Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio – Le foto astronomiche della settimana

Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio

Il cavaliere oscuro?
Fotografia di Babak Tafreshi, TWAN

Come in uno scenario medievale, una mistica Luna gioca a nascondino con le nuvole sopra il castello della città di Cochem, lungo le rive della Mosella, in Germania.

“Per un momento il chiaro profilo della corona lunare ha formato il logo di Batman nel cielo”, racconta il fotografo Babak Tafreshi che ha catturato il “Bat-segnale” nella notte del 18 maggio.

 

Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio

Psichedelia cosmica
Immagine per gentile concessione C. Robert O’Dell e David Thompson, Vanderbilt/LBTO/ESA/NASA

Considerato da generazioni di astronomi un oggetto iconico dello spazio profondo, la famosa Nebulosa Anello ha subito una piccolo ritocco in questo scatto composito diffuso il 23 maggio e realizzato unendo le osservazioni del telescopio spaziale Hubble e del Large Binocular Telescope in Arizona, negli Stati Uniti.

A 2.000 anni luce di distanza dalla Terra, nella costellazione estiva della Lira, questa nuvola psichedelica di gas e polvere in espansione si è formata a partire dal materiale espulso da una stella morente simile al Sole.

 

Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio

Arco celeste
Fotografia di Wally Pacholka, TWAN

La volta cosmica della Via Lattea incornicia il sereno paesaggio roccioso del Bryce Canyon, nel sud-ovest dello Utah, negli Stati Uniti. Una visione magica come questa può essere ottenuta solo sotto un cielo nitido, lontano dall’inquinamento luminoso della città

 

Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio

Anelli lunari
Immagine per gentile concessione ASU/NASA

Siutato nell’estremità nordoccidentale del Bacino Polo Sud-Aitken della Luna, il cosiddetto Apollo Basin è un cratere di impatto con doppio anello che misura circa 483 chilometri.

In questo dettaglio, fotografato dalla sonda Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA, si vede chiaramente il doppio arco formato dal bordo del cratere e da un concentrico anello interno.

Le cause della formazione di questa struttura non sono del tutto chiare. L’Apollo Basin è il più profondo cratere della Luna, e gli esperti ritengono che attraverso lo studio di questa regione, dove la crosta inferiore del satellite è esposta, si può ottenere una migliore comprensione delle prime fasi della sua storia.

 

Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio

Universo e nuvole
Immagine per gentile concessione ESO

Questa cartolina di una gigante nube interstellare, diffusa il 23 maggio, celebra i 15 anni dell’apertura del Very Large Telescope in Cile.

IC 2944 è una nebulosa gigante nel sud della costellazione del Centauro, distante 5.900 anni luce dalla Terra. La nebulosa è composta da dense nubi di gas e polvere scura che si pensa siano strettamente associate alla formazione stellare. Queste nubi oscure, chiamate Globuli di Thackeray, che nella foto si stagliano contro la nebulosa illuminata, distano meno di due anni luce l’una dall’altra.

 

Il Bat-segnale, la nube psichedelica e il vulcano dallo spazio

Risvegli
Fotografia per gentile concessione NASA

Questa istantanea della massiccia eruzione del remoto vulcano Pavlof (situato un migliaio di chilometri a sud-ovest di Anchorage, in Alaska, lungo le Isole Aleutine) è stata scattata dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) il 18 maggio.

L’ISS, sorvolando la terra a 350 chilometri di altezza, ha fotografato il picco di attività di questo vulcano innevato che ha sollevato in atmosfera un pennacchio di nube e cenere di 610 metri. Questo prezioso punto di vista permette ai vulcanologi di dare un’occhiata unica alla struttura tridismensionale del gigante pennacchio di cenere, che qui si estende verso l’Oceano Pacifico del Nord.

 

Due passi nello spazio  e diavoli su Marte

Passeggiata d’emergenza
Fotografia per gentile concessione NASA

L’11 maggio, gli ingegneri di volo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), tra cui l’astronauta statunitense Chris Cassidy, nella foto, hanno dovuto affrontare una passeggiata spaziale fuori programma di oltre 5 ore.

Gli astronauti hanno infatti riparato una perdita di ammoniaca di una pompa del circuito di raffreddamento, parte del sistema di generazione di energia elettrica della stazione.

La perdita è stata inizialmente scoperta il 9 maggio dall’astronauta canadese Chris Hadfield, che ha riferito di aver visto alcuni fiocchi bianchi spuntare fuori dalla ISS.

 

 

Fonte http://www.nationalgeographic.it/scienza/spazio/2013/05/27/foto/il_bat-segnale_e_il_vulcano_dallo_spazio-1671955/7/#media

SPAZIO

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Sei un portatore di luce? Successivo HEATHER SU SWISSINDO E RV

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.