NASA rilascia immagini di “esagono” di Saturno come non è mai visto prima

094310275-aa6da7d4-9390-4653-a0bb-00640f9cf799

 

PER PRIMA VOLTA QUESTO FENOMENO SI E’ VISTO 26 ANNI FA!

Una gigantesca corrente esagonale circonda il polo nord di Saturno. Le ultime immagini registrate dalla sonda Cassini mostrano, con un dettaglio senza precedenti, il comportamento di questa immensa ‘giostra’ che continua a girare “da decenni – secondo Andrew Ingersoll, del team Nasa responsabile delle immagini inviate da Cassini – o forse da centinaia di anni, chi lo sa?”. Su Saturno infatti (come su Giove) le tempeste hanno durate indefinite, pesa il fatto che questi pianeti siano giganti gassosi e non ci sia sostanzialmente una terraferma che ne influenzi il comportamento. Gli ultimi rilevamenti a diverse lunghezze d’onda mostrano più chiaramente i contorni e la dinamica della corrente (che ha un raggio di 30mila chilometri fino a circa 70 gradi di latitudine) e delle tempeste al suo interno, soprattutto quella che staziona sul polo nord del pianeta il cui occhio è 50 volte più grande di quello di un uragano terrestre con venti che soffiano a oltre 500 chilometri all’ora. L’illuminazione favorevole del Sole che iniziato a gettare luce all’interno di questo sistema alla fine del 2012, permetterà di acquisire sempre nuove immagini e informazioni. L’emisfero nord è infatti entrato nella sua ‘primavera’ nell’agosto del 2009 (a cura di Matteo Marini)

 

Il 10 ottobre 2013, la sonda spaziale Cassini ha scattato 36 fotografie del pianeta Saturno mentre si trovava al di sopra del suo polo nord. Utilizzando le immagini fornite dalla NASA, Gordan Ugarovic ha realizzato un mosaico producendo un’immagine spettacolare e molto insolita del pianeta. L’immagine finale è molto dettagliata (potete usare lo zoom e vederla a tutto schermo usando le icone nel visore, o qui più grande) e mostra, tra le altre cose, le caratteristiche dell’atmosfera di Saturno e naturalmente i suoi famosi anelli.
Nella foto è molto evidente l’”esagono di Saturno”, un sistema nuvoloso persistente di forma esagonale che si trova al polo nord del pianeta. Ogni lato dell’esagono è lungo 13.800 chilometri, più del diametro della Terra. L’esagono ruota su se stesso in poco meno di 10 ore e 40 minuti.

 

Ecco cosa ne pensano gli addetti della NASA:
“E’ una caratteristica molto strana ed è in una precisa foggia geometrica, con 6 lati quasi perfettamente uguali,” ha detto Kevin Baines, esperto di atmosfera e membro della squadra Cassini, relativa allo spectometro che fa la mappatura ad infrarossi al Propulsion Laboratory, della NASA in Pasadena, California.
“Non abbiamo mai visto nulla di simile nè su questo nè su altri pianeti. Infatti la densa atmosfera di Saturno, dove dominano onde a forma circolare e cellule convettive, è forse l’ultimo posto in cui ci si aspetterebbe di vedere una cosa simile a sei lati… ma c’è!” …

 

Naturalmente sembra del tutto innaturale. Le nuvole non formanoesagoni nè mantengono simili strutture, mentre i lati orbitano nel centro. A vedere questa immagine, è difficile dire che sia “naturale” … è li, tutto da vedere.
Stavo giusto studiando questa informazione della NASA, quando qualcosa mi colpì piu’ di altre, poiché particolarmente interessante: dentro l’esagono c’è una piramide a tre lati. Appare molto chiaramente come un triangolo piu’ chiaro che si staglia sullo sfondo dell’esagono. Immaginate una piramide messa sul vertice dell’esagono, ed ecco che lo vedete.

Ma c’è persino di piu’: Dentro la piramide c’è la forma dell’occhio onnipresente. Lo potete vedere chiaramente nel centro della figura triangolare, dentro l’esagono.

Il 42 di Maat: Il libro Egizio degli Inferi

Le Piramidi hanno base quadrata (4) e lato triangolare (3)
se si deve rappresentare la Piramide si usera’ il numero 7 ovvero la somma dei lati delle due figure
il Quadrato (4) + il Triangolo (3)= 7 (“I Sette Cieli”)
Numero delle piramidi della Piana di Giza: 3
Numero della Piana di Giza: 7×3= 21 (il numero di Dio)
“Come in Alto Cosi’ in Basso”:
trad. 21×2= 42
L’importanza del Testo Iniziatico nell’Antico Egitto:
Cosa succede nella  “II Ora del Viaggio del Sole Notturno” ?
Che al defunto appaiono proprio i “42 Giudici” ossia le “Anime della Duat” e il Nome dell’Ora è “l’Abile a difendere il suo Signore”
Conferma del Numero 42 all’interno dell’Uomo:
  • I Sette Cieli (7) la Manifestazione Settenaria della Creazione – I Sette Chakra
  • I Sei Giorni della Creazione (6) il numero di facce del Cubo (6) e dei lati dell’Esagono (6)
  • Il Cubo (6) è la Figura Geometrica contenuta da Saturno
  • la Forma Geometrica della Mater(ia)
  • Saturno è il Sesto Pianeta (6) il piu’ esterno e rappresenta il “Confine del Sistema Solare”
  • Saturno è “Horus il Toro” ed anche “Arkaputra- Figlio Primogenito del Sole”
  • il 6 è il Numero Atomico del Carbonio
  • l’Essere Umano è Forma di Vita a base Carbonio
  • I “Sette Cieli” (7) x i “Sei Giorni della Creazione” (6)= 42
L’Esagono (6) di Saturno:
Questo è come i colori naturali del esagonali sembrano all’occhio umano – in toni di blu e oro.(Credit: NASA / JPL-Caltech / Space Science Institute) 

http://youtu.be/hcc3xo5gIdo

 

Fonte:
I SEGRETI SVELATI, STORIA, ARCHEOLOGIA;MITOLOGIA , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente NIKOLA TESLA – NUOVI DOCUMENTI FBI Successivo LE CHIACCHIERE SPAZIALI - Che cosa ci dicono i corpi celesti?