Vaticano svela affreschi suggerendo che le donne svolgevano potere nella Chiesa primitiva

  • Gli affreschi 230-240 dC sono stati trovati nelle Catacombe di Priscilla di Roma
  • Un affresco mostra un gruppo di donne che celebrano banchetto dell’Eucaristia
  • Un’altra donna mostra con le braccia tese come quelle di un sacerdote
  • Vaticano II dice affermazioni che queste donne erano sacerdoti sono ‘favole’

 

Affreschi italiani appena restaurate hanno rivelato quello che poteva essere il sacerdozio femminile nella Chiesa cristiana.

Gli affreschi, risalenti tra il 230-240 dC, sono alloggiati all’interno delle catacombe di Priscilla di Roma e sono stati presentati dal Vaticano questa settimana.

I fautori di un sacerdozio femminile hanno detto che gli affreschi dimostrano c’erano donne sacerdote nel cristianesimo primitivo.

Il Vaticano, però, ha risposto dicendo che tali affermazioni sono sensazionalistici ‘favole’.

Un affresco è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla a Roma.  La catacomba, utilizzata per le sepolture cristiane della fine del 2 ° secolo attraverso il 4 ° secolo, ha riaperto ieri al pubblico dopo anni di restauro
Affreschi italiani appena restaurate hanno rivelato quello che avrebbe potuto donne prete nella chiesa paleocristiana. La femmina raffigurata in questo affresco ha le braccia aperte come se in possesso di massa

 

Scavata dal secondo al quinto secolo, le Catacombe di Priscilla sono un complesso labirinto di camere funerarie sotterranee si estendono otto miglia sotto la metà settentrionale della città.

La zona è spesso chiamata la ‘regina delle catacombe’ perché è dotato di camere funerarie di papi e un piccolo, delicato affresco della Madonna che allatta Gesù risalente intorno al 230-240 dC – la prima immagine conosciuta della Madonna col Bambino.

Il cardinale Gianfranco Ravasi, ministro della cultura del Vaticano, ha aperto la ‘cubicolo di Lazzaro’, che è una piccola camera sepolcrale con immagini secolo quarto di scene bibliche, gli Apostoli Pietro e Paolo, e uno dei primi Romani ci sepolti nel letto a castello-come pile come era comune nell’antichità.

Un affresco è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla a Roma
Un affresco raffigurante donne che celebrano l’Eucaristia è raffigurato all’interno della catacomba di Priscilla a Roma. La catacomba, utilizzata per le sepolture cristiane della fine del 2 ° secolo fino al 4 ° secolo, ha riaperto il Martedì al pubblico dopo anni di restauro
Un affresco è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla
Gli affreschi 230-240 dC, rinvenuti nelle Catacombe di Priscilla di Roma, sono stati presentati dal Vaticano questa settimana

 

Un affresco è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla
I fautori di un sacerdozio femminile dicono affreschi dimostrano c’erano donne sacerdote nel cristianesimo primitivo. Il Vaticano dice che tali affermazioni sono «favole sensazionalistici ‘

 

LE CATACOMBE DI PRISCILLA

Una vista mostra la catacomba di Priscilla

 

Le catacombe di Priscilla, sulla via Salaria di Roma, sono state completamente riaperto dopo un progetto quinquennale che ha incluso la tecnologia laser per pulire alcuni degli antichi affreschi e un nuovo museo per ospitare frammenti di marmo restaurati di sarcofagi.

Scavato dal secondo al quinto secolo, i catacoms sono un complesso labirinto di camere funerarie sotterranee si estendono miglia sotto la metà settentrionale della città.

La zona è spesso chiamata la ‘regina delle catacombe’ perché è dotato di camere di sepoltura di papi e di un piccolo, delicato affresco della Madonna che allatta Gesù risalente intorno 230-240 dC – la prima immagine conosciuta della Madonna col Bambino.

Più controverso, la catacomba ha due scene dette dai sostenitori del movimento dell’ordinazione delle donne a mostrare sacerdozio femminile.

Un affresco nella ocra color cappella greco dispone di un gruppo di donne che celebrano un banchetto, ha detto di essere il banchetto dell’Eucaristia.

Un’altra immagine, in una stanza chiamata la ‘Cubiculum della Velata,’ mostra una donna le cui braccia sono tese come quelle di un sacerdote dire Messa

Indossa ciò che le catacombe “sito italiano chiama ‘una ricca veste liturgica’. Indossa anche quello che sembra essere una stola, una veste indossata dai sacerdoti.

L’Associazione cattolica romana Donne Sacerdoti contiene le immagini come prova che ci fossero donne prete nella chiesa paleocristiana – e che quindi non ci dovrebbero essere donne sacerdote oggi.

Ma Fabrizio Bisconti, sovrintendente della Commissione di archeologia sacra del Vaticano, ha detto che una tale lettura degli affreschi era puro ‘favola, una leggenda.’

Anche se le catacombe ‘guida ufficiale dice che c’e’ un chiaro riferimento al banchetto della Santa Eucaristia ‘nell’affresco, Bisconti ha detto che la scena del banchetto non era un banchetto eucaristico, ma un banchetto funebre.

 

Un marmo bassorilievo che decora un sarcofago è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla a Roma
Un marmo bassorilievo che decora un sarcofago è raffigurato all’interno della catacomba di Priscilla a Roma

 

Un affresco è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla a Roma
Il Vaticano ha limitato il sacerdozio per gli uomini, sostenendo che Gesù scelse solo uomini come suoi apostoli. Ecco il volto di un uomo dalle catacombe romane è raffigurato

 

Ha detto che anche se le donne erano presenti non stavano celebrando la Messa

Bisconti ha detto l’altro affresco della donna con le mani alzate in preghiera era solo che – una donna che prega.

‘Queste sono le letture del passato che sono un po’ sensazionalistica, ma non sono affidabili ‘, ha detto.

Alla domanda circa le quinte, Ravasi professato l’ignoranza e la cui commento Bisconti.

Un teschio è raffigurato all'interno della catacomba di Priscilla a Roma Novembe
Un teschio è raffigurato all’interno della catacomba di Priscilla a Roma. Perso per secoli dopo che i suoi ingressi sono stati sigillati in tempi antichi, le catacombe furono riscoperti nel 16 ° secolo e saccheggiarono di molte lapidi, sarcofagi e organismi

 

Una iscrizione in marmo è raffigurato all'interno della catacomba di PriscillaGoogle Maps ha, per la prima volta, andato nelle catacombe romane, fornendo un tour virtuale del complesso Priscilla a disposizione di tutti coloro che non possono visitare la cosa reale

 

Il Vaticano ha limitato il sacerdozio per gli uomini, sostenendo che Gesù scelse solo uomini come suoi apostoli.

Google Maps ha, per la prima volta, andato nelle catacombe romane, fornendo un tour virtuale del complesso Priscilla a disposizione di tutti coloro che non possono visitare la cosa reale.

Perso per secoli dopo i suoi ingressi sono stati sigillati nel tempo antico, le catacombe furono riscoperte nel 16 ° secolo e depredarono di molte lapidi, sarcofagi e dei corpi. Scavi in ​​tempi moderni hanno iniziato nel 19 ° secolo.

Catacombe di Priscilla
Le catacombe di Priscilla, a Roma, Via Salaria, sono stati completamente riaperto dopo un progetto quinquennale che ha incluso la tecnologia laser per pulire alcuni degli antichi affreschi

 

Una vista mostra la catacomba di Priscilla a RomaScavato dal secondo al quinto secolo, i catacoms sono un complesso labirinto di camere funerarie sotterranee che si estende miglia sotto la metà settentrionale di Roma

 

STORIA, ARCHEOLOGIA;MITOLOGIA ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Ison si sta spaccando? - VIDEO e foto Successivo Chi non vaccina i figli non sarà più segnalato in Procura