Una preghiera e la risposta ricevuta – La denuncia dei carabinieri: “Suicidi colpa della politica”

“Coincidenze”, di nuovo, ci stano dimostrando che tutto è possibile e che quelli piccoli miracoli sono presenti nella nostra realtà. 

Questo piccolo miracolo ho appena visto in una notizia che fino a ieri sembrava impossibile.

“Coincidenza” e nel fatto che proprio tra le mie mail ho trovato un messaggio che volevo pubblicare e prima di cominciare a scrivere questo articolo ho visto la notizia.

Qualcuno dirà che questo è solo un’coincidenza ma a me piace credere nei miracoli e nel potere della preghiera che arriva dal cuore.

Tanja

 

409453_2716058114005_106589928_n

 

PREGHIERA

 

Caro fratello umano in divisa,

facciamo un lavoro diverso ma nuotiamo nello stesso mare. Un mare in tempesta, con onde alte e forti che travolgono pezzi della nostra società, e singoli individui, con forza spietata. Saper nuotare o no fa ormai poca differenza. Onde che sempre più chiaramente sono tutt’altro che da considerare “fenomeni naturali “.
Facciamo un lavoro diverso ma con le stesse motivazioni, contribuire al futuro dei nostri figli e delle persone che amiamo, questo è il canovaccio che tesse le nostre azioni. Rispetto il tuo duro lavoro, la tua presenza in situazioni difficili e pericolose, il senso del dovere ed il rispetto di un giuramento fatto ad alta voce, ma nonostante queste basi una domanda mi sorge spontanea e direttamente dal cuore.

Una domanda che ha radici nella curiosità di conoscere e sapere, nel desiderio di condividere. Come ti senti, quando le circostanze attuali trasformano il tuo “Dovere” in un’azione, ad esempio, di sfratto nei confronti di una famiglia disastrata dalla crisi, con figli minori, con genitori integerrimi che hanno perso il lavoro e nonostante l’impegno e la serietà dimostrati nessun appoggio trovano a difesa di tanto sudore.

Come ti senti quando individui per bene manifestano il loro disappunto davanti all’inerzia e al malaffare della Politica, con le ragioni del sano Buon Senso, Legge Naturale che è scritta in tutti i cuori e quindi anche nel tuo. Ho il desiderio profondo di comprendere cosa accade nelle tue emozioni in quei momenti……sento il tuo dolore e al contempo ho bisogno della tua conferma.

Ti vedo rientrare in famiglia dopo il lavoro, una famiglia come tutte le altre, con un padre che rischia come ogni padre di perdere il lavoro e lo stipendio per colpa dell’uso sconsiderato che le istituzioni fanno delle pubbliche risorse, dove il cittadino, vero e naturale beneficiario, diventa solo bersaglio di azioni tanto Legali quanto illegittime.

Ho sentito la vostra protezione in tante circostanze, mi dava tranquillità vedervi passare piano, e tenere d’occhio i giardinetti dove giocava mia figlia, o leggere notizie che mi facevano davvero credere nel valore del vostro impegno.

Oggi la vostra immagine si confonde con la melma del sistema, amici o nemici? Il dubbio si insinua e voglio capire.

Per un cittadino oggi essere regolare e diventato davvero un esercizio impossibile. Quanti di noi sono passati dalla serenità al pericolo di sanzioni più o meno gravi, amministrative fiscali e addirittura penali, senza volere e solo ed esclusivamente perché travolti dall’incuria fraudolenta di tanta parte della “Cosa Pubblica”.

Artigiani che usano mezzi, nonostante il fermo amministrativo iniquo di Equitalia, perché vogliono lavorare o almeno provarci.

Disperati che devono muoversi utilizzando mezzi senza assicurazione, senza essere furbetti di sistema, ma semplicemente senza un euro in tasca correndo consapevolmente rischi più grandi di loro.

Il vostro “Dovere” vi chiama ormai a dare il colpo di grazia e reprimere un popolo disastrato di cui irrimediabilmente siete parte. Qualcuno se la sente di rispondere sinceramente a queste che stanno diventando le domande del Popolo in nome e per conto del quale avete fatto il vostro giuramento?

Uno di Gaia

 

LA NOTIZIA

 La denuncia dei carabinieri: “Suicidi colpa della politica”

Il Cocer, Consiglio di rappresentanza dell’Arma, attacca: “Siamo arrivati a non costruire un governo a distanza di oltre quaranta giorni dalle elezioni”. Polemiche sulla Boldrini: “Abbiamo un presidente della Camera che non immaginava ci fosse tanta povertà”

“Ancora una volta la cronaca è costretta a riproporre nuovi casi di suicidi di cittadini innocenti,vittime delle scelte disastrose di una classe politica sempre meno intenzionata a risolvere i gravi problemi che attanagliano il Paese”. E’ la denuncia choc del Cocer dei Carabinieri. L’organismo di rappresentanza dell’Arma stigmatizza il comportamento dei politici, “arrivati addirittura a non costituire un governo a distanza di oltre 40 giorni dalle elezioni ed ancor di più a non istituire le commissioni parlamentari, la cui costituzione viene aggirata attraverso la previsione di fantomatiche commissioni speciali”.

Quindi l’attacco a Laura Boldrini: “La stessa classe politica elegge un presidente della Camera che dichiara candidamente di non aver immaginato che in Italia oggi ci fosse tanta povertà”.

“Gli stessi politici, inoltre – continua il Cocer – hanno determinato un’insanabile situazione di disagio e di imbarazzo agli stessi rappresentanti delle istituzioni presenti ai funerali di queste vittime innocenti, che sono stati fatti oggetto di tutta la comprensibile rabbia dei cittadini, ormai stanchi della colpevole inerzia dimostrata sino ad oggi dallo Stato, quella rabbia che, ormai quotidianamente, viene scaricata addosso alle forze dell’ordine, sempre più spesso chiamate a dover difendere queste istituzioni dal crescente malcontento”.

Infine, la difesa da parte degli agenti a chi si scaglia contro di loro: “Non ci sentiamo, tuttavia, di ‘condannare’ quel popolo che ci insulta perchè ci identifica come l’interfaccia di uno Stato cinico e predatore, quello stesso Stato che da sempre manifesta la sua ‘riconoscenza’ per l’opera svolta dalle forze armate e dalle forze di polizia con continui tagli e penalizzazioni”.

http://www.today.it/cronaca/suicidi-carabinieri-contro-stato.html

 

603200_493096817374651_1332078737_n

 

Cambiamento, NOTIZIE

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente AGGIORNAMENTO - Un cittadino brittanico vince la causa contro la BBC per ragioni di falsa informazione riguardo 11.settembre 2001. Successivo Il giudice di Arezzo che assolve chi ruba per fame

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.