NEL 2011 DEI RICERCATORI PREDISSERO LE RIVOLTE DI QUESTA ESTATE

Nel 2011 scoppiavano le rivolte in Nord Africa ed in Medioriente, poi chiamateimpropriamente “primavere arabe”. In quel periodo ci si domandò cosa potesse esserne la causa scatenante. Dare una risposta univoca sarebbe ingenuo e sbagliato, visto la complessità e la diversità dei contesti. Qualcuno però ci provò, adottando proprio il metodo che si basa sulla “teoria della complessità”. Marco Lagi, ricercatore del New England Complex Systems Institute di Cambridge, scrisse un paper nell’estate del 2011, titolato The Food Crises and Political Instabilityin North Africa and the Middle East.

Cosa è la “teoria della complessità“? Si basa principalmente sull’assunto della non-linearità dei sistemi. Nel metodo scientifico significa rinunciare alla correlazione diretta dei fenomeni, per analizzarne aspetti più profondi ed apparentemente non collegati da una visibile causa-effetto superficiale. Da Wikipedia: “un problema è lineare se lo si può scomporre in una somma di sotto-problemi indipendenti tra loro. Quando, invece, i vari componenti/aspetti di un problema interagiscono gli uni con gli altri così da rendere impossibile la loro separazione per risolvere il problema passo-passo e “a blocchi”, allora si parla di non-linearità”.

Lagi e colleghi, attraverso lo studio dei fenomeni complessi, erano arrivati alla conclusione che le rivolte si possano predire in base al prezzo del cibo. Quando si supera una certa soglia, le probabilità che si scatenino rivolte di piazza schizzano alle stelle, e non importa a che latitudine avvenga, o per quali motivi “superficiali” sembrano evolvere. I ricercatori sono arrivati a queste conclusione sovrapponendo i dati forniti dall’Onu sul prezzo del cibo nel tempo, il così detto “indice dei prezzi alimentari”, alle date delle varie rivolte che accaddero in giro per il mondo negli anni precedenti. Il risultato è il grafico qui sotto.

Può risultare un’analogia ovvia. Più il cibo costa, meno la gente vive bene. Però Lagi e il suo team sono studiosi della complessità, e non si fermano a questo dato di fatto. Quello che emerge dalla ricerca è che esiste una soglia, un punto di non ritorno, oltre il quale, qualsiasi scintilla, anche non direttamente collegata al livello del prezzo del cibo, può scatenare manifestazioni di piazza. Le cause possono poi essere lette in altri modi – autoritarismo del governo, corruzione, prezzo dei mezzi pubblici, eccetera -, ma in tutti i casi studiati esiste una relazione tra il prezzo del cibo e la facilità con cui si scatenano delle rivolte.

Il 13 dicembre del 2011 – cioè quattro giorni prima che Mohamed Bouazizi si desse fuoco in Tunisia per protestare contro i maltrattamenti della polizia, gesto che diede il via a tutte le rivolte in Medioriente ed in Nord Africa –  il team di ricercatori scrisse al governo degli Stati Uniti, mettendo in guardia che la soglia che avevano identificato stava per venire superata.

I ricercatori arrivano quindi a suggerire che basterebbe calmierare il prezzo del cibo per “stabilizzare” il pianeta. Ma nella ricerca non dicono solo questo, dicono anche un’altra cosa interessante: l’indice dei prezzi, secondo le proiezioni del 2011, erano in aumento, e Lagi arrivò a scrivere che se non si fossero prese in considerazione misure quali un freno alla speculazione sul cibo, o l’imposizione di limiti nel consumo di carburanti derivati dal mais, entro l’estate del 2013 – questa estate in cui ci troviamo ora – la soglia sarebbe stata di nuovo superata, e con essa sarebbe aumentata la probabilità di rivolte di piazza.

Il grafico qui sotto completa quello precedente, e include i dati fino al maggio di quest’anno. Come si può vedere i prezzi erano in aumento, e siamo praticamente arrivati alla fatidica soglia.

In questi giorni milioni di persone hanno manifestato in Turchia ed in Brasile. Apparentemente sono proteste che nascono da motivazioni diverse, e tra loro del tutto scollegate. Alla luce però di questo studio viene da chiedersi se in realtà, le teorie della complessità non lineari, possano effettivamente darci un diverso punto di vista sulle cause scatenanti delle confuse rivolte nei vari paesi, che non sembrano tra loro correlate, se si guarda il mondo attraverso un occhio “lineare”. Proprio in questi giorni, tra l’altro, altre migliaia di persone stanno paralizzando la Bulgaria, e l’estate è appena iniziata, i prezzi del cibo sono in aumento, e secondo le previsioni – finora azzeccate – dei ricercatori, il picco, come si vede nel prossimo grafico, sarà ad agosto.

 

Fonte http://www.zoornalism.it/wordpress/2013/06/22/nel-2011-dei-ricercatori-predissero-le-rivolte-di-questa-estate/#more-818

 

Leggendo questo sorge una domanda in mondo spontaneo. Se questo è vero, è possibile che rivolte in piazza sono programmate dal “regime che fu”?
Cercando la risposta a questa domanda non dobbiamo dimenticare in che modo sta funzionando il potere.
In verità si tratta di lotta tra le frequenze vibratorie di energia. 
“Il potere che fu” è basato sulle basse frequenze energetiche emozionali ( paura, odio, rabbia,…).
Ma tutto dimostra che, anche se hanno provocato proteste di questa estate manipolando i prezzi degli alimenti, hanno fallito nel loro scopo finale.
La coscienza umana è cambiata definitivamente. Le masse sulle piazze hanno dimostrato la maturità di nuova umanità.
Le masse non si ribellavano contro il sistema  ma stano lottando per un nuovo sistema al misura di essere umano.
La creazione ha vinto contro la distruzione. 

L’amore ha vinto contro la divisione.
In conferma di queste mie conclusioni potete leggere

NUOVO TIPO DI PROTESTE – Manifestanti turchi tengono lezioni di yoga di massa e concerti a Gezi Park

 

EVENTI IN TURCHIA – UN PUNTO DI VISTA DI COLOR INDACO

 

LA VOCE DEL POPOLO BRASILIANO

 

Tanja

I SEGRETI SVELATI, POLITICA, ECONOMIA E LEGGE, SCIENZA , , , , , , , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Debitore tormentato dal recupero crediti: danno da privacy violata Successivo MEDICINA DELLA NUOVA ERA-Ionorisonanza Ciclotronica: La fonte del benessere nell’antichita’

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.