di coscienza, e mediante questo cambiamento muteranno la politica, il denaro e l’energia.

Cosa accade quando sogniamo? Noi siamo esseri multidimensionali. Possiamo accorgercene attraverso i sogni lucidi. In effetti, quest’universo è il sogno di Dio. Una delle cose che ho visto è che noi umani siamo una particella di un pianeta che è una particella di una galassia che è una particella di qualcos’altro. Là fuori ci sono sistemi giganteschi, ed il nostro è una specie di sistema medio. Ma gli esseri umani rappresentano già una leggenda nel cosmo della coscienza. La piccola creatura umana del pianeta Gaia è un essere leggendario. Una delle cose per cui siamo diventati leggendari è il sognare. Noi siamo sognatori leggendari. Infatti, il cosmo intero ha cercato il significato della vita, il significato di ogni cosa. Ed è stato questo piccolo sognatore a venirsene fuori con le migliori risposte. Noi abbiamo sognato di tutto. Per questo i sogni sono importanti.

Dopo esser morto ed esser tornato indietro, io rispetto davvero la vita e la morte. Nei nostri esperimenti sul DNA noi abbiamo aperto la porta su un grande segreto. Presto noi riusciremo a vivere in questo corpo tanto a lungo quanto vogliamo. Dopo aver vissuto 150 anni o giù di lì, ci sarà un intuitivo sentimento dell’anima che ci farà desiderare di cambiare canale. Vivere per sempre in un corpo non è altrettanto creativo quanto il reincarnarsi, il trasferire nuova energia in questo fantastico vortice di energia nel quale ci troviamo. Noi siamo davvero in grado di vedere la saggezza della vita e della morte, e di gioirne.Come stanno adesso le cose, noi abbiamo già vissuto per sempre. Il corpo nel quale voi siete è stato vivo da sempre. Deriva da un infinita corrente di vita, che si origina dal big bang ed ancora prima.Questo corpo darà vita ad una prossima vita, in forma energetica sia densa che sottile.Questo corpo ha già vissuto per l’eternità.

Dal sito di Kevin Williams .Tradotto Con La Sua Autorizzazione (traduttore sconosciuto).

SPIRITUALITA' , , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente VIAGGIO NEL' AL DI LA' DI QUESTA DIMENSIONE (3a parte) Successivo Commissione Onu contro il Vaticano: "Chiesa ha permesso abusi"