Luna Piena in Toro – 17 novembre 2013

1380464_741965899163803_352472211_n
La Luna Piena ha luogo alle 16:17 del 17 novembre 2013, allorché il Sole in Scorpione e la Luna in Toro sono esattamente in opposizione a 25°26′.
Questo è uno dei momenti più potenti per esplorare, comprendere e liberare attraverso il corpo e le emozioni gli aspetti più nascosti del nostro essere, che comprendono sia ciò che desideriamo con la massima passione, sia ciò di cui abbiamo terrore.
Nel mondo ordinario lo Scorpione è il segno associato con gli aspetti esoterici e profondi della sessualità e della morte, sull’intima relazione tra luce e buio, e sulla relazione con realtà invisibili che sottendono tutto quanto percepiamo nel mondo visibile. Lo Scorpione riguarda tutto quanto rappresenta un tabù della realtà convenzionale, ciò che costituisce imbarazzo per l’ego e l’immagine che vogliamo dare agli altri. Questi aspetti nascosti sono la chiave per riappropriarci della nostra vera natura e guarire a livello profondo quello che ci accade nella vita.
Il Toro identifica le parti e le funzioni esteriori, più esposte del corpo, come la bocca e l’atto del nutrimento, mentre lo Scorpione è in relazione con le zone e le funzioni più occulte, ossia genitali, rilascio organico, sesso, riproduzione e morte.
Questa polarità tra Toro e Scorpione, messa in scena dalla Luna Piena del 17 novembre esemplifica la dinamica tra misteri interiori ed esteriori.
Il mistero esteriore incorpora ciò che è riconosciuto nell’ambiente collettivo, le tradizioni e i costumi di una specifica cultura o comunità. Dà innanzi tutto un senso di unione con gli altri esseri umani, e poi con il Divino. Anche il mistero interiore tende a relazionarsi con il Divino, ma in un modo che non necessariamente riceve il riconoscimento degli altri esseri umani, almeno della maggior parte di loro.
Il mistero esteriore coinvolge tutti i membri della comunità, perché definisce e supporta l’identità collettiva del gruppo stesso. Il mistero interiore è una zona specializzata, che richiede una specifica chiamata e non è per tutti.
Nei tempi antichi il mistero interiore operava armoniosamente con il mistero esteriore. I due misteri erano abbastanza diversi nella loro espressione, con pratiche ed etiche spesso opposte, ma erano considerati parte della stessa totalità, come il giorno e la notte. Poiché le culture di quei tempi avevano lo scopo di creare equilibrio fra le polarità, i misteri interiori ed esteriori erano entrambi accettati e facevano parte della realtà consensuale.
Il mistero esteriore implicava una connessione tra esseri umani che vivono sul pianeta in terza dimensione, mentre il mistero interiore mirava a stabilire un rapporto con altre dimensioni e realtà. Questo rapporto non era accessibile alla maggior parte degli uomini, che tuttavia lo supportavano attraverso la diretta partecipazione al mistero esteriore e l’accettazione del mistero interiore.
Sfortunatamente l’equilibrio tra mistero esteriore e interiore è andato perduto negli ultimi secoli. I misteri esteriori e interiori si sono gradualmente separati, il primo accettato e il secondo bandito e perseguitato.
Durante questi giorni di Luna Piena ci uniamo, insieme a tanti amici sul pianeta, per promuovere la guarigione dei due misteri attraverso meditazioni e rituali.

A questo scopo teniamo un seminario a Terra di Luce (Corvaro, Rieti), il 16-17 novembre, dal titolo Luce e Buio: Seminario Scorpione intensivo di sessualità olistica, clicca qui per informazioni. Puoi anche unirti a noi a distanza, usando la Meditazione della Luna Piena in Toro.

Meditazione della Luna Piena in Toro

 

Questo evento ha luogo in qualsiasi momento della notte tra il 16 e 17 novembre 2013. La pratica può durare un minimo di 15 minuti.

 

A seguire fornisco alcune linee guida per la pratica. Allo stesso tempo, poiché Scorpione e Toro, combinati in questa Luna Piena, producono un’energia molto fisica, emotiva e istintiva, colma di passione e sensualità, se il tuo corpo e l’ambiente che ti circonda ti chiamano a fare qualcos’altro, t’invito a seguire la tua ispirazione, e sarai sempre in ogni modo, unito/a a quanti partecipano a tale evento.
Nel caso le indicazioni fornite ti appaiono troppo complesse o non ti risuonano, per favore usa qualunque cosa abbia senso per te. Ciò che conta alla fine è prendersi del tempo per concentrarsi su uno scopo di guarigione, invocando la presenza del Divino come Lo comprendiamo, usando il semplice linguaggio del cuore e mantenendo una costante focalizzazione durante la pratica, preferibilmente per un minimo di 15 minuti.
Per informazioni riguardo la natura di questa Luna Piena in Toro, invito a leggere l’articolo in http://astrosciamanesimo.blogspot.it/2013/11/luna-piena-in-toro-17-novembre-2013.html
Indicazioni guida per la Meditazione della Luna Piena in Toro:
Durante questa meditazione i partecipanti si uniscono in comunione silenziosa per promuovere un Intento di unità, perdono e allineamento con la rete della vita, lasciando andare rancori e situazioni di conflitto, specialmente nella sfera sessuale, aprendosi alla presenza risanante della Luce e dell’Amore, così come La intendono in base alla loro esperienza e/o credenze religiose. Lo scopo è sostenere guarigione e amore ad ogni livello, per se stessi, l’ambiente e tutti gli esseri (in particolare coloro con cui vi sono tensioni di natura sessuale o rancori emotivi, incluso noi stessi).
 
Puoi svolgere questa pratica restando immobile per tutto il tempo oppure, dopo uno stato iniziale di immobilità, muovendoti o danzando, ritornando all’immobilità nello stadio finale.
1) Siedi o stai in piedi rilassato con la spina dorsale eretta, e i piedi piantati sul pavimento. Porta l’attenzione al respiro e collegati con lo spazio che ti circonda, senti l’aria e il vuoto che confina con la superficie del tuo corpo. Percepisci l’intero ambiente, la sua pienezza e il suo vuoto, il visibile e l’invisibile, permettendo a tutto ciò di collegarsi con altri ambienti vicini e lontani, incluse persone vicine e lontane, e tutti i partecipanti a questo evento, conosciuti e sconosciuti.
2) Crea una connessione consapevole con il tuo ambiente e ogni altro ambiente possibile, spostandoti gradualmente da una percezione separata alla coscienza dell’interconnessione di tutto ciò che esiste. Permetti a te stesso di fare fermamente parte di questa unità e della rete della vita, onorando allo stesso tempo la tua percezione separata.
3) Porta la tua attenzione verso i genitali e l’ano (Scorpione). Connettiti con l’intenzione di guarigione di questa meditazione, mentre permetti alla consapevolezza dei genitali e dell’ano di espandersi progressivamente attraverso le gambe fino ai piedi, sprofondando nel suolo e raggiungendo infine un punto immaginario sito al centro della Terra.
4) Porta la tua attenzione alla gola e alla bocca (Toro). Considera l’intenzione di questa pratica, mentre consenti alla consapevolezza della gola e della bocca di connettersi con un raggio che discende da uno spazio di massima Luce e Amore sito in un punto immaginario del Cielo. Lascia scendere questo raggio, lungo il tuo corpo, passando dalla testa e soffermandosi con intensità nella gola e nella bocca. Poi continua a farlo discendere attraverso il Cuore, il Plesso Solare fino a giungere ai genitali e all’ano. Percepisci la presenza di questo raggio che collega il Cielo con la gola e la bocca e in seguito con i genitali e l’ano, e il centro della Terra. Invita fermamente e coscientemente la massima energia di Luce e Amore ad essere presente in questo collegamento. Passa un paio di minuti in questo spazio, consentendo all’energia di Luce e Amore di installarsi.
5) Considera una situazione o delle situazioni nella tua vita connesse con la tua Intenzione, con ciò che ti dona gioia, amore e qualunque cosa desideri per te stesso e gli altri nella vita. Permetti a tutto ciò di essere sostenuto dalla consapevolezza dei genitali e dell’ano, rappresentante il Sole in Scorpione.
6) Permetti alla tua Intenzione di muoversi da un livello individuale a un livello collettivo, comprendendo altri esseri presenti, futuri e passati, di questo o altri mondi, tutti in armonia con la tua stessa Intenzione, che vogliono ciò che tu vuoi.
7) Consenti alla tua Intenzione di collegarsi con ogni altra Intenzione luminosa, non importa quanto esse siano differenti, permettendo loro di essere parte della stessa rete della vita.
8) Espandi la consapevolezza dei tuoi genitali e dell’ano, con la relativa Intenzione, verso le gambe, raggiungendo i piedi, e scendendo nel terreno fino al punto sito nel centro della Terra.
9) Considera una situazione o delle situazioni nella tua vita in cui ci sono dei rancori o problemi difficili, e permetti loro di essere sostenuti dalla consapevolezza della gola e della bocca, rappresentante la Luna in Toro.
10) Consenti a questi rancori di muoversi da un livello individuale a un livello collettivo, comprendendo altri esseri presenti, futuri e passati, di questo o altri mondi, tutti con lo stesso tipo di rancori o problemi.
11) Permetti a questi rancori e problemi di collegarsi con ogni altro rancore o problema possibile, non importa quanto essi siano differenti, permettendo a loro di essere parte della stessa rete della vita.
12) Senti la presenza del raggio luminoso che discende dal Cielo e dagli il permesso di operare sulla gola e sulla bocca, e sui relativi rancori, poi lascialo discendere verso il Cuore, il Plesso Solare raggiungendo i genitali e scendendo fino al punto centrale della Terra.
13) Focalizzati ora sul Cuore, e sul raggio di Luce e Amore che collega Cielo e Terra, permettendo all’ambiente di essere totalmente assorbito da esso.
14) Sii consapevole delle parti basse del tuo corpo (ventre, genitali, gambe, caviglie, piedi), incluso tutto ciò che è sotto di te, fino al centro della Terra, e collegalo con il Cuore.
15) Sii consapevole delle parti alte del tuo corpo (spalle, gola, testa), incluso tutto ciò che è sopra di te, fino al cielo, e collegalo con il Cuore.
16) Permetti alle parti alte e basse di essere assorbite dal Cuore, così che alla fine c’è solo il Cuore. Ricevi una benedizione incondizionata dal Cuore.
17) Permetti al mondo esterno di emanare dal Cuore e prendere la forma energizzata e rinnovata del tuo corpo fisico e dell’ambiente circostante. Ritorna alla coscienza ordinaria, consentendo a questo processo di continuare per pochi minuti ad un livello sottile. Prendi del tempo per tornare completamente alla coscienza ordinaria, stirati, alzati, cammina, bevi un po’ d’acqua, ecc.
18) Riconosci quello che ti è successo e come ti sei sentito. Prendi nota di qualsiasi cosa di importante per te. Se vuoi, condividi la tua esperienza nella pagina dedicata all’evento, o sul nostro blog, o privatamente con me ([email protected]) e/o altre persone.
La pratica dura da un minimo di 15 minuti ad un massimo di un’ora.
Benedizioni, Franco Santoro
Numerologia, astrologia, tarocchi , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Il pensiero positivo e il pensiero quantistico Successivo Sinestesia - Hai mai visto un sapore?