Comandante Chris Hadfield a bordo della Stazione Spaziale canta Space Oddity- Video

COMANDANTE SALUTA STAZIONE SPAZIALE CON COVER DI DAVID BOWIE

Una versione riveduta Space Oddity di David Bowie, registrato dal Comandante Chris Hadfield a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Sta per tornare sulla Terra e per salutare la Stazione spaziale mette in rete una cover di David Bowie, il famoso pezzo Space Oddity pubblicato nel 1969 in tempo per l’impresa dell’Apollo 11. E’ l’idea originale di Chris Hadfield, comandante della missione Expedition 35 sulla Stazione Spaziale Internazionale che pochi giorni fa ha avuto un momento di tensione con un guasto poi riparato.

Hadfield, appassionato di musica – è stato già protagonista di una jam session stellare in diretta dallo spazio – ha confezionato una cover ben cantata corredata di un video in cui la chitarra fluttua complice l’assenza di gravità, e l’ha postato sui suoi numerosi profili ‘social’, da Facebook a Twitter dove ha numerosi fan. “In tributo al genio di David Bowie, ecco Space Oddity, registrata sulla stazione spaziale. Un ‘ultima vista del mondo”, scrive Hadfield nel post. Voce e chitarra sono state registrate a bordo della Stazione spaziale, il piano e gli altri strumenti sono stati aggiunti da un gruppo di collaboratori sulla Terra. Nel video si vedono anche delle bellissime immagini del nostro Pianeta prese dallo spazio.

Il comandante ha leggermente modificato il testo della canzone tarandolo sulla sua situazione personale: invece di ‘Major Tom’ il personaggio inventato da Bowie, Hadfield cita la navetta Soyuz. Il brano dura circa cinque minuti e ha il merito, oltre che di puntare l’attenzione sull’originalità e l’ironia di Hadfield (nel video il suo atterraggio è immaginato con paracadute e finisce con una nube di polvere) anche di riaccendere l’entusiasmo verso le esplorazioni spaziali. Hadlfield – un veterano delle missioni nello spazio – insieme agli astronauti Tom Marshburn e Roman Romanenko, lascerà la stazione spaziale oggi per atterrare questa sera in Kazakhstan con la Soyuz.

 

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/elementihp/2013/05/13/Comandante-stazione-spaziale-canta-Space-Oddity_8697399.html

SPAZIO

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Nuova tecnologia- Ritorna In Vita Dopo 40 Minuti Di Morte grazie alla nuova macchina Successivo Dr. Robert Gentry - "Rocce di granito sono formate in pochi minuti piuttosto milioni anni fa"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.