I popoli dimenticati – GLI ADORATORI DELLE STELLE ..HSING NU”

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tra templi arroccati su cime inaccessibili, tra monaci contemplativi e sorridenti, tra le più alte catene del mondo, il Tibet è il paese del mistero per eccellenza. Sarà la sua secolare solitudine, sarà il mistero della sua fede, della sua filosofia e delle sue leggende che hanno dato a questo paese, dove tutti vorrebbero avventurarsi, il titolo di “magico”. Ovunque si vada, e specialmente tra i templi e le statue di Buddha, si capisce come un tempo qualcosa di profondamente misterioso accadde in queste zone; in un certo senso le misteriose strutture architettoniche fanno da padrone in questo spaccato di enigmaticità.

Il Tibet con le sue innevate cime custodisce grandi misteri: ora sede di Agharti, ora di Shamballa, ora custode dell’èlite di Mu, ora custode del Graal, di misteriosi libri e di perdute tecnologie.

 

paleoastronautica

Gli Hsing Nu, un misterioso popolo sviluppatosi nel Tibet settentrionale, viene a completare o per lo meno ad aggiungersi ai misteri di questo fantastico paese! Questo popolo, il cui nome significa adoratori delle stelle, all’inizio fu sottovalutato dagli studiosi, ma i ritrovamenti archeologici ne permisero una rivalutazione, ritenendolo un popolo abbastanza avanzato per l’epoca. Probabilmente di origine Persiana o Siriana, confermato dal fatto che tra le loro raffigurazioni religiose vi fosse Baal, dio tipico dei popoli mediorientali, questo abitava come già detto il Tibet settentrionale, più precisamente era stanziato a sud della catena del Kun Lan, zona ormai desertica. La loro storia e i loro misteri sarebbero rimasti ignoti all’opinione pubblica, ed ancora oggi parecchi ignorano la loro esistenza; e, se lo conoscono, lo considerano un popolo nomade accostabile ai Mongoli, agli Unni ed ai Tartari, ma di importanza relativamente minore. Se ora ne sappiamo qualcosa in più lo dobbiamo a Dupard, un prete/esploratore francese!

Nell’epoca d’oro di conquista e rispettiva conoscenza di questo mondo cosiddetto periferico e barbaro da parte degli imperi europei questo prete francese scoprì qualche cosa di incredibile, qualcosa che oltre che modificare le nostre attuali teorie sul passato del mondo pone l’idea che il Tibet è sicuramente il luogo più enigmatico della Terra, ma soprattutto sarà il perno principale per spiegare il mistero, i mondi scomparsi, queste insolite teorie esoteriche, tantriche, religiose e via dicendo.
La scoperta avvenne nel lontano 1725 quando gli Hsing Nu erano già un popolo leggendario, avvolto nelle polveri del deserto; ma padre Dupard frugando dentro quella che sembrava la loro antica capitale trovò testimonianze archeologiche a dir poco sconvolgenti: mille monoliti che forse erano rivestiti di lamine d’argento, una piramide a tre piani (questo oggetto va a favore della famosa pancultura antidiluviana da noi più volte ipotizzata), la base di una torre azzurra, il palazzo reale, ma soprattutto fu colpito da un misterioso oggetto chiamato “la pietra lunare”: un masso bianco circondato da strani bassorilievi raffiguranti fauna e flora sconosciute. Qualche anno dopo un altro esploratore francese di nome Latour rinvenne lance, scudi, armi, vasellame ornato con svastiche e spirali. La chiave dell’esistenza e della spiegazione di questo popolo non poteva escludere gli stessi Tibetani, che come si sa sono custodi di saperi antichi di sapore esoterico. Infatti, ci dicono, fu riferito ad un gruppo di esploratori sovietici che la Piramide simboleggiava, dall’alto verso il basso: la Terra Antica, quando gli uomini raggiunsero le stelle; la Terra di Mezzo, quando giunsero dalle stelle; e la Terra Nuova, quando le stelle erano lontane!

Parecchi si sono cimentati nel tentare di tradurre questi misteriosi passi e vi vedono la cronaca di una colonizzazione spaziali in tempi remoti, ma i Tibetani oltre che concordare su quanto abbiamo appena detto ci dicono che gli Hsing Nu trovaro nella religione il proseguimento dei viaggi spaziali. Volendo trovare un quadro chiaro riconosciamo di trovarci di fronte a un vero enigma poiché non sappiamo come inserire il fatto che popoli primitivi praticassero già i viaggi spaziali e le colonizzazioni dei pianeti: si tratta forse di quella grande civiltà X, che esistette prime dell’uomo da noi conosciuto, che si mise a colonizzare lo spazio come facciamo noi oggi, e che poi ritornò? Tutto è possibile, ma il cruccio è che non sappiamo come inserire tutti gli altri popoli misteriosi, le leggende paleoastronautiche e via dicendo! Immaginiamo che la nostra società abbia prodotto una certa cultura anche in campo spaziale; ad un certo punto succede una catastrofe e tutto viene cancellato, ma alcuni popoli ne conservano il ricordo. Nasce così una nuova società, ignorante, parallela a quei popoli custodi di quel sapere dimenticato, che scopre infine come la Terra ospitò un tempo una civiltà evoluta che fece anche voli nello spazio.

disco-Baian-Kara-Ula

Uno dei dischi di Baian-Kara-Ula (al confine tra la Cina ed il Tibet)

Stiamo noi facendo forse la stessa cosa? Stiamo scoprendo i resti di una civilà ancestrale di cui gli Hsing Nu forse erano i massimi esponenti o i custodi quando essa stava per cancellarsi? Possibile teoria, infatti anche la descrizione del monolite bianco “portato” dalla Luna e circondato da bassorilievi che mostrano misteriose faune e flore avrebbe un suo posto preciso: un souvenir della colonizzazione della Luna (questo spiegherebbe i possibili siti archeologici alieni su Marte e sulla Luna, a detta naturalmente di chi voglia credere che esistano tali resti!
Gli Hsing Nu, che si dice siano stati padroni di tecniche avanzate di comunicazione a distanza e nello spazio (tecniche ora coltivate dai Tibetani), furono cancellati dalla faccia della storia. Si dice che furono i Cinesi gli autori della loro estinzione, ma non possiamo escludere qualche catastrofe naturale. I superstiti di questa caddero nella barbarie dimenticando il loro mirabile passato

La storia a questo punto sembra sempre la stessa: mondi scomparsi, tecnologie usate da misteriosi popoli forse consegnate all’umanità di allora da altri esseri provenienti dallo spazio, poi lasciati in eredità a gruppi culturali a loro volta estintasi a seguito di una o più catastrofi et simila.
Ammettendo l’esistenza di tali razze ci chiediamo: da dove vennero? Quali aree geografiche occupavano? Perché giunsero qui sulla Terra?

Il quadro, già di per sé difficile, si viene quindi a complicare sempre di più di fronte a queste scoperte archeologiche alternative, capaci di stravolgere teorie già di per loro senza solide basi, e forse non proprio attinenti alle realtà ancestrali che il pianeta Terra ebbe modo di ospitare.

http://angolodellamicizia.forumfree.it/?t=27592483

 

STORIA, ARCHEOLOGIA;MITOLOGIA

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente IL SEGRETO DIETRO LE PAROLE Successivo Un forte brillamento solare classe M-9.9 illumina 2 strani "oggetti" - 01.01.2014.