Svelata la campagna della casta: responsabilita’ di Grillo

 

Grillo, con il Movimento5Stelle, e’ responsabile di accettare di dialogare ora con le altre forze per formare un governo, non puo’ solamente denunciare la casta  e rifiutarsi di collaborare.

– Italiani che lo avete votato e tanto desiderate il cambiamento, convincete Grillo ad accettare di dare la fiducia al governo Bersani (PD).  Se non lo fate il sogno di cambiamento che avete cavalcato insieme con Grillo andra’ in fumo, il potere ritornera’ nelle mani dei vecchi partiti corrotti e nessun cambiamento avverra’. Se andate alle prossime elezioni senza avere fatto alcuna legge perderete voti.

– Italiani tutti, l’Italia e’ senza governo,  fate pressione su  Grillo perche’ accetti, mettendo da parte gli interessi personali, bisogna salvare l’Italia! Se non accetta sara’ lui  il responsabile della rovina dell’Italia“.

Cosi’ si puo’ riassumere la campagna di disinformazione della casta (come la chiama Grillo e per intenderci) che sta ora dilagando e che tutti ripetono pensando di stare ragionando con la propria testa.

Essa mi pare che faccia leva su tre fattori chiave:

– la tua stanchezza di aspettare il cambiamento e il desiderio di vederlo realizzato ora (con riforme che sono decenni che aspettano e finora sono state negate)

– la tua paura ( che non si attui il cambiamento o peggio ancora che l’Italia vada in malora senza un governo)

– il tuo apprezzamento della collaborazione, per il dialogo.

 

Se qualcuno si rifiuta di collaborare automaticamente passa dalla parte del torto, no?

Pero’ questo invito forzoso a collaborare e alla responsabilita’ di Grillo  volutamente ignora il fatto, che gli altri partiti ben conoscono e che gli elettori sono stati messi in grado di conoscere prima di votare, che tutti i candidati alle elezioni del M5S hanno firmato, prima di essere votati, un documento in cui si impegnano a non unirsi a nessun altro partito se non per singole leggi (vedi Blog di Grillo).

Non si puo’ adesso addurre la responsabilita’ di Grillo di appoggiare un altro partito per formare un governo quando fin dall’inizio ha dichiarato, e i votanti lo hanno accettato, che non sarebbe avvenuto.

 

La strategia di Grillo e del movimento e’ chiara, logica, saggia e vincente:

1) entrare in Parlamento all’opposizione, mantenendo integro il proprio partito ed il proprio programma e da li’

2) dare il voto positivo solo alle leggi che sono in accordo con il cambiamento promosso dal M5S

3) controllare l’operato degli altri partiti, in particolare presidiendo l’organo di controllo e vigilanza che spetta all’opposizione

4) lasciare che i vecchi partiti completino la  rovina della propria reputazione con le proprie stesse mani, con maggiori scandali che verranno alla luce grazie alle denuncie del M5S

5) far conoscere meglio agli Italiani il M5S, la sua validita’ e integrita’ e andare alle prossime elezioni per ottenere la maggioranza che gli consenta di governare da solo.

e ad esse aggiungo personalmente 6) ottenere il controllo della RAI e comunicare da li’ con i cittadini finalmente senza interferenze e veti.

Il M5S fa piu’ paura alla casta all’opposizione che al governo con loro.

A che cosa collaborerebbe Grillo se accettasse la proposta di Bersani? Pensaci.

Se da’ la fiducia al governo Bersani, dovra’ votare si’ a tutti i provvedimenti di legge emanati da esso, e gli  potra’ essere addossata la responsabilita’ del malgoverno. E immagina come verra’ ricattato e accusato di non voler collaborare e di creare spaccatura all’interno del governo ogni volta che si rifiuta di appoggiare una legge.

Considerata la capacita’ della casta di distorcere i fatti e le informazioni, c’e’ da aspettarsi proprio questo: che nelle intenzioni dietro questo richiamo alla collaborazione e alla responsabilita’  ci sia quella di far andare al governo il M5S per farlo affondare, per rovinargli la reputazione e non essere piu’ votatoE con questo distruggere i sogni degli italiani di cambiamento.

Dopo tutte le denunce che Grillo ha fatto contro di loro, la casta non vedra’  l’ora di farlo salire al governo e distruggerlo con una valanga di menzogne per farlo apparire corrotto come loro.  Come potete pensare che Bersani, dopo le denunce che Grillo ha fatto di lui, la sua complicita’ nella rovina del Monte dei Paschi di Siena, voglia davvero collaborare con Grillo? Non vorra’ distruggerlo invece?  Quello che gli viene proposto non e’ un governo, ma un suicidio. Gli viene proposto un governo di sola responsabilita’ senza dargli la capacita’ di decidere e con i media contro. Finche’ la  televisione e la stampa sono completamente in mano alla casta,  andare al governo e’ per il M5S un suicidio.

Vuoi ancora che Grillo collabori?  Hai fiducia che l’Italia non andra’ in rovina se Grillo non da’ la fiducia al governo Bersani? E che il cambiamento avverra’  con i giusti tempi e le giuste mosse?

La nostra liberta’ e’ un bene prezioso, che dobbiamo proteggere pesando come oro ogni passo che compiamo. Io vedo una gran saggezza in queste scelte di Grillo e del Movimento5STelle.

Maggiori informazioni su come sono venuta a conoscenza della campagna di manipolazione della casta:

http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=2129

Sono vecchie strategie gia’ messe in atto in altri ambiti, perche’ la casta e’ infiltrata ovunque.

Se sei d’accordo con quanto ho scritto ti esorto a fare un passo oltre e a diffondere questo articolo. Questo ripaga l’impegno che ci ho messo a scriverlo e l’impegno del M5S per portare avanti il cambiamento con fatica.

 

 

Precedente Imbarazzo al New York Times e al Washington Post: rifiutarono i documenti inseguito pubblicati da Wikileaks Successivo Daniel Estulin: quello che i media non dicono sulle dimissioni del papa

2 commenti su “Svelata la campagna della casta: responsabilita’ di Grillo

  1. Anna il said:

    Continuano ad arrivarmi idee, che avrei voluto mettere nell’articolo, ma e’ sempre cosi’: non c’e’ mai fine…
    E allora la dico ora: mettiamo anche che questa campagna di manipolazione della casta per convincere Grillo a dare la fiducia al governo PD sia solamente perche’ Bersani e’ avido di governare, e non perche’ la casta voglia distruggere Grillo (immaginiamo anche che Berlusconi abbia rifiutato di fare il governo con lui perche’ non e’ altrettanto avido e davvero creda che ci sia una questione di incompatibilita’ tra il suo partito che rappresenta la destra e il PD che rappresenta la sinistra, e che i due partiti non siano segretamente d’accordo).
    Gia’ mi immagino come Bersani userebbe le riforme come ricatto: Grillo, vuoi che facciamo le riforme che tanto desiderano i tuoi elettori? allora accetta quest’altra legge qui e quest’altra legge la’ anche se sei contrario.
    E invece Grillo glielo mette nel di dietro: io sto all’opposizione, e voi fate le leggi di riforma e io le appoggio. E se non le fate, giu’ addosso con le critiche, e la gente si stanchera’ di votarvi.
    Sono cosi’ contenta e soddisfatta di avere trovato qualcuno che ha la forza di dire di no. E che dimostra che non e’ l’avidita’ di potere che lo muove, perche’ rinuncia a stare al governo.
    La gente lo critica perche’ non collabora. Dovrebbero ammirarlo e applaudirlo!

  2. Anna il said:

    L’avevo intuito che la petizione di Change.org era fasulla per farci credere che la base del M5S vuole che si unisca al PD.
    Comunque per prudenza, verificate voi stessi se e’ vero quello che dice questo messaggio sul blog di Grillo e poi fatemi sapere:

    “ATTENZIONE ho cercato di dare una notizia che incredibilmente nessun sito, media, blog ha preso in considerazione. Spero quindi che VOI ed altri possiate darmi una mano a diffonderla, per fare un pò di chiarezza in questa vicenda della petizione di VIOLA TESI. La notizia è la seguente: il sito change.org è un vero bluff! Infatti ogni utente che sappia usare discretamente il computer può apporre tutte le “firme false” che vuole; è infatti possibile mettere la propria firma unitamente alla mail, poi cancellare i cookie dal proprio pc, e quindi apporre una nuova firma, inventata, scrivendo una mail anch’essa fasulla. Questa operazione può essere iterata migliaia di volte. Se non ci credi torna su change.org e fai una prova. blocchiamo la strumentalizzazione che si fa di questa petizione, che a tutti gli effetti E’ UN FALSO. Considerate quanto questa petizione sia già stata strumentalizzata dai media. Inoltre, anche tutte le altre petizioni di change.org sono una presa per i fondelli. Diffondete. Grazie.”
    Loris Gaspari, San Giovanni Lupatoto Commentatore certificato 04.03.13 01:26|

I commenti sono chiusi.