Crea sito

sabato settembre 28, 2013 21:58

ISON – sarà vista come una “Stella di natale”

Posted by Tanja

Share:
Condividi

hqdefault (2)

 

La cometa ISON è sempre più vicina aMarte, dal quale sarà sei volte più vicina rispetto al passaggio atteso il 26 dicembre dalla Terra.

 

La Cometa del Secolo/ Permane ancora incertezza sul futuro di Ison, anche se stando agli ultimi aggiornamenti sembrano aumentare le possibilità che il suo cammino prosegua senza intoppi.

La Cometa Ison, denominata C/2012 S1,potenzialmente potrebbe divenire l’evento astronomico del secolo, ma affinchè ciò avvenga è necessario che sopravviva al contatto ravvicinato col Sole, atteso sul finire di Novembre, e anche qualora dovesse andare tutto per il meglio non è detto che la sua visibilità sarà tale da permetterne l’osservazione ad occhio nudo.

Siamo giunti quasi al termine di Settembre e il cammino della ISON verso il Sole sta per incontrare il primo importante ostacolo, ovvero la “linea del gelo”. Si tratta di una linea immaginaria oltre la quale le radiazioni emesse dal Sole cominciano ad aumentare la propria incisività, in grado dunque di fondere con maggior facilità il ghiaccio della Cometa.

Questa linea immaginaria sarà valicata il 1° Ottobre anche se il vero pericolo è rappresentato dall’incontro ravvicinato col Sole il 28 Novembre.

 

 

Il 1 Ottobre, l’astro chiomato proveniente dalla lontana nube di Oort (la culla delle comete) e al suo primo viaggio nel sistema solare interno, valicherà la cosiddetta “linea di gelo”, una linea immaginaria oltre la quale il Sole dovrebbe cominciare a sciogliere gli elementi volatili di cui è composto. Astronomi e appassionati del cielo di tutto il mondo, tuttavia, sono già in attesa di vedere che cosa accadrà nell’incontro ravvicinato del Sole del 28 Novembre, rischioso per l’integrità della cometa.

Sarà allora che il calore scioglierà in maniera accentuata il ghiaccio che avvolge il nucleo roccioso, formando una coda sempre più spettacolare.

Attualmente ISON è invisibile ad occhio nudo, ma può essere rintracciata con un medio telescopio commerciale prima dell’alba.

Secondo Karl Battams, astrofisico presso la US Naval Research Laboratory, la possibilità che il corpo sopravviva al perielio è del 50%. Il passaggio lungo l’orbita di Marte permetterà di valutare le dimensioni del suo nucleo, e quindi stabilire con maggior precisione le possibilità di sopravvivenza al passaggio radente con il Sole. Se C/2012 S1 uscirà indenne da tale passaggio, diverrà quasi sicuramente visibile ad occhio nudo nei mesi di Dicembre e Gennaio.

Attualmente ISON, in relazione alla stessa distanza dalla nostra stella, è leggermente più luminosa della cometa Lovejoy, che nel 2011 ha messo su uno spettacolo degno di nota nel cielo australe. Questo fattore, unito all’orbita molto simile della grande cometa del 1680, lascia buone speranze agli osservatori di tutto il mondo.

Un parere positivo l’ha mostrato anche Matthew Knight del Lowell Observatory della NASA, il quale spiega che ISON potrebbe essere grande due volte la cometa Lovejoy, e che le possibilità di passare indenne al perielio sono potenzialmente elevate.

A metà Settembre la cometa brillava come una stella di magnitudine 14, un valore più basso rispetto alle previsioni formulate tempo prima dagli analisti.

Tuttavia, se anche non dovesse risultare l’evento del secolo, potrebbe rappresentare un grande evento celeste nel periodo di Natale.

I rover posti sulla superficie di Marte proveranno nei prossimi giorni ad analizzare la composizione della ISON e l’atmosfera che circonda il nucleo, in parte roccioso e in parte ghiacciato.

La campagna osservativa del veicolo è partita lo scorso 21 Settembre, ma dal 29 è previsto il puntamento di un altro rover: il Mars Reconnaissance Orbiter.

Alla minima distanza dal pianeta rosso, un’occhiata sarà fornita anche dal rover Curiosity, che nonostante sia stato progettato per ben altri scopi, proverà a fornire le immagini più dettagliate del momento.

 

Ma cosa accadrà il 28 Novembre?

Si tratta della classica domanda da 1 milione di dollari.

Non essendo a conoscenza delle sue reali dimensioni, della forma geometrica e della rotazione assiale, è molto complicato poter prevedere le sorti dell’astro.

Come dire che non ci resta altro da fare che attendere quel giorno.

La sua velocità di crociera sarà valutabile in 370 Km/s, ed è ancora incerto il tempo entro il quale ISON rimarrà entro illimite di Roche.

La violenza mareale del Sole metterà a dura prova questa vagabonda dello spazio, le cui previsioni, in un modo o nell’altro, sembrano essere state troppo ottimistiche.

Se tutto dovesse andar bene, C/2012 S1 ISON brillerà dimagnitudine -6, ampiamente visibile ad occhio nudo, ma risultando meno brillante delle aspettative.

A sorvegliare l’incontro della cometa con il Sole sarà il telescopio spaziale Soho, di Esa e Nasa.

http://www.inmeteo.net/blog/astronomia/

 

In questo video è rappresentata in modo molto chiaro la traiettoria di ISON.

Quello che cosa è particolarmente interessante è la visione di passaggio molto avvicinato a Marte che sta succedendo proprio in questi giorni. Il 1. di ottobre l’Ison si troverà a punto più vicino a Marte.
Questo video è anche presentazione perfetta per mostrare che tutte quelle previsioni catastrofiche che leggiamo in rete sono solo una invenzione ( per non usare le parole più dure) di qualcuno chi vorrebbe tenerci nella paura permanente.

 

Da parte mia posso solo dire

BUON VIAGGIO ISON!!!

Tanja

 

Qui possiamo seguire ISON

in tempo reale

http://www.cometison2013.co.uk/perihelion-and-distance/

in proiezione 3D

http://www.cometison2013.co.uk/interactive-model/

 

Comet_ison_Dec1_17_341px

Cometa ISON dovrebbe vedersi al meglio ai primi di dicembre 2013, salendo al cielo dell’alba orientale come sfuma successivo alla swingby solare. I simboli comete sono probabilmente molto esagerati: sono per visualizzare l’area di cielo da esaminare; portare binocolo.Il grafico viene disegnato per osservatori del cielo vicino a 40 ° di latitudine nord (Denver, New York, Madrid), ma lo farà per la maggior parte delle latitudini temperate del nord. Il blu scala 10 ° è circa la larghezza di un pugno tenuto a debita distanza. Clicca per la versione ad alta risoluzione . (Illustrazione può essere ristampato se creditiziorivista Sky & Telescope. uso online deve anche includere un link a SkyandTelescope.com.)Per i grafici più dettagliate, vedere le questioni di novembre e dicembre di Sky & Telescope .
Sky & Telescope diagramma

 

 

Share:
Condividi

Comment Form


*

Archivi

Categorie

IO SONO….

Chi sono io?
La domanda eterna di ogni persona da sempre.
Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda
In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo.
Io credo che questa ricerca non finirà mai.
Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione.
Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza.
Una volta ho scritto:
Fu una volta un popolo divino........
che dimenticò di esserlo..
dimenticò
realtà parallele
frequenze divine
connessione divina
libera connesione divina.

Un giorno pieno di luce hanno cominciato......

In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi.
Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei.
Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome.
Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando.
Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo.
Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere.
Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso.
Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci.
Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione.
Che l’amore ci guida.
Tanja

Risveglio di una Dea sui Social Network

agosto: 2014
L M M G V S D
« lug    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031