Quasi tutto di CRISTALLOTERAPIA E CRISTALLI

1004694_210773349046812_684163746_n

La cristalloterapia è stata riscoperta ormai da qualche anno.
Infatti l’utilizzo di pietre e cristalli è sempre esistito, tant’è che se ne trova notizia anche nel vecchio testamento.
Nonostante siano stati pubblicati molti libri sull’argomento della cristalloterapia, gli amanti di questi luminosi alleati riescono sempre a trovare mille modi nuovi per collaborare con essi.

Siamo sempre felici di contribuire a divulgare l’utilizzo delle pietre e dei cristalli nella cristalloterapia, per il semplice motivo che li riteniamo degli importanti strumenti energetici, quindi in grado di aiutare il benessere personale (inteso a 360 gradi) a manifestarsi.
I cristalli e le pietre sono una delle più fantastiche espressioni della Natura.
Madre Natura è sempre così generosa da offrirci a piene mani i suoi doni, ma ritengo che l’uomo debba usare responsabilmente questi strumenti. Anche se a qualcuno può apparire strano, i cristalli sono degli strumenti di potere; non a caso erano utilizzati dai sommi sacerdoti nei templi, oppure dagli antichi sciamani (uomini di conoscenza), sia amerindi che di altre civiltà in tutte le latitudini della terra.
Non potrebbe essere altrimenti, se si pensa che i cristalli di quarzo sono utilizzati dalla tecnologia scientifica avanzata; infatti li ritroviamo nei laser della moderna chirurgia, nei computer, nella moderna strumentazione delle telecomunicazioni, nelle pile al quarzo degli orologi e in molti altri campi.

La riflessione che invitiamo a fare è questa: se i cristalli hanno queste enormi proprietà, al punto che vengono impiegati nei più svariati campi, perché non dovrebbero avere le stesse qualità utilizzati come la natura ce li offre?

Chi entra nel loro magico mondo, e nello studio della cristalloterapia, ne rimane sempre affascinato, al punto che vuole saperne sempre di più, approfondendo la conoscenza attraverso seminari e corsi.
Consigliamo, quindi, a chi legge queste righe di utilizzare questo grande dono di Madre Terra con molto rispetto, solo così potrà trarne tutti i vantaggi e scoprirne tutta la bellezza.

 

COSA SONO I CRISTALLI

image

I cristalli sono una forma assunta da certi solidi naturali. Perché nasca un cristallo occorrono dei minerali (uno o più) e dei fenomeni energetici (quali calore, pressione, fusione, fissione): questi agiscono sui primi trasformandoli e facendo assumere loro forme geometriche perfette, straordinariamente regolari. Non sempre i minerali hanno forma cristallina perciò molti aggregati di minerali (rocce) non hanno la struttura geometricamente perfetta dei cristalli.
Per esempio l’oro non ha struttura cristallina, il quarzo si.
Tuttavia qualsiasi minerale presente sulla Terra e qualsiasi aggregato di minerali è stato ed è di continuo assoggettato a “scariche” di energia che il minerale o l’aggregato assorbono, a volte trasformandosi a volte no. Le rocce ignee o eruttive, derivate da magma fuso, sono diventate tali in conseguenza dell’intervento di attività vulcaniche, cioè in conseguenza dell’energia geotermica; le rocce sedimentarie chimiche sono diventate tali in seguito all’accumulo di sostanze contenute nell’acqua e sciolte dall’energia chimica.
L’energia è dunque la causa dell’origine di certe rocce. Anche quando non ne provoca la nascita o la trasformazione, l’energia si accumula comunque in esse in quanto le rocce sono costituite da atomi e, quindi, da centri di energia che non restano passivi di fronte a fenomeni quali il riscaldamento o la pressione. Se il riscaldamento e la pressione sono rilevanti, le rocce si trasformano o si frantumano; se non sono rilevanti, le rocce in apparenza rimangono inalterate, ma nella realtà i loro atomi hanno immagazzinato calore e pressione.
Se teniamo in mano una pietra, questa si riscalda, se la mettiamo nel forno di casa è possibile osservare come già in alcuni casi essa si alteri. Ma ogni alterazione richiede e libera energia.
Ecco dunque il motivo dell’uso dei cristalli per curare il corpo, ma anche la psiche, dell’uomo.
Fra cristalli e l’uomo c’è uno scambio di energia: il cristallo cede la propria e l’uomo la assorbe, ma anche l’uomo cede la propria al cristallo, che la assorbe a sua volta. Se si riflette su questo particolare, si comprenderà il perché della necessità di “pulire” i cristalli che abbiamo appena comperato e di “ripulire” quelli che usiamo.

Classificazione di Rocce e Cristalli

Definiamo comunemente “minerali” i corpi solidi o composti chimici di origine inorganica.
L’insieme di più minerali dà vita alle rocce.
La Terra è composta da una serie di strati sovrapposti, nel cui centro si trova il ferro fuso, avvolto da uno strato di silicati, mentre in superficie vi è uno strato sottile che forma i continenti ed
i fondali marini.
Nella zona compresa tra la crosta terrestre e lo strato superiore dei silicati vi sono i giacimenti di minerali e le rocce.
A seconda dei processi che hanno portato alla loro formazione, le rocce si possono suddividere in tre gruppi:
ignee, sedimentarie e metamorfiche.

1. Le rocce ignee si suddividono, a loro volta, in due sotto gruppi:

  • le rocce intrusive, originate quando lentamente il magma liquido si avvicina alla crosta terrestre
    e si indurisce per raffreddamento;

  • le rocce effusive, originate dall’espulsione e dal raffreddamento veloce del magma dei vulcani all’esterno.

Quando il magma si raffredda e solidifica, si liberano liquidi e gas che contengono minerali che, salendo in superficie attraverso crepe, danno vita molto frequentemente a dei depositi nei quali scorre acqua ad elevata pressione e ad alta temperatura, che origina i cristalli.
I cristalli hanno una determinata struttura interna, dovuta alle molecole che si dispongono in modo simmetrico, e hanno una loro modalità di accrescimento secondo sette sistemi:
cubico, trigonale, tetragonale, esagonale, rombico, monoclino, triclino.
La famiglia dei quarzi comprende una grande varietà di pietre, che coprono tutto lo spettro dei colori del raggio luminoso.
I più importanti minerali che derivano dal processo igneo intrusivo sono:
il Quarzo lalino, il Quarzo Rosa, il Quarzo Fumé, l’Acquamarina, il Granato, la Tormalina, la Pirite, lo Smeraldo, l’Ematite, l’Adularia, l’Olivina.
I più importanti minerali che derivano invece dal processo igneo effusivo, sono:
l’Opale, il Porfido e l’Ossidiana, oltre alle Druse di Quarzo, Ametista e Calcedonio.

2. Le rocce sedimentarie si formano quando i sedimenti danno luogo a strati che si sovrappongono uno all’altro.
Spesso troviamo in questo gruppo anche i fossili. I principali minerali che derivano dal processo di sedimentazione sono:

  • la Calcite, la Malachite, la Crisocolla, l’Azzurrite, il Legno Pietrificato.

3. Le rocce metamorfiche sono le rocce ignee e sedimentarie che sì trasformano per l’alta pressione e temperatura.
A questo gruppo appartengono:

  • i Marmi, il Granito Verde e la Cianite.

Dall’urto delle meteoriti con la crosta terrestre sembra poi che si siano originate le Tectiti.
Di origine vegetale è l’Ambra, che è una resina fossile, mentre i Coralli sono secrezioni calcaree dì molluschi marini.

 

COME AGISCONO LE PIETRE E I CRISTALLI

image

I « segreti » delle pietre, dei cristalli e dei minerali esistono ancora, però da tempo non è più un segreto che i processi di guarigione possono venire innescati dal potenziamento delle energie della coscienza. Si incontrano sempre più frequentemente persone che hanno imparato o insegnano anche ad altri a utilizzare queste energie e le possibilità che esse offrono di promuovere processi di guarigione e di conoscenza.
Tutto è vibrazione, vibrano i pianeti, gli uomini, le piante e anche le pietre.
Oggi si sa con certezza che esistono pietre e centri energetici che hanno vibrazioni analoghe e che reagiscono le une agli altri. Ebbene, attraverso l’energia potenziata della coscienza noi possiamo trasmettere alle pietre, con i loro immensi poteri, l’attivazione che le mette in grado di aiutarci a guarire. Mediante questo processo noi aumentiamo la nostra energia vitale, la quale agisce positivamente su tutti gli aspetti della vita, malattie comprese.

Poiché ogni cellula è « coscienza », con la nostra coscienza noi possiamo anche influenzare ogni singola cellula.
Quindi abbiamo possibilità enormi, che ci consentono sia di autorisanarci sia di aiutare gli altri ad adottare questo metodo.

Tuttavia, sia ben chiaro, tutti i suggerimenti per la «guarigione» di determinati disturbi non intendono sostituire le prescrizioni dei medici.
Nel diabete, per esempio, posare sul corrispondente centro energetico una data pietra e aspettarsi che succeda qualcosa è completa mente inutile, non ha senso, senza contare che rinunciare ai necessari medicamenti può essere molto rischioso.
L’uso mirato delle pietre e cristalli non intende assolutamente rimpiazzare il consiglio e l’aiuto forniti dal medico.

Le pietre agiscono in altro modo, cioè per mezzo della loro energia a contatto con l’energia concentrata della nostra coscienza. L’uso delle pietre ci permette di confrontarci intensamente con le nostre malattie e coi problemi emozionali inducendo il nostro corpo a sviluppare le proprie capacità di autoguarigione. Usando le pietre e i cristalli probabilmente si può scoprire anche altre correlazioni tra gli effetti da esse prodotti a de terminate funzioni del corpo.
Dalle pietre imparerete a scoprire cose che sapete da sempre.

Il risanamento ha luogo sempre su diversi piani. La malattia e la disarmonia sui piani fisico, affettivo e intellettivo rispecchiano difficoltà sui piani psichico e mentale. Perciò a lungo andare non è più sufficiente curare una malattia sul piano fisico.
Probabilmente ogni malattia segnala l’esistenza di problemi nella sfera dei sentimenti e dei pensieri, che sono quelli che determinano la nostra vita.
Perciò la malattia ci offre la possibilità di modificare i nostri atteggiamenti interiori, il nostro comportamento e di imparare ad agire in modo più sensato e più adeguato.

Il corpo è il piano più « denso » del nostro essere,
il piano che per mezzo del dolore ci insegna
ciò che ancora non sappiamo sui piani più sottili.

Incamerando le energie spirituali il nostro corpo diventa più leggero, il nostro animo diventa più calmo e più equilibrato, i nostri pensieri si modificano in senso positivo, la nostra creatività ha modo di evolvere. Diventiamo più sensibili e più amorevoli verso noi stessi e verso il mondo che ci circonda; il nostro udito si fa più acuto; noi ritroviamo le fonti energetiche interiori della nostra anima e in consapevole unione con la nostra guida superiore riusciamo ad entrare nel mondo spirituale.
E a modo loro le pietre rendono più afferrabile e più trasparente il mondo spirituale
.
Se consideriamo le pietre preziose dall’esterno notiamo una quantità di colori, forme e modelli prodotti dalla natura, concentrati e differenziati in modo singolare. A differenza degli uomini, degli animali e del le piante, le pietre non si ammalano e non invecchiano e per conservarsi non hanno bisogno né di cure, né di cibo, né d’acqua. Sono nate da poderose primordiali energie morfogenetiche della Terra, dal fuoco del nucleo del pianeta e dalla luce del sole, dall’acqua e dalle « vibrazioni » della luna, dall’aria e dalle essenze spirituali delle forze creatrici. Sono nate per effetto di temperature elevatissime, di enormi pressioni e grazie a processi di cristallizzazione, ma nel nascere e nel raccogliere e condensare la luce hanno dato anche prova di perseveranza e pazienza.
In una pietra tutto ciò coesiste e con vibrazioni.
Ogni tipo di pietra ha una sua vibrazione, che cor risponde al suo processo di formazione e che si manifesta molto chiaramente sia per mezzo del colore che attraverso la sua forma, sia quella naturale che quel la conferitale dalla mano dell’uomo.
Questa vibrazione della pietra si diffonde nell’atmosfera. 
È una vibrazione molto potente, ad altissima frequenza, che però agisce attraverso la sottile sfera spirituale
.
Ogni pietra, sia pure della stessa specie, ha una propria forma e una propria struttura e quindi una propria vibrazione che diffondendosi, agisce in ciascuno di noi in modo un po’ diverso. Non sempre abbiamo bisogno di una pietra grande, di vibrazioni potenti per fare cose grandi. Qualche volta è necessaria una pietra che emette vibrazioni molto sottili ma strettamente finalizzate.
Le pietre offrono al nostro sguardo colori naturali puri, nati in accordo con la natura, per ciò ci trasmettono la perfetta unità e armonia della natura. Quindi attraverso le pietre noi entriamo in contatto con vibrazioni purissime che hanno il potere di ricreare questa armonia nelle nostre vibrazioni fisiche, psichiche e spirituali.
Tutta la materia si manifesta per mezzo dei colori; e le scienze naturali hanno dimostrato che l’intera materia consiste di vibrazioni in incessante movimento.
Il modo in cui abbiamo imparato a vedere un oggetto e il fatto che pensiamo che un oggetto è duro (solido), l’altro molle e l’altro liquido non sono in fondo che un’illusione della nostra facoltà di percezione, che si dilegua appena impariamo a guardare « dietro » alle cose.
Certo, fra i ricercatori domina la convinzione che tutto ciò che percepiamo consiste di vibrazioni, però solo col tempo ci rendiamo conto che queste vibrazioni arrivano molto lontano, fino a toccare «sfere » inaccessibili ai nostri sensi.

Le pietre preziose non possono manifestare le loro reazioni direttamente come le persone, come gli animali e come le piante, mostrando fiducia, per esempio.
Perciò siamo portati a credere che siano materia morta. Invece vibrano anch’esse, però su un altro piano.
Comunicano attraverso energie sottili che noi non sappiamo cogliere.
Nei soggetti sensibili esse provocano sensazioni di calore, accessi di sudorazione, brividi di freddo, formicolio, vibrazioni e stati di trance.
Le pietre semplicemente esistono e vibrano indipendentemente dagli oggetti e dagli esseri viventi.
Sta a noi imparare ad accogliere nella nostra coscienza le loro vibrazioni e a far agire in noi le loro energie.
Esse ci insegnano dedizione e amore altruistico, decisivi per lo sviluppo spirituale.
Il modo più semplice, ma anche meno consapevole, per rivolgerci al loro mondo consiste nel portare la pietra che più ci piace, quella che colpisce il nostro occhio. Infatti già in virtù della bellezza e del fascino che le pietre esercitano su di noi ha luogo una scelta, che ci stimola e agita qualcosa nel nostro essere. Questo è il motivo per cui mentre a una persona piace l’occhio di tigre e se ne adorna, un’altra si sente attratta dalla giada, un’altra ancora preferisce il diamante, mentre un’altra se ne sente respinta.

 

CENTRI ENERGETICI

image

Quindi le pietre e i cristalli agiscono su di noi con le vibrazioni cromatiche e le loro risonanze nel nostro corpo materiale e nella nostra coscienza, attraverso la sfera sottile dei nostri centri energetici.
L’azione combinata delle forze prodotte dai nostri centri energetici e di quelle irradiate dalle pietre e dai cristalli purifica e carica tutto il sistema energetico del nostro corpo
.
Ma ricordiamo che attraverso i centri energetici le vibrazioni dei cristalli raggiungono anche la nostra psiche dove si condensano vibrazioni a frequenza più alta, che poi si manifestano e si esternano nei nostri sentimenti, e nella nostra mente, dove potenziano i nostri pensieri che diventano capaci di accedere alle dimensioni cosmiche.

I centri energetici sono aree che trasformano le energie provenienti dallo spazio cosmico, adeguandole al nostro corpo e a tutte le altre dimensioni del nostro essere. Queste energie sono sempre presenti, ma perché le loro vibrazioni possano essere utilizzate debbono essere trasformate corrispondentemente alla nostra natura.
Quindi questi centri sono importanti trasformatori di energia per tutti i piani del nostro essere, sono commutatori e mediatori dell’energia vitale universale che ci tiene in vita.
Ma sono anche luoghi che possono cedere energia consumata o non più rispondente alla nostra natura; nonché vettori delle informazioni provenienti dalle più diverse sfere del nostro essere.
Anche i centri energetici emettono vibrazioni con determinate frequenze differenziate in vari strati.
Trasmettono le loro informazioni tramite vibrazioni cromatiche, per cui sono direttamente ricettivi alle vibrazioni cromatiche delle pietre e dei cristalli.
Noi abbiamo, distribuiti nel nostro corpo, sette centri energetici principali e centri secondari in corrispondenza dei palmi delle mani e delle piante dei piedi. Essi compiono funzioni per il corpo, per la psiche e per la mente. Ogni centro energetico ha una sua vibrazione fondamentale e compiti propri che corrispondono al colore del qua le esso è competente.
Le vibrazioni dei centri energetici agiscono sia sui processi fisici sia sulle vie energetiche (meridiani) che attraversano il nostro corpo tramite le ghiandole endocrine. Ma coi loro colori essi influenzano anche i vari comparti della psiche, quindi influenzano il nostro atteggiamento mentale, i nostri pensieri.

AURA

image

Esiste l’amore a prima vista, e possiamo provare antipatia o simpatia “a pelle”.
Quando qualcuno ci osserva, lo “sentiamo”e spesso, guardando una persona che amiamo, capiamo subito se ha un problema. Quando stiamo bene, riusciamo a sentire la sofferenza degli altri. A volte l’ansia di una persona può contagiare un intero gruppo anche se quella persona non ha detto o fatto nulla. Diciamo: «Hai un’aria strana», «Quello lì si dà delle arie»,«Quella ha un’aria che non mi piace». Ma oltre alle persone, percepiamo anche le cose: in una casa ci sentiamo bene, in un’altra proviamo disagio; scegliamo un ristorante, un albergo, lo scompartimento di un treno, il posto in autobus in base a considerazioni che non sono solo di carattere pratico.
Senza rendercene conto, sappiamo già, per istinto, che cos’è l’aura, cioè l’energia che emaniamo e assorbiamo.
Siamo anche in grado di capire l’aura di chi sta intorno a noi, delle cose e degli ambienti.
E comunichiamo con persone, cose, ambienti non solo con la parola, i gesti, i colori che indossiamo, ma anche con il nostro solo essere, con l’aura appunto.
Noi siamo infatti immersi nell’aura, che è il nostro campo energetico.
Molti lo “vedono”, e si tratta di una specie di aureola di vari colori, una serie di irregolari “gusci” colorati che ci avvolgono e che dicono moltissime cose di noi: il campo energetico può essere limitato, ridotto, oppure ben espanso e raggiante a seconda delle nostre condizioni fisiche e psichiche.
I “gusci” che costituiscono l’aura, chiamati corpi aurici o corpi sottili o semplicemente aure, sono da tre a più di dieci, e agiscono in modo interdipendente l’uno dall’altro, per cui non à corretto pensare che uno comincia dove finisce l’altro in quanto tutti arrivano al corpo fisico.
Quando ogni aura è sana, robusta e “carica” di energia, la persona è grado di vivere con pienezza la sua vita; quando invece una o più aure non si trovano in condizioni ottimali, la persona avverte difficoltà negli organi e nei settori della psiche attribuiti a tale aura.
Diverse persone hanno la fortuna di poter vedere parti di questo campo energetico, è quello che può essere osservato è un’energia luminosa con una miriade di colori. Questo campo energetico può essere espanso o contratto secondo lo stato psichico e le condizioni del fisico. E’ fondamentale riconoscere che siamo molto più di un semplice corpo fisico, il quale non è altro che un ammasso di sostanze inerti che possono animarsi solamente sotto l’influsso dello spirito.
Tutti noi siamo esseri spirituali di luce e colori, residenti nel fisico solamente per un breve lasso di tempo.
Tutti i corpi sottili interagiscono fra di loro e seguono anche uno sviluppo in base all’età.
A 7 anni il corpo fisico è ancorato saldamente a terra; all’età di circa 14 anni si collega in modo più accentuato di prima al corpo mentale: da qui il prodursi delle ben conosciute crisi esistenziali dell’adolescenza; all’età di circa 20 anni il corpo mentale è integrato completamente nell’anima e da questo nascono le crisi spirituali. L’influsso dei cristalli sulla nostra aura è determinato dal fatto che il campo energetico all’interno e all’esterno del nostro corpo è regolato anche dal quarzo, di cui il nostro corpo è in parte composto. Sappiamo che studi scientifici hanno provato le qualità energetiche del biossido di silicio, pertanto il cristallo che teniamo in mano o nel nostro campo aureo entra in interazione energetica e vibrazionale con il quarzo dentro di noi, apportandoci così forza ed equilibrio.

I DIVERSI CORPI SOTTILI DELL’AURA

L’AURA ETERICA
E’ il primo “guscio”, molto sottile, appena più grande del corpo fisico, ma vibra a un livello più elevato di quello fisico: si potrebbero paragonare alla mano ed al guanto.
Si spinge fino a 5 cm dal corpo fisico ed è composta da una serie di linee luminose di un colore che va dall’azzurro chiaro al grigio. Più il soggetto è fisicamente forte, più spessa è l’aura e più intenso il colore grigio. In quest’aura confluiscono tutte le sensazioni fisiche, la vitalità fisica e le riserve energetiche del corpo. Un’aura eterica forte conferisce vigore fisico, vita sessuale e sensuale soddisfacente, appetito corretto, sonno regolare.

L’AURA EMOTIVA
Sporge dal corpo di circa 10 cm ed è il secondo “guscio”. Non riproduce con fedeltà la forma del corpo, ma si tratta di una serie di addensamenti di luce fluttuante di vari colori. E’ collegata alle emozioni e ai sentimenti consci verso se stessi. Se il soggetto prova sentimenti positivi, cioè se ha un buon rapporto con se stesso, l’aura ha colori vivaci e vari; in caso contrario ha colori cupi. Un’aura emotiva negativa avrà ripercussioni anche sul fisico.

L’AURA MENTALE
Ha uno spessore di circa 20 cm ed è formata da una serie di linee di luce di colore giallo concentrate attorno alla testa e alle spalle, da dove scendono a “ricoprire” tutto il corpo. E’ la sede del pensiero razionale e definisce il nostro livello di lucidità mentale, la nostra capacità di apprendimento. Se l’aura mentale e aura emotiva operano armoniosamente fra loro, noi ci sentiamo sicuri e a nostro agio. Un’aura mentale troppo forte rispetto alle due precedenti spingerà la persona a risolvere i suoi problemi con l’aiuto della ragione tagliando fuori sentimenti ed emozioni. Se è fragile o poco sviluppata o ha assorbito molta negatività durante l’infanzia, l’individuo ha scarse capacità di reagire alla negatività e scarse capacità di assimilare e utilizzare la positività.

L’AURA ASTRALE
Si espande fino a 30 cm dal corpo fisico ed è visibile come un fluido omogeneo di luce di vario colore. Questo “guscio” racchiude emozioni, gioie, dispiaceri, la sensibilità della persona nei rapporti con gli altri. Un’aura astrale di colore scuro e di consistenza densa segnala vulnerabilità emotiva, desiderio di solitudine, aridità, affettiva; un’aura astrale ben sviluppata dona la capacità di percepire con la sensibilità persone e ambienti, di avere rapporti stabili e soddisfacenti, di considerare l’amore uno dei cardini della vita. L’aura astrale è il ponte di passaggio fra il mondo fisico e quello spirituale.

L’AURA ETERICA MATRICE
Sporge fino a 60 cm dal corpo fisico ed è composta di linee trasparenti su uno sfondo blu cobalto. Contiene le impronte o matrici del futuro dell’individuo. Chi ha quest’aura forte ed equilibrata si sente realizzato in ciò che fa, non ha la sensazione di essere fuori posto, si sente in armonia con ciò che lo circonda, tende a portare a termine i progetti, è scrupoloso e affidabile. Se quest’aura è negativa, il soggetto non è soddisfatto delle cose che fa, non ha un progetto o uno scopo nella vita, tende a sentirsi sfruttato, è disorientato, incontra difficoltà a comprendere concetti complessi.

L’AURA CELESTIALE
Giunge fino a 70 cm dal corpo fisico ed è composta di raggi di luce iridescente che si dipartono dal centro del corpo. Se i raggi sono intensi e rettilinei, quest’aura è forte ed equilibrata. Presiede all’emotività spirituale, all’amore divino, alla meditazione e alla preghiera.

L’AURA CAUSALE

Sporge dal corpo fino a 100 cm ed è composta di filamenti intrecciati di intensa luce dorata che avvolgono tutto il corpo formando una specie di uovo, detto uovo aurico, nel quale sono racchiusi tutti gli strati dell’aura. Ci collega con le energie superiori e con l’universo, ci rende capaci di distacco e di grandi imprese quali l’autoguarigione, la preveggenza. Quando questa aura è forte ed equilibrata, la persona sa esprimere la creatività e sa capire il significato della vita.

SCELTA DEI CRISTALLI

image

Oggi esistono in Italia, e soprattutto nei centri urbani di maggiori dimensioni molti negozi più o meno specializzati che propongono pietre e cristalli di ogni tipo, forma e disegno.
A volte si tratta di negozi che offrono questi oggetti soprattutto a scopi ornamentali per il corpo e la casa.

Diversi di loro si stanno però specializzando nell’uso di pietre e cristalli essenzialmente sotto il profilo terapeutico.

E’ dunque molto importante affidarsi innanzitutto ad un punto vendita veramente specializzato, che offra cioè la garanzia che le pietre e i cristalli proposti siano il più possibile puri, anche perché non è raro che alcune pietre possano risultare difficilmente reperibili sul mercato, in quanto di moda o perché esiste una richiesta troppo elevata o anche per il fatto che nei luoghi d’origine si estraggono in quantità limitate.
A parte è importante che i proprietari devono offrire la garanzia di essere persone competenti, in grado di scegliere loro stessi, in primis, le pietre e i cristalli da mettere in vendita.

E’ chiaro che più la pietra o il cristallo saranno puri e più saranno potenti sotto il profilo energetico, mentre se la loro funzione è squisitamente decorativa, questo fattore riveste minore importanza.
Meglio diffidare dunque di pietre e cristalli venduti nei mercatini, nelle fiere ne esistono ormai diversi in tutta Italia o in qualche negozio che offre di tutto un po’ nel campo delle terapie naturali o cosiddette alternative. (nella fig. sopra dei cristalli “falsi”).

Ma come riconoscere una pietra o un cristallo?
Quando si decide di entrare nel mondo della cristalloterapia o, più semplicemente, quando si vuole acquistare un cristallo per sé o per fare un regalo, è importante capire cosa trasmette.
Come fare?
Poiché chi vende questi oggetti è, generalmente, una persona che ben conosce il mondo della cristalloterapia, avrà innanzitutto la pazienza necessaria nell’attendere la scelta da parte del cliente. Per cui è importante che si entri in negozio con le idee abbastanza chiare sul tipo di pietra che si vuole acquistare, anche se è facilissimo che, davanti al loro splendore, si rischi di optare poi per tutt’altra pietra. La si guardi quindi attentamente, cercando di centrarsi il più possibile, prendendola in mano per “sentirla”.
Si tenti di avvertire ciò che cerca (a modo suo, ovviamente) di comunicare e su quale parte del corpo (fisico, mentale, emozionale, spirituale) ha le capacità di intervenire.
Solo in seguito a ciò si può procedere all’acquisto, sicuri di aver fatto la scelta giusta.
E’ infatti, importantissimo che al momento di decidere si rimanga centrati soprattutto nello spazio del cuore e non in quello della mente.
Una cosa che riesce molto più facile alle donne che non agli uomini, in quanto le prime sono molto più abituate a stare nello spazio del cuore che non i secondi i quali, al contrario, sono abituati molto di più a rimanere nello spazio mentale.

PULIZIA

image

Una volta acquistati e portati a casa, è importante trovare un contenitore dove riporre i cristalli: meglio utilizzare un contenitore in materiale naturale come, ad esempio, il vetro, la porcellana, la ceramica o il legno. Non si utilizzino mai contenitori in materiale metallico (a meno che non si tratti di metalli nobili come l’oro o l’argento) o plastico.
Soprattutto da evitare è il metallo in quanto rischia di compromettere la forza energetica delle pietre nonché le loro proprietà terapeutiche e spirituali.
Se si parte con il concetto di usarle su se stessi o sulle persone, è altrettanto importante una volta arrivati a casa, che le pietre vengano pulite.
Esistono diversi metodi di pulizia, semplici e naturali. Prima di tutto devono essere lavate con acqua corrente abbondante o, meglio ancora, bisogna lasciarle a bagno per almeno ventiquattro ore completamente immerse in acqua, aggiungendo una piccola manciata di sale, fino o grosso.
Dopo di che, bisogna toglierle dall’acqua ed asciugarle attentamente con un panno pulito che, possibilmente, non rilasci tracce di fibra: già così sono pronte per essere utilizzate a livello terapeutico.
Per potenziare il loro livello energetico, si possono appoggiare su una «drusa», che è un agglomerato di Quarzo Ialino o di Ametista.
In questo caso le innumerevoli punte energizzano i cristalli, emanando un’incredibile quantità di luce.
Come sempre, quando c’è la possibilità di essere a contatto con la natura, si possono vivere le esperienze più belle.
Portando a purificare ed attivare i cristalli al mare, vedrete che acqua, sale, sole e sabbia daranno una sferzata d’energia tale ai cristalli da ritrovarli «ringiovaniti», luccicanti e splendenti.

Programmare i Cristalli

Dopo aver purificato ed attivato i cristalli, se si vuole essere sicuri di ottenere risultati positivi, utilizzando la loro prerogativa di amplificare i nostri pensieri, le nostre vibrazioni e di trattenerle in memoria, si dovranno infine programmare.
Ma volte ci si chiede come si possano programmare dei cristalli perché facciano ciò che desideriamo.
Sicuramente capire come tutto questo funzioni risulta più facile, se si osserva il metodo di memorizzazione dei calcolatori.
La memoria dei computer non sarebbe possibile senza il quarzo; i chip su cui vengono impressi i messaggi sono di biossido di silicio ovvero la medesima sostanza di cui è composta la pietra da programmare che tenete in mano.
Lo scopo dei chip nei calcolatori è quello di ritenere una memorizzazione quando viene dato l’impulso; lo scopo del vostro cristallo è quello di conservare ciò che è stato memorizzato quando viene dato l’impulso. Naturalmente, le energie che vengono utilizzate per la programmazione sono differenti: quelle del computer sono di tipo elettrico, le vostre sono di tipo mentale, molto più sottili.
Prima che venga nuovamente caricato, è di fondamentale importanza scaricare il vostro cristallo da eventuali programmazioni estranee, cioè fatte da persone che non hanno niente a che vedere con voi. Evitate di farlo toccare dagli altri.
Se dovesse succedere che altri lo tocchino, dovrete riprogrammarlo, cosa che di tanto in tanto provvederete a fare in ogni caso, anche per mantenere con lui un contatto molto stretto. Ricordate che, se dovesse accadervi di nutrire sentimenti particolarmente negativi e forti, come rabbia o altro nel momento in cui lo tenete in mano, dovrete scaricarlo e riprogrammarlo.
Preparate la frase che deve venir inserita come programma.
Dev’essere facile da ricordare e bisogna evitare le negazioni e le parole non ben definite e sicure, come: «non voglio che…», «vorrei…» eccetera. La frase di programmazione dev’essere al presente, in quanto ben sappiamo che il tempo è molto relativo.

Quindi :

  • Trovate un luogo dove nessuno può disturbarvi e togliete tutti gli anelli.
  • Purificate ed equilibrate la vostra aura, passandoci sopra il cristallo diverse volte.
  • Sedete in posizione eretta e rilassate tutto il corpo.
  • Prestate attenzione alla giusta respirazione, lasciate andare tutte le tensioni e
    preoccupazioni. Non fermate eventuali pensieri che vi possano balenare nella mente.

  • Appoggiate sul terzo occhio il cristallo che tenete in una mano, mentre l’altra la
    terrete sul chakra del cuore.
  • Immaginate un raggio di luce bianca che esce dal terzo occhio ed entra nel cristallo.
    Su questo raggio di luce scrivete il vostro messaggio e imprimetelo nel suo interno.
    Visualizzatelo quindi impresso al suo interno.
    Mantenete questa visualizzazione fino a quando saprete che il cristallo ha
    memorizzato il vostro messaggio.

  • Ringraziate il vostro nuovo amico fidato.

 

CONSIGLI

image

Tanti sono i negozi specializzati, che espongono un grande numero di esemplari di minerali. Può sembrare perciò difficile scegliere, tra tante pietre e tanti cristalli, quella che ci necessita in quel preciso momento. Ma non saremo certo noi a fare questa scelta. Sarà il cristallo, che richiamerà la nostra attenzione, catturerà il nostro sguardo, e dentro di noi qualcosa ci dirà che quello è il “nostro” cristallo. Le pietre sono maestre di vita e si trovano sul nostro cammino, quando ne abbiamo bisogno.
Se dobbiamo acquistarne uno per regalarlo, pensiamo intensamente alla persona che lo riceverà, e il nostro intuito non ci farà sbagliare.
Se ci è possibile, chiederemo poi a chi lo ha ricevuto un piccolo sacrificio rituale: quando siamo a contatto con le forze sottili ci deve essere sempre uno scambio di energia. Perciò, chi lo riceverà in regalo potrà fare una piccola offerta a un’associazione umanitaria, oppure acquistare a sua volta un cristallo da regalare e rimettere in circolo l’energia.
I cristalli, prima di arrivare nei negozi specializzati, hanno fatto un lungo tragitto, durante il quale hanno subito molti traumi: sono stati strappati violentemente alla terra, trasportati da un luogo all’altro, passando di mano in mano, quindi messi sotto caldi riflettori dietro ai vetri dei negozi.
Qui aspettano con impazienza e sofferenza di essere portati via.
Sappiate che una volta scelto, il cristallo è felice di appartenere finalmente a qualcuno. Non deludiamo le sue aspettative!
“Lui” sa di essere ormai nostro ed entra in sintonia con noi, la sua influenza potrà cambiare la nostra vita, il nostro carattere e la nostra disponibilità nei confronti degli altri.
Se sapremo averne cura, capire le sue esigenze, comprendere i suoi messaggi, rispettandolo ed amandolo, ci ricompenserà quando meno ce lo aspettiamo.
I cristalli per uso personale devono essere tenuti in un luogo appartato dove nessuno può toccarli.
Nel caso succedesse il contrario, è meglio purificarli.
Al contrario, pietre e cristalli per le terapie possono essere lasciati in vista e toccati da tutti: si possono tenere in un cestino, tutti insieme.
“Loro” sono felici di stare uno accanto all’altro. In loro compagnia si possono mettere anche dei rametti di salvia e lavanda, o delle essenze o degli incensi di queste profumazioni, che hanno la proprietà di togliere le negatività e di purificare.
Può capitare cha qualche cristallo si incrini o si rompa: in questo caso è molto probabile che sia stato sottoposto a un duro lavoro: ha dato tutto se stesso e poi si è spezzato.
In questo caso è meglio non usarlo più per le terapie.
È importante sapere che, quando si lavora con i cristalli o comunque usando le forze sottili, bisogna essere molto onesti. L’importante è che ci sia sempre equilibrio e armonia.
Dopo aver usato i cristalli, sia personalmente o per la terapia, è bene ringraziarli per il lavoro svolto e l’aiuto che ci hanno dato.

ALTRI USI

image

Pietre per la Bellezza

I cristalli hanno il potere, oltre che di favorire i processi di guarigione, di aiutarci a migliorare il nostro aspetto fisico.
Inseriti nei barattoli di creme ed oli accelerano il processo di rinnovamento delle cellule ed amplificano le proprietà terapeutiche delle creme e degli oli stessi, migliorando l’aspetto della pelle che si distende e ringiovanisce.
Prima di usare i cristalli per questo scopo è importante purificarli e lavarli bene. Si mettono poi nelle creme e negli oli, chiudendo bene i recipienti che dovranno stare a riposo per almeno 20 giorni. In seguito si potranno usare senza estrarre i cristalli.
Per le mani ed il corpo, mettiamo un cristallo di Tormalina Verde.
Nella crema per il viso, aggiungiamo un Quarzo Rosa ed otteniamo una pelle luminosa e fresca.
Aggiungiamo alla crema antiacne un’Ametista con lo scopo di purificare la pelle.
Il Cristallo Ialino va ad aggiungersi alla crema per la cellulite, mentre mettiamo un’Agata nell’olio per massaggiare, tonificare ed energizzare il corpo. Aggiungiamo una Corniola nella crema per le gambe, per averle leggere e scattanti, facilitando la circolazione.
I cristalli hanno su di noi un effetto benefico, anche se li mettiamo nell’acqua della vasca da bagno.
Dopo una giornata faticosa, immergersi nell’acqua tiepida di una vasca da bagno a cui si è aggiunta un’ambra, stimola la nostra vitalità.

Pietre e Cristalli per le piante

Essendo esseri viventi e sensibili come noi, anche le piante possono beneficiare delle cure o dei trattamenti con le pietre ed i cristalli. A seconda delle stagioni, provate a potarle, rinvasarle e disinfestatele da eventuali parassiti.
La Luna ci può dare un grosso aiuto; infatti, prima di cominciare la «cura» bisogna aspettare che sia in fase crescente.
Quindi, provate a diagnosticare attraverso le mani l’aura delle vostre piante, provate a sentire di quali pietre o cristalli esse necessitano. Poi sotterrate solo a metà in ogni vaso le pietre che vi sembrano adatte, e per fare questo usate il seguente metodo: la scelta delle pietre e dei cristalli, se vi è difficile diagnosticare lo stato delle piante mediante la lo aura, fatela avvenire in relazione ai colori dei fiori e delle piante da trattare. Quindi a secondo del colore della pianta o dei suoi fiori o del suo arbusto, scegliete la pietre corrispondente di uguale o similare colore. In questo modo ci sarà stata molta sintonia tra di loro.
Una volta fatta la scelta, le pietre e i cristalli devono essere programmati: alloro interno bisogna proiettare l’immagine di fiori e piante rigogliose e sane. Per esempio potete usare per il gelsomino bianco e la gardenia, il Quarzo Ialino; per l’erika rosa e l’azalea rosa, il Quarzo Rosa; per l’ortensia viola, l’Ametista; per la mimosa gialla, il Quarzo Citrino; per il geranio rosso e bianco, la Rodocrosite; per l’edera verde, la Malachite; per la rosa rossa, il Granato e per la calendula arancione, la Corniola.
Se vi è possibile con un cristallo generatore caricate i cristalli; operazione bisogna continuare a fare nei giorni successivi, per tutta la fase crescente della lunazione. Nei vasi delle piante più sofferenti o con dei problemi particolari aggiungete una piramide di Quarzo lalino.
Se ad ogni angolo del terrazzo posizionate un grosso Cristallo Ialino biterminato, otterrete un riciclo di energia continuo.
Questo metodo può essere esteso a qualsiasi rappresentante del regno vegetale. Con un po’ d’intuizione, le piante d’appartamento, gli alberi da frutto e gli orti potranno crescere rigogliosi senza l’uso di sostanze chimiche e con grande soddisfazione.

Cristalli ed Animali

Gli animali sono istintivamente attratti dalle energie delle pietre e dei cristalli, tanto che, lasciandone un certo numero sul pavimento, verranno scelte da loro stessi. Il loro istinto ed intuito li porterà a strofinarsi su una particolare pietra o ad accoccolarsi nelle sue vicinanze.
Se dovessimo essere comunque noi a doverle scegliere per loro, useremo le stesse regole e gli stessi principi che valgono per noi, esseri umani. Essendo, tuttavia, impossibile trattare un animale con una seduta completa di cristalloterapia, utilizzeremo le pietre e i cristalli, mettendoli nella loro ciotola dell’acqua, in modo che possano berla energizzata.
Posizioneremo nell’acqua degli acquari, nelle voliere, nelle stalle, nei pollai e nei recinti degli animali le piramidi e le druse di quarzo, scegliendo il tipo più adatto ad ogni problema.
Se è possibile, appenderemo anche un quarzo al collare degli animali più ammalati.

MEDITARE CON I CRISTALLI

image

Prima di iniziare la meditazione con i cristalli dobbiamo imparare a concentrarci.

L’uomo possiede delle facoltà eccezionali, dei poteri enormi, ma non sa come utilizzarli; perde così la possibilità di controllare la propria vita e si lascia piuttosto controllare da essa. Se vogliamo cambiare la nostra vita usufruendo della potenza del nostro cristallo, dobbiamo imparare a centrare il nostro spirito, la nostra mente e il nostro corpo.
Ben centrati, potremo paragonarci a un raggio laser che concentra la sua luce in un fascio unico e potremo focalizzare l’energia cosmica per sviluppare i nostri scopi.
La tecnica di centratura è abbastanza semplice:
eseguendo questa tecnica sdraiati, è importante avere la testa a Nord e i piedi a Sud.
Stando seduti, bisogna posizionare il dorso ben diritto a Nord e il viso a Sud. Il cristallo va tenuto nella mano sinistra, con la punta diretta verso Sud; la mano destra sotto la mano sinistra con i due pollici che si toccano. Per centrare il nostro corpo e la nostra mente, dobbiamo concentrare la mente in un punto preciso, utilizzando il nostro cristallo che diventerà il punto di congiunzione tra il nostro corpo e il nostro spirito, e per fare questo dobbiamo far entrare la nostra mente all’interno del cristallo.
A questo punto rilassiamo tutto il nostro corpo e respiriamo naturalmente. Rilassarsi in un luogo tranquillo, senza essere disturbati, non dovrebbe essere difficile.
Con la pratica ci si può rilassare in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento.
Molte persone sono talmente nervose ed agitate che non riescono a rilassarsi in nessun posto: la loro mente vaga da un pensiero all’altro; sono costantemente tese e non riescono a capire il processo della distensione.
Rilassarsi è lasciarsi andare naturalmente, senza forzarsi in nessun modo.
E guardare i pensieri come se fossimo spettatori, senza trattenerli.
Mettiamoci all’interno del nostro cristallo, distendiamo il nostro corpo e lasciamo che il cristallo agisca per noi.
Sentiamo il centro della gravità verso il basso del nostro corpo, e continuiamo a distenderci e a osservare la nostra mente nel cristallo. Per centro di gravità si intende il punto dal quale un corpo è attratto verso il suolo. Se siamo distesi e rilassati, sentiremo i piedi attirati naturalmente verso il basso, il nostro spirito rimarrà calmo e ci sentiremo legati alla terra, e questo è importante per svolgere un buon lavoro con il nostro cristallo. Concentrandoci dentro di lui, sentiremo il nostro corpo attratto dalla terra. Possiamo immaginare delle radici che partono dalla pianta dei nostri piedi ed entrano nella terra fino ad arrivare al suo centro.
A questo punto siamo centrati e possiamo dirigere quest’energia dove desideriamo. All’inizio ci vorranno circa quindici minuti, poi con la pratica basteranno pochi secondi per ottenere la centratura, e poi si potrà lavorare con i cristalli con molta facilità.
E’ importante ricordare che prima di cominciare qualsiasi lavoro con le pietre, bisogna sempre centrarsi. Una volta centrati possiamo cominciare a meditare con il nostro cristallo.
Raggiunto uno stato di assoluta calma, si comincia a sentire la vibrazione, la forza superiore, il messaggio del cristallo.
Dopo averlo programmato lo si può mettere sopra il centro della testa, sulla fronte, sul chakra del cuore, davanti al campo visivo, o tenere tra le mani.
Quando saremo certi che nessun pensiero negativo sta attraversando la nostra mente, si potrà fare una specifica domanda al cristallo ed aspettare in armonia e con molta calma la sua risposta che non tarderà ad arrivare manifestandosi in qualsiasi modo: con una visione, una parola, un profumo. In quel momento sarà la sensibilità di ciascuno di noi a decodificare il suo messaggio.
Il contatto avverrà solo quando lo vorrà il cristallo e non la nostra mente.
La meditazione si può fare anche in gruppo. In questo caso si metterà un grosso cristallo generatore nel centro del cerchio formato da almeno tre persone. Ognuna di esse sarà provvista di un quarzo più piccolo che verrà orientato in direzione del grande cristallo, il quale irradierà a sua volta ogni proiezione a lui inviata, allo scopo di portare positività o guarigione a persone, cose o luoghi.
Se faremo questo, unendo la forza vitale di più persone, potremo inviare a Madre Terra l’energia positiva di cui ha bisogno in questo momento per guarire da tutti i mali da cui è afflitta.
Per fare questo tipo di meditazione sarebbe ideale riunirsi in gruppo il giorno della luna piena.
Il cristallo di quarzo, potente ricevitore ed emettitore di energia elettrica, è in perfetta sintonia con la musica.
Meditare con i cristalli ed un sottofondo musicale dolce ed armonioso può avere degli effetti incredibili. Molte sono le persone in questa situazione che visualizzano la musica in forme e colori. Per integrare le energie dopo la meditazione è consigliabile tenere per un po’ di ore una Tormalina Nera a contatto con il corpo.

CRISTALLI E FENG SHUI

image

Il Feng-Shui è vecchio di 6.000 anni ed è l’antica arte e scienza cinese su come armonizzare le energie mediante il design, cioè la disposizione di immobili, mobili e simboli, : avere la certezza che il Qi possa entrare in maniera ottimale in palazzi e appartamenti restandovi, per il benessere degli abitanti, il più a lungo possibile.
C’è da chiedersi come siano arrivati i Cinesi a stabilire queste regole.
In un determinato momento della storia alcuni ricercatori cinesi si sono posti una domanda, alla quale però non sembrava molto facile trovare risposta, ovvero: perché in quelle case non ci sono mai o quasi mai malattie, mentre in quelle altre sì?
Perché in quelle case si prospera, mentre in quelle altre si vive a stento? Perché in quelle case le liti familiari sono frequenti, mentre in quelle altre non lo sono?
Per trovare le risposte a queste domande iniziarono ad analizzare le caratteristiche delle diverse abitazioni.
Bisogna, tuttavia, sottolineare che i loro studi si protraggono da diversi millenni e che la casistica non è basata su un centinaio di migliaia di persone, bensì su una popolazione che oggi oltrepassa largamente il miliardo. Basandosi dunque, sull’osservazione di un’enorme massa di abitanti, si sono resi conto che determinate caratteristiche architettoniche e determinate disposizioni di mobili si ripetevano più di frequente nelle case in cui si litigava spesso, piuttosto che in quelle dove regnava la pace familiare.
Altre caratteristiche si riscontravano sovente solo nelle case dove accadevano delle disgrazie, mentre nelle altre no.
Tutte queste coincidenze li hanno portati a riconoscere e a catalogare queste caratteristiche, al fine di poterle più o meno neutralizzare nei loro effetti negativi.
Scoprirono, così, che determinate posizioni di porte, mobili, finestre, tetti e altre ancora, sono responsabili del fatto che il Qi non possa circolare liberamente nella casa o che, appena entrato, esca immediatamente, facilitato da un’architettura non idonea.
Bisogna sapere che il primo impulso del Qi, quando entra in una casa, è quello di lasciarla al più presto passibile e ciò avviene attraverso una finestra, una porta secondaria, un camino o altri luoghi. A questo punto c’è da chiedersi: ma che cosa c’entrano i cristalli in tutto questo?
Ebbene, nel Feng Shui i cristalli vengono utilizzati in molteplici occasioni, fra le quali ve ne spieghiamo alcune.

Cristalli Finestre e Feng Shui

Secondo il Feng-Shui una finestra troppo grande o mal posizionata è estremamente attraente come punto di fuga per il Qi che, entrato in casa, vi si indirizzerà immediatamente, se questa si dovesse trovare in determinate posizioni rispetto alla porta d’entrata. Oltre ad altri accorgimenti il Feng Shui propone il cristallo di rocca che, funzionando la schermo, riesce a bloccare il Qi e a trattenerlo all’interno dell’abitazione. Il Qi potrà infine venir convogliato, con altri accorgimenti suggeriti dal Feng Shui, dove sia necessario. Un quarzo del peso di circa 70 gr riesce a schermare un raggio di 1 1,5 m. circa; pertanto, secondo le dimensioni della finestra, dovete valutare se posizionarlo sul davanzale interno o direttamente sulle listelle della finestra.

Cristalli, Elettromagnetismo e Feng Shui

Succede molto spesso, grazie all’inquinamento elettromagnetico, che se un uomo posto sotto un traliccio dell’alta tensione con in mano una lampada al neon e malgrado questa lampada al
neon sia collegata con alcun filo elettrico, si può accendere ed essere luminescente.
La maggioranza di noi viene sottoposta molto raramente a tali tensioni elettriche ma, sovente e senza rendercene conto, siamo spesso nelle vicinanze di cavi elettrici sul posto di lavoro o durante la notte. Questo sicuramente a lungo andare non è molto salutare e qui i cristalli trovano un altra possibilità di utilizzo sia per il nostro benessere, sia per ovviare a problemi di arredamento.
Il Feng Shui studia anche questi casi e uno dei rimedi proposti sono i cristalli di rocca. Nel caso in cui i cavi dovessero passare molto vicini al vostro letto, ponete direttamente sul filo elettrico un cristallo, che schermerà perfettamente l’elettromagnetismo che generano. Tale procedimento è naturalmente molto pesante e impegnativo per il vostro cristallo, che dovrà venir regolarmente pulito sotto l’acqua.

Cristalli, Falde Idriche e Feng Shui

Come ben si sa le vene d’acqua che scorrono nel sottosuolo perpendicolarmente al letto in cui si dorme, sono estremamente negative per il benessere della persona. E’ stato calcolato che queste correnti d’acqua, quando scorrono fra le rocce, riescono a produrre circa 1-1,5 Hz di elettricità, e molte persone vi dormono sopra. Il Feng Shui propone, tra le altre soluzioni, di utilizzare i cristalli di rocca, che anche in questo caso neutralizzeranno le energie sprigionate dall’acqua, consentendo di non modificare la disposizione dei mobili.
La soluzione migliore sarebbe quella di togliere il letto da sopra la vena d’acqua, comunque, se non fosse possibile, si pongono dei cristalli sotto il letto. Tuttavia, dal momento che la punta dei cristalli emette energia, se volete dormire tranquilli e non come fachiri, adagiatele sul pavimento.

 

CRISTALLI E PIANETI

image

 

SOLE

PREGI   
Virilità, attività, energia, calore, creatività, sicurezza.
DIFETTI
Prepotenza, irrequietezza, spreco di energie, tracotanza, vanità, istrionismo, sottovalutazione degli altri.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli arancione, giallo intenso, rosso-arancio.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli blu, verdi, indaco.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Cuore, occhio destro.

LUNA

PREGI
Femminilità, intuizione, tenacia, comprensione, ricordo, ricettività.
DIFETTI
Lunaticità, passività, remissività, ostinazione, fissazioni, imprevedibilità, pigrizia.
PER POTENZIARE I PREGI
Perle, cristalli bianchi meglio se lattei, opali, cristalli rosa e azzurri.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli rossi, arancione, gialli, indaco.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Seno, stomaco, occhio sinistro.

MERCURIO

PREGI
Vivacità mentale e fisica, brio, duttilità, versatilità, prontezza di riflessi, ironia.
DIFETTI
Nervosismo, superficialità, esibizionismo, infedeltà, sarcasmo, instabilità, invidia.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli gialli, arancione, rossi.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli azzurri, verdi, rosa.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Bronchi e braccia.

VENERE

PREGI
Sentimento, amore per la bellezza, comunicazione, tenerezza, passionalità.
DIFETTI
Sentimentalismo, estetismo, egocentrismo, esibizionismo, infedeltà, amore per il lusso.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli rosa, viola, azzurri.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli gialli, verdi, indaco.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Gola, apparato filtratore (pancreas, vescica, reni).

MARTE

PREGI
Energia, coraggio, virilità, passionalità, generosità, onestà, capacità di rischiare, combattività.
DIFETTI
Aggressività, intransigenza, ostinazione, gelosia, suscettibilità, insicurezza, prepotenza, impulsività.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli rossi, gialli, arancione.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli verdi, azzurri, indaco.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Sistema muscolare.

GIOVE

PREGI
Generosità, armonia interiore, serenità dì spirito, ottimismo, maturità, comunicazione, legalità.
DIFETTI
Avidità, ingenuità, pigrizia, spreco, paternalismo, autocelebrazione, tendenza a far prediche e a parlare troppo.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli verdi, arancione, rosa.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli indaco, azzurri, gialli.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Fegato.

SATURNO

PREGI
Razionalità, affidabilità, senso del dovere, tenacia, capacità di stare da soli, coerenza, forza d’animo, fermezza.
DIFETTI
Freddezza, distacco, pessimismo, sfiducia, aridità, avidità, ostinazione, misantropia.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli indaco, neri, azzurri.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli rossi, rosa, bianchi.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Sistema scheletrico, denti.

URANO

PREGI
Forza e velocità. di decisione, duttilità, modernità, apertura mentale, tolleranza, razionalità, anticonformismo.
DIFETTI
Instabilità, irrequietezza, opportunismo, freddezza, cerebralità, aridità, ribellione.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli arancione, gialli, azzurri.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli verdi, rossi, rosa, viola.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Sistema nervoso.

NETTUNO

PREGI
Intuito, preveggenza, creatività, misticismo, idealismo, amore per la natura, sperimentazione, curiosità, adattabilità.
DIFETTI
Nevrosi, ossessioni, fuga dalla realtà, credulità, sciatteria, instabilità, fanatismo, dipendenze di vario tipo, infedeltà, nebulosità di pensiero, manie varie.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli verdi, azzurri, indaco.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli arancione, gialli, rossi.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Sistema immunitario.

PLUTONE

PREGI
Creatività, vitalità, sessualità, coraggio, individualismo, energia, ricerca, genialità, resistenza.
DIFETTI
Violenza, aggressività sotterranea, intolleranza, ribellione, maniacalità, sperimentalismo in tutti i campi, sfruttamento degli altri.
PER POTENZIARE I PREGI
Cristalli azzurri, rosa, rosso scuro.
PER COMBATTERE I DIFETTI
Cristalli verdi, indaco, bianchi.
PARTI DEL CORPO ABBINATE
Apparato riproduttivo.

I QUATTRO ELEMENTI

I segni dello Zodiaco appartengono a quattro elementi, che ne caratterizzano la maniera di esprimersi e di comunicare.

Fuoco

Vi appartengono Ariete, Leone, Sagittario.

Il fuoco attribuisce calore, vitalità, energia, combattività, paternalismo, desiderio di proteggere i deboli ma anche di dominarli, generosità, sani appetiti di ogni genere.

Terra

Vi appartengono Toro, Vergine, Capricorno.

La terra attribuisce stabilità, razionalità, amore per le tradizioni, desiderio di possessi materiali, bisogno di rapporti essenziali, semplicità di vita, stabilità, continuità, scarsa combattività.

Aria

Vi appartengono Gemelli, Bilancia, Acquario.

L’aria attribuisce intelligenza, creatività, amore per la bellezza, scarso senso della tradizione, indipendenza mentale, ironia, mobilità, inquietudine mentale, capacità di girare pagina, pacifismo.

Acqua

Vi appartengono Cancro, Scorpione, Pesci.

L’acqua attribuisce inquietudine psichica, profondità di sentimenti e passioni, profondità di pensiero, riservatezza, attrazione per situazioni complicate, bisogno di mettersi alla prova, creatività, rapporti instabili con le cose e le persone.

CRISTALLI E ZODIACO

image

 

ARIETE

Segno di fuoco; i suoi pianeti sono Marte, Plutone, il Sole.

PREGI
Vitalità, calore, velocità, energia, fiducia in sé, entusiasmo, fascino, ardore, virilità.
DIFETTI
Immaturità, aggressività, egocentrismo, permalosità, impulsività, irrazionalità, avidità, vistosità.
GIORNO
Martedì.
COLORE
Rosso vivo.
CRISTALLI
Rubino e tutte le pietre rosso vivo.
FIORE
Geranio rosso.
METALLO
Ferro.
CIBI
Bistecche al sangue, salumi, peperoni, frutti rossi.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Possiede molte energie ma ha anche un temperamento impulsivo e tende a sprecarle; si ricarica dormendo; il suo punto debole è la testa, la fronte in particolare, oltre alla muscolatura; soffre di febbri alte improvvise e di breve durata, crampi e spasmi, mal di testa, nevralgie.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Marte, Plutone, Sole.

TORO

Segno di terra; i suoi pianeti sono Venere e Giove.

PREGI
Stabilità, sensualità, bontà, giustizia, lealtà, morbidezza, autodifesa, sana voglia di vivere, fiducia, ottimismo, capacità di sdrammatizzare, pazienza.
DIFETTI
Semplicismo, materialismo, testardaggine, immobilismo mentale e materiale, pigrizia.
GIORNO
Venerdì.
COLORE
Verde.
CRISTALLI
Smeraldo e tutte le pietre verdi.
FIORE
Rosa, pesco, ciliegio.
METALLO
Rame.
CIBI
Tutti; in particolare fragole, ciliegie, more, pomodori.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Ha notevoli riserve di energia ma è lento nell’usarle; il suo punto debole è la gola, in tutti i sensi, perciò è soggetto a tonsilliti, faringiti, abbassamenti di voce, ma anche a ingrassare con conseguenze quali colesterolo e glicemia da tenere d’occhio; nel collo c’è la tiroide, che può dare disturbi; è soggetto anche a riniti.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Venere e Giove.

GEMELLI

Segno d’aria; i suoi pianeti sono Mercurio e Plutone

PREGI
Intelligenza, mobilità, e vivacità mentali, fascino, temperamento adolescenziale, astuzia, ironia, capacità di analisi, facilità di rapporti umani.
DIFETTI
Mutevolezza, esibizionismo, narcisismo, protagonismo, immaturità, mancanza di puntualità, nervosismo, infedeltà, superficialità, sarcasmo.
GIORNO
Mercoledì.
COLORE
Giallo.
CRISTALLI
Corniola, agata e tutte le pietre gialle e giallo-arancione.
FIORE
Mughetto.
METALLO
Mercurio.
CIBI
Tanti piccoli piattini con tante pietanze diverse in piccole dosi; preferisce albicocche e melanzane.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Ha un’energia di tipo nervoso, ma la disperde facilmente e questo, a fronte di non abbondanti energie fisiche, comporta esaurimenti e necessità di riposo e relax; le parti del corpo sono gli orecchi, con possibili otiti; l’apparato respiratorio con piccole febbri, bronchiti, asma, allergie respiratorie; le braccia e le spalle (gomito del tennista).
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Mercurio e Plutone.

CANCRO

Segno d’acqua; i suoi pianeti sono Luna e Venere.

PREGI
Dolcezza, morbidezza, femminilità, riservatezza, tenacia, attaccamento al passato, fedeltà, dedizione, fantasia.
DIFETTI
Pigrizia, chiusura, impermeabilità, diffidenza, ansia, emotività, immobilismo, fissazioni, lunaticità.
GIORNO
Lunedì.
COLORE
Bianco latte.
CRISTALLI
Perla e tutte le pietre bianco latte e bianco argento.
FIORE
Ninfea e tutte le piante acquatiche.
METALLO
Argento.
CIBI
Tutti i derivati del latte e dello zucchero; macedonie di frutta fresca; cetrioli.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Non ha molta energia e tende ad accumulare emozioni; quando sta male, guarisce prima se circondato di affetto, meglio ancora se lo trattano come un bambino piccolo; le sue parti del corpo sono il seno e lo stomaco, che reagisce all’intensa emotività con gastriti, acidità, spasmi, ulcere.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Luna e Venere.

LEONE

Segno di fuoco;il suo pianeta e il Sole.

PREGI
Energia, responsabilità, eroismo, generosità, calore, passionalità, virilità, fiducia in stessi, capacità di dominare le circostanze, combattività.
DIFETTI
Paternalismo, egocentrismo, sottovalutazione degli altri, orgoglio, presunzione, prepotenza, dispotismo, amore per il lusso.
GIORNO
Domenica.
COLORE
Arancione.
CRISTALLI
Diamante e tutte le pietre color oro. 
FIORE

Girasole.
METALLO
Oro.
CIBI
Costosi; molte spremute di agrumi, il sedano.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Ha perfino troppa energia e ne abusa stressandosi, anche se non lo ammette; la parte del corpo a lui abbinata è il cuore, che può soffrire per la pressione alta.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per il pianeta Sole.

VERGINE

Segno di terra; i suoi pianeti sono Mercurio e Urano.

PREGI
Precisione, affidabilità, selettività, capacità di analisi, organizzazione, conservazione, riservatezza, timidezza, pudore, intelligenza, risparmio, efficienza.
DIFETTI
   Ansia, pignoleria, cavillosità, ipercritica, perfezionismo, chiusura verso gli altri, conservatorismo, perbenismo, avarizia, materialismo.
GIORNO
Mercoledì.
COLORE
Nocciola.
CRISTALLI
Topazio, giada e tutte le pietre giallo chiaro e verde chiaro.
FIORE
Fiordaliso e gardenia.
METALLO
Mercurio.
CIBI
È igienista, segue i dettami di qualche dietista, preferisce i cibi naturali, meglio se coltivati con le proprie mani; ama la lattuga e le prugne.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Non ha molte energie ma le programma meravigliosamente e sa economizzarle; la sua parte del corpo l’intestino, nel quale scarica l’ansia sotto forma di colite e altri disturbi intestinali; oltre a ciò le mani, che possono andare incontro a distorsioni, artriti, reumatismi.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Mercurio e Urano.

BILANCIA

Segno d’aria; i suoi pianeti sono Venere e Saturno.

PREGI
Armonia, riservatezza, senso dell’amicizia, tenerezza, sensualità, razionalità, amore per l’arte e la bellezza, eleganza, diplomazia, capacità di donarsi.
DIFETTI
Insicurezza, superficialità, volubilità, infedeltà, amore per il lusso, indecisione, spreco, conformismo.
GIORNO
Venerdì.
COLORE
Rosa.
CRISTALLI
Diamante, zaffiro e tutte le pietre bianche trasparenti e azzurre.
FIORE
Rosa.
METALLO
Rame.
CIBI
Carciofi, fragole, ciliegie, i dolci.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Non ha molte energie e l’amore può bruciargliele tutte; il suo stato generale di salute dipende dall’affetto, dal calore e dalla simpatia di cui circondata; le sue parti del corpo sono i reni, la vescica, il fegato e il pancreas, e poi la pelle, assai delicata.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Venere e Saturno.

SCORPIONE

Segno d’acqua; i suoi pianeti sono Plutone Marte e Mercurio.

PREGI
Affidabilità, passionalità, riservatezza, intuizioni, combattività, capacità di rinascere, creatività, anticonformismo, fascino, erotismo.
DIFETTI
Diffidenza, sospettosità, gelosia, sperimentalismo, aggressività, spirito vendicativo, materialismo, tendenza a drammatizzare, irascibilità, provocatorietà.
GIORNO
Martedì.
COLORE
Rosso cupo.
CRISTALLI
Topazio scuro e tutte le pietre rosso scuro.
FIORE
Garofano rosso cupo, geranio rosso cupo, tuberosa.
METALLO
Ferro.
CIBI
Piccanti e speziati, pietanze insolite con salse, la barbabietola.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Tende a consumare le molte energie che possiede, ma quando sembra a terra tira fuori scorte segrete come conigli dal cilindro del prestigiatore; riposa poco e male perché ha la mente sempre in fermento, perciò ha bisogno di aiuti per dormire; mangia piccante e in modo sregolato danneggiando l’intestino; le sue parti del corpo sono le ghiandole a secrezione esterna, fra cui le sudoripare e i testicoli, per cui sono suoi gli eccessi di sudorazione e i disturbi ai genitali.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Plutone, Marte e Mercurio.

SAGITTARIO

Segno di fuoco; i suoi pianeti sono Giove e Nettuno.

PREGI
Onestà, rettitudine, affidabilità, cordialità, disponibilità, ottimismo, serenità, sana normalità, amicizia, amore per l’arte e la natura, temperamento da esploratore, abilità di parola.
DIFETTI
Ingenuità, invadenza, tendenza a farsi sfruttare, semplicismo, irrequietezza, paternalismo, golosità.
GIORNO
Giovedì.
COLORE
Lilla.
CRISTALLI
Ametista e tutte le pietre viola.
FIORE
Garofano selvatico e calicantus.
METALLO
Stagno.
CIBI
Asparagi e pere; è un buongustaio.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE

Ha molta fiducia nelle sue energie, alle quali attinge anche quando sono finite; ha bisogno di sport e vita all’aria aperta; la sua parte del corpo sono le belle e lunghe gambe e va soggetto a sciatiche, sinoviti, distorsioni e strappi e anche cellulite; l’appetito lo espone ai malanni dei peccatori di gola: colesterolo alto, acido urico, epatite; è inoltre predisposto a infezioni e allergie di origine insolita, per esempio le malattie tropicali.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Giove e Nettuno.

CAPRICORNO

Segno di terra; i suoi pianeti sono Saturno Urano Marte.

PREGI
Affidabilità, tenacia, determinazione, ambizione, razionalità, umiltà, perseveranza, professionalità, spirito di sacrificio, pazienza.
DIFETTI
Durezza, mancanza di scrupoli, avidità, scarsa affettività, aridità, diffidenza, eccesso di rigore, ipercritica.
GIORNO
Sabato.
COLORE
Verde scuro e marrone scuro.
CRISTALLI
Onice e tutte le pietre nere.
FIORE
Giacinto.
METALLO
Piombo.
CIBI
È frugale, ma buongustaio; ama le verdure invernali.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Ha poche energie ma le sa usare con grande intelligenza; è il segno della longevità ma anche delle malattie croniche; la sua parte del corpo è la colonna vertebrale, quindi sue sono le artrosi, i reumatismi, le calcificazioni; sua parte del corpo sono anche i denti; ha infine la pelle incolore e delicata, soggetta a funghi, vitiligine e simili.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Saturno, Urano, Marte.

ACQUARIO

Segno d’aria; i suoi pianeti sono Urano, Saturno e Nettuno.

PREGI
Anticonformismo, lucidità mentale, logica, inquietudine spirituale, razionalità, capacità di voltare pagina, rapidità di decisioni, apertura mentale, comprensione, modernità, amore per l’arte.
DIFETTI
Imprevedibilità, sperimentalismo, mancanza di concretezza, aridità, distacco, opportunismo, incapacità di prendere posizione.
GIORNO
Sabato.
COLORE
Grigio-azzurro.
CRISTALLI
Zaffiro e tutte le pietre azzurre e grigio-azzurre.
FIORE
Narciso e iris.
METALLO
Platino.
CIBI
Ama provare cibi insoliti; gli piacciono le verdure invernali.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
Ha poche energie che utilizza ottimamente e con parsimonia; la sua parte del corpo è il sistema nervoso per cui va soggetto a malanni di tipo neurologico; è associato anche alle mani e ha inoltre tendenze reumatiche, pelle delicata, ossa e denti fragili; per finire, spesso è afflitto da malanni di cui non si scopre la causa.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Urano, Saturno e Nettuno.

PESCI

Segno d’acqua; i suoi pianeti sono Nettuno, Giove e Luna.

PREGI
comprensione, affettività, dolcezza, fantasia, poesia, capacità di sognare, intuito, creatività.
DIFETTI
Mutevolezza, instabilità, autocommiserazione, emotività, irrequietezza, infedeltà, passività, pigrizia, autolesionismo, angoscia, disorganizzazione.
GIORNO
Giovedì.
COLORE
Turchese.
CRISTALLI
Acquamarina e tutte le pietre azzurre trasparenti.
FIORE
Giglio e gelsomino.
METALLO
Stagno.
CIBI
Rapporto affettivo con il cibo: si va dal buongustaio al disinteressato totale; ama le insalate verdi.
ENERGIA DISPONIBILE E PARTI DEL CORPO ABBINATE
L’energia è poca e va soggetta agli stati d’animo; è un segno predisposto ai contagi epidemici, alle intossicazioni da cibo e farmaci; la sua parte del corpo sono i piedi.
PER POTENZIARE I PREGI E COMBATTERE I DIFETTI
Vedi quanto detto per i pianeti Nettuno, Giove, Luna.

 

BIBLIOGRAFIA

image

* parte del contenuto di queste pagine è reperibile
nei libri o pubblicazioni di seguito riportati.

A.Balladori – Guarire con i cristalli – ed. Piemme

B.Battacharryya – Curarsi con le pietre preziose – ed. Mediterranee

B.Battacharryya – Teleterapia – ed. Mediterranee

M.Caldirola – Cristalloterapia – ed.Sonzogno

J.Ciaccio D.Secchi – La cristalloterapia – ed. Xenia

T.Griziotti Basevi – Cristalloterapia – ed. De Vecchi

D.L.Mella – I poteri delle pietre e dei cristalli – ed. Armenia

A.Rizzi – Cristalloterapia – ed. Mariotti

P.Severi – Pietre che curano – ed. P. Severi

L.Simpson – L’energia sottile dei cristalli – ed. Lyra libri

R.Vital – Il grande libro della cristalloterapia – ed. Xenia

W.Schumann – Guida alle gemme del mondo – ed. Zanichelli

J.I.Rodale e coll. – Il libro dei minerali per la salute – ed. Giunti

M. Sheldrake – Guarire con i cristalli – Armenia Edizioni

Scott Cunningham – Enciclopedia delle Pietre Magiche – Mursia Editore

Marguerite Elsbeth – Cristalli di Potere – ed. Punto d’Incontro

M. Gienger – L’arte di curare con le pietre – ed. Crisalide

C. Cipriani A. Borrelli – Pietre preziose – Arnoldo Mondadori Editore

T. Swenson – Guida Pratica alla gemmoterapia – ed. Mediterranee

C. Pellant – Rocce e minerali – ed. Fabbri

 

Fonte http://www.alkaemia.it/cristalli.php

 

 

 

 

I SEGRETI SVELATI, SALUTE

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Padronanza personale e Auto-motivazione Successivo Meditazione della Luna Blu 20/21 agosto 2013

3 commenti su “Quasi tutto di CRISTALLOTERAPIA E CRISTALLI

  1. grazie x questo bel vieggio tra le mie adorate pietre.
    Il mio sogno è far conoscere la magie delle pietre a chiunque ne sia interessato, questo articolo risponde a molte domande e accenderà la curiosità in chi si sentirà chiamato dalle pietre. Grazie di cuore

  2. Elisabetta il said:

    buongiorno.
    Mi hanno consigliato una punta di quarzo trasparente da mettere in camera da letto. Quando sono andata per acquistarla, ne ho trovate di vare forme, alcune con dentro il fantasmino. Come scegliere?
    Grazie.

  3. Cominelli Gloria il said:

    Buongiorno volevo spere : posando la pietra quarzo rosa nel 4° chakra nella schiena ( volontà) quando la tolgo la zona è freddissima e anche la pietra . cosa vuole significare? grazie mille per l’attenzione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.