Turchia, donne in prima fila nella rivolta di Istanbul

Giovani e anziane. Velate e non. Sfidano Erdogan e la polizia. Per vincere il conservatorismo. Mentre la protesta continua.

di Alberto Tetta

Ceyda Sungar, donna simbolo della rivolta in Turchia.Ceyda Sungar, donna simbolo della rivolta in Turchia.

Una ragazza con un abito rosso che usa il proprio corpo come scudo davanti a un cordone di poliziotti in assetto anti-sommossa, mentre un agente le spruzza addosso un getto di gas lacrimogeno.
Una signora anziana, ribattezzata dalla Rete la Nonna ribelle, che tende la fionda all’indirizzo delle forze dell’ordine.
Sono solo due delle donne che da fine maggio partecipano alla mobilitazione turca contro la demolizione del parco Gezi di Istanbul e, in seconda battuta, contro l’autoritarismo del presidente Recep Tayyip Erdogan.
CON E SENZA IL VELO. Sono sindacaliste, intellettuali, giornaliste, attrici, operaie e militanti della sinistra, indossano casco, occhialini e mascherine anti-gas sul volto per opporsi alla polizia. Qualcuna porta il velo, altre no.
Le femministe, che hanno un loro spazio all’entrata del parco, insieme con il gruppo lesbo-gay-bisex e trans hanno iniziato a promuovere una campagna contro l’uso di espressioni sessiste e omofobe durante le manifestazione. Dopo gli scontri del 31 maggio si sono armate di secchio e pennello e hanno cancellato gli slogan offensivi dai muri del centro della città.
LE MADRI IN PRIMA LINEA. Alcune di loro, nella notte tra giovedì 13 e venerdì 14 giugno, hanno formato una catena umana per «proteggere i propri figli».
Il serpentone ha attraversato il parco tra gli applausi, al grido di «Abdullah Cömert (uno dei manifestanti che hanno perso la vita, ndr) è nostro figlio», «le madri sono ovunque, la rivolta è ovunque». Una risposta all’ultimatum di Erdogan, che aveva invitato le donne a portare via i bambini dal parco e a proteggerli, in vista della tolleranza zero.
Loro, le donne, hanno risposto con la solita ironia. «Care famiglie dei poliziotti, portate via i vostri ragazzi dal parco, è pericoloso», hanno scritto su un cartello che troneggiava dentro a Gezi.

La svolta conservatrice di Erdogan contro le donne

Attiviste all'ingresso di Gezi park, Istanbul.(© Getty) Attiviste all’ingresso di Gezi park, Istanbul.

L’attivismo femminile non deve sorprendere.
La grande esplosione di rabbia sociale seguita allo sgombero del parco Gezi è espressione di uno scontento che covava da tempo in molti settori della società turca.
E in primis tra le donne, perché la svolta conservatrice di Erdogan, declinata in molte forme, ha messo in discussione soprattutto i loro diritti.
CAMPAGNA ANTI ABORTO. Nell’estate 2012 il premier ha condotto una campagna contro l’interruzione volontaria di gravidanza. «L’aborto è un omicidio, non fa nessuna differenza uccidere una vita dentro o fuori il corpo della madre», aveva dichiarato Erdoğan a fine maggio.
Il ministro della Sanità era subito passato all’azione preparando una proposta di legge che permetteva di abortire solo entro la quarta settimana dal concepimento. Di fatto quasi un divieto visto che la grande maggioranza delle donne si accorge di essere incinta più tardi.
Il ‘no’ della popolazione turca – il 55% contrario alla legge – aveva spinto il governo a ritirare la proposta. Ma la possibile svolta conservatrice nell’azione del governo era apparsa chiara fin da allora.
PILLOLA VIETATA. Un anno dopo Erdogan è ritornato alla carica. Nel maggio 2013, poco prima che iniziassero gli scontri,  il parlamento turco ha votato una legge che proibisce la vendita della pillola del giorno dopo senza ricetta medica. La misura rende molto difficile per le donne non sposate, soprattutto nei villaggi e nelle regioni più conservatrici, rivolgersi al proprio medico in caso di gravidanza indesiderata per paura che la propria famiglia venga informata.
Da anni il primo ministro invita le giovani coppie a «fare almeno tre figli» e non fa nulla per nascondere le proprie idee sul ruolo che dovrebbe avere la donna nella società turca: madre e moglie.

http://www.lettera43.it/economia/macro/turchia-donne-in-prima-fila-nella-rivolta-di-istanbul_4367598973.htm

Cambiamento

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Arrestato l'ex vicecapo dei servizi «Ha sottratto 10 milioni al Viminale» Successivo Glenn Beck: Entro 24 ore, BREAKING NEWS che abbatterà giù l'intera struttura di potere

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.