Il giudice di Arezzo che assolve chi ruba per fame

tribunale1Ha assolto chi aveva rubato per fame. Il giudice di Arezzo Giampaolo Mantellassi ha rilasciato oggi un’intervista al Tirreno in cui ha spiegato la propria linea, che è ammessa dal codice. “Ho assolto persone che avevano rubato per fame. Una volta ho celebrato un processo per furto aggravato in un supermercato per due barrette di cioccolato, un pezzo di formaggio e uno di pancetta. Importo della merce rubata 6,50 euro. Costo del processo, fra testimoni, cancellieri e tutto l’insieme, minimo 200 o 300 euro”.

Non reati semplici, ma segni di un allarme sociale secondo il giudice. Che argomenta anche come è possibile non punire chi ruba per fame. “Il codice penale riconosce la differenza tra un furto commesso con dolo e uno commesso per necessità. Io applico questa differenza. E sono contro l’accanimento nei confronti delle persone in difficoltà”. “Quando si tratta di furti di beni di prima necessità chiedo sempre ai supermercati di rinunciare ad azioni penali ma nessuno rimette mai la querela. E allora, se possibile applico l’articolo 54 sullo stato di necessità”.
Cambiamento

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Una preghiera e la risposta ricevuta - La denuncia dei carabinieri: “Suicidi colpa della politica” Successivo VANGELO DI GIUDA (TESTO INTEGRALE)+VIDEO

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.