Crea sito

domenica ottobre 15, 2017 10:46

Giove in Scorpione 2O17/2018 – Quando Babbo Natale entra nella slitta di Scorpione, i donni arrivano tutto l’anno

Posted by Tanja

Speso penso di come qualcuno dimostra di essere adulto quando comprende che tutte quelle fiabe e miti che parlano di magia, che ci addormentavano quando eravamo bambini, sempre dicevano la verità.

Unica cosa che cambia è il modo in cui vediamo e interpretiamo questa verità.

Nel subconscio popolare, dal periodo autunnale, da quando Sole entra in Scorpione, inizia una dolce aspettativa, che dura fino al periodo di solstizio invernale (Natale, Nuovo Anno) di San Niccolo e di Babbo Natale, che portano i regali ai bambini buoni e il carbone (o nulla) ai bambini cattivi.

La stessa aspettativa, in età adulta ci  fa credere che se saremo buoni andremo in paradiso e se saremo cattivi andremo in inferno dopo la nostra morte.

Quando Sole entra in Scorpione, tutti noi entriamo in periodo che risveglia i nostri desideri, mescolando sensazioni di speranza con quelle di paura di delusioni che i nostri desideri non si avvereranno.

Vedere il Babbo Natale che con la sua slitta attraversa il cielo portando i regali – credo che era il desiderio di ogni bambino.

E noi, adesso, possiamo vedere davvero quella slitta, o… possiamo vedere scorpione velenoso.
Costellazione che hanno nominato Lo Scorpione, secondo me, è vera slitta di Babbo Natale.

E Babbo Natale, quel allegro, giocoso, grassone, con la barba bianca, vestito in rosso, che esiste con questo nome dal 17° secolo, che nonostante la sua pancia enorme, riesce ad entrare nelle nostre case attraverso  i cammini più stretti, non è che Giove gassoso con sua macchia rossa che si è manifestata proprio in quel periodo, come se voleva dirci che è figlio (Giove) quello che decide dei regali e non più il padre (Saturno).

Eh, avere Giove come alleato, da sempre era segno di grande gioia ed fortuna, perchè quello che Giove tocca, lo fa espandere, lo fa crescere.

Il 10 ottobre 2017 ( 101010/3 ) , alle 15:21 (3:21 pm) Il Babbo Natale (Giove) è entrato in sua SLITTA DEL POTERE (scorpione) e la guiderà seguendo la VIA DELLA VERITA’, per i prossimi 13 mesi (fino al 8 novembre 2018) portando regali a tutti.

 

Avete già scritto le vostre letterine al Babbo Natale?

Che cosa vi ha portato quando attraversava i cieli in questa slitta 12, 24, 36, 48…anni fa?

 

Giove è l’Avatar della nostra VERITA’ personale.

Nel grafico di nascita, fornisce un indicatore del modo in cui lavoriamo verso quello che è conosciuto come “maggiore comprensione”; illumina il percorso della Verità da seguire in questa vita incarnata.

Governando ciò che è vero per noi, ciò che dà significato e senso alla nostra vita, Giove indica anche come sarà la nostra relazione con il mondo più grande intorno a noi.

Tenendo e modellando le nostre motivazioni o la natura delle intenzioni, Giove aiuta a trovare e seguire il nostro cammino di COMPLETAMENTO di se stessi.

Giove si muove attraverso i 12 segni dello Zodiaco in circa 12 anni.

Anche se il nostro Giove di nascita , posizionato in un segno, indica il nostro modo personale in cui cerchiamo  la verità, è anche vero che bisogna integrare quel nostro modo con gli altri 11 modi possibili.

Noi siamo qui per imparare a padroneggiare tutte queste energie , e tutti questi modi, per per poter diventare esseri umani completi.

Ogni anno, se apriamo la nostra comprensione ad un approccio più completo ed inclusivo, possiamo sviluppare un modo più organico, più snello e più spirituale.

Modificando il proprio modo, integrandolo con quello dell’attuale collocamento di Giove, solleviamo il livello della nostra comprensione circa lo scopo della nostra esisenza.

Ma forse non c’è  lezione  o dono più grande di quello che ci porta il passaggio di Giove, (o di qualsiasi corpo planetario), attraverso il segno dello Scorpione.

In astrologia classica, il viaggio del Sole, attraverso 12 segni dello zodiaco è chiamato anche come “il viaggio del eroe”. quel viaggio descrive la trasformazione del nostro ego, attraverso integrazione di altri 11 modi di essere, a parte quello definito con posizione del sole nella nostra carta natale.

Usando questa modo di dire,  possiamo dire che il viaggio di Giove intorno allo zodiaco presenta “il viaggio di verità personale”.

L’ego ( il modo in cui ci stiamo manifestando) e la verità personale sono in un rapporto strettamente interconnesso.

Quando cambiano le verità riguardo la natura del nostro mondo, inevitabilmente, “l’eroe” deve cambiare il modo in cui si presenta dentro quel mondo.

Suo vecchio ego deve “morire” per rinascere come qualcun altro.

Sole è il figlio di Giove, dicono antiche storie mitologiche.

Quando Cristo sulla croce dice “Oh padre, perchè mi hai abbandonato?!” nel momento di forte sofferenza – lui dice – oh, verità mia perchè sto dubitando di te.

Iniziare a dubitare nella propria verità provoca un forte terremoto interiore.

Dubitando in propria verità, si inizia a dubitare anche in tutto quello che stava dando un senso alla nostra vita.

La verità ti rende libero.

Ti rende libero della sofferenza del ego che deve morire sulla croce.

La vecchia forza vitale (sole) deve essere eclissata, per poter liberare spazio per una nuova verità e una nuova forza vitale manifestata.

L’ego è il figlio della verità personale.

L’ego momentaneo in ogni campo della vita è conseguenza delle verità personali circa questi campi della vita.

Quando Giove (verità) entra in Scorpione, lui si trova in spaziotempo di sua ultima e più grande prova prima di ritornare nella sua casa da quale è iniziato il viaggio di trasformazione della verità.

Prima di diventare il vero gurù, prima di diventare il maestro, Lui deve entrare nel “inferno” dove si trovano tutte le sue paure, tutte le sue passioni e tutte le sue ricchezze che non voleva o non poteva affrontare.

Nel regno di Scorpione, Lui dovrà affrontare tutte le verità scomode, deve esporre tutti i taboo imposti socialmente.

Regno dello Scorpione è regno in cui si approccia al POTERE SUPREMO personale.

E’ regno governato da Marte (potere del ego) ma anche del Plutone (potere oltre l’ego,potere sul ego, potere sulla morte del ego).

Nel regno dello scorpione si acquisisce il SUPERPOTERE o si rimane “vittima dei superpoteri” – tutto dipende dalle verità che si costruiranno e ricostruiscono durante il viaggio del Giove attraverso lo scorpione.

Abbiamo detto che Giove espande tutto ciò che tocca.

Suona come il potere di Re Mida che trasformava in oro ogni con il potere del suo tocco. Ed ecco la somiglianza con il potere di Babbo Natale che presenta Giove come un Dio portafortuna e del abbondanza.

Ma… prima di saltare da gioia dobbiamo ricordarci che Giove non tocca solo quello che piace al nostro ego evitando cose spiacevoli.

Lui espande quello che cosa trova- letteralmente.

Che cosa troverà nella parte scorpionica di ognuno di noi?

Quando Giove tocca il Scorpione, Lui tocca tutto quello che riguarda le questioni di morte, le questioni di sesso, le questioni dei valori condivisi, le questioni di eredità.

Lui è il Maestro supremo della legge di attrazione e della manifestazione.

Durante periodo di Giove in Scorpione abbiamo opportunità di comprendere in pieno il significato di questa legge che ci dice che noi non stiamo attraendo le cose che desideriamo ma invece attiriamo quello che cosa siamo.

Se riusciamo ad esprimere un desiderio, significa che lo stiamo esprimendo dalla nostra mente conscia, dimenticando che essa presenta solo una piccolissima parte della nostra mente completa.

Quello che cosa siamo davvero, si nasconde dentro la mente inconscia.

Questo significa che possiamo vedere manifestati i doni che non solo non abbiamo desiderato ma che possono essere percepiti come un vero incubo per nostro ego indicandoci il nostro volto che non desideriamo a vedere edsarà facile desiderare a scappare (di nuovo) da questo nostro volto, evitando a vedere noi stessi come causa, ed continuare ad accusare gli altri per immagine della nostra realtà.  Desiderio è potere sono i temi dello scorpione – desiderio per il potere, potere del desiderio sono possibili motivazioni che saranno portate alla visibilità.

Sesso come desiderio incontrollabile – sesso come forma di espressione del potere;

I beni materiali come desiderio incontrollabile – i beni materiali come forma di espressione di potere;

La morte come paura incontrollabile – la morte come forma di espressione di potere;

Questi sono i modi di espressione di energie dello scorpione.

Scorpione è un segno di “acqua fissa”.

Quella acqua non scorre.

Quella acqua è cristallizzata, ben strutturata.

Nel regno di scorpione governano le nostre emozioni stagnanti, fisse, quelle che sono nate dai più profondi condizionamenti nascosti nel subconscio e da li governavano tutte le nostre azioni.

A differenza di acqua (emozioni) cardinale del cancro (governata dalla luna, che per trovare la sicurezza e nutrimento si muove , scorre come la fiume;

E a differenza di acqua mutabile (flessibile) dei pesci che attraverso la consapevolezza del tutto, governata da Nettuno, integra parti diverse di se stessi attraverso le onde;

l’acqua fissa dello Scorpione è governata da Marte ,focoso guerriero, che agisce dalla paura e dal desiderio di potere e dal Plutone, dio della profondità della terra che si trova sotto, molto più sotto del fondo dei laghi e delle paludi profondissime, che nasconde le prove fossilizzate di mortalità dei corpi, ma anche il petrolio, diamanti, l’oro e alti tesori desiderati, visti come la fonte del potere mondano.

Carta d’ingresso di Giove in Scorpione è piena di promesse magiche espresse attraverso la geometria sacra cosmica.
Ma stesse promesse sono accessibili e possibili da realizzare solo attraverso le sfide di unione di tutte le parti di noi stessi.

 

 

E’ ben visibile la stella di Davide (lui che ha vinto il Golia da solo), formata da unione di 2 grandi trigoni. Grande trigono d’aria (mente, pensiero, parola) legato al nodo sud (esperienze passate, scopi passati, le vite passate) si unisce con il Grande trigono di fuoco (passione, motivazione, azione, mente dello spirito santo) legato al nodo nord ( la meta da raggiungere, scopo presente che porta nel futuro).

Questo è uno tra i simboli più conosciuti ed universali, chiamato anche con il nome di Sigillo di Salomone (saggezza). Questo esagramma, presente nelle tradizioni indù, buddista, ebrea, cristiana ed islamica, si trova anche nella Tradizione Ermetica. Questo accade per il suo stretto vincolo con l’analogia, presa come forma di Conoscenza. Il triangolo inferiore riflette e rispecchia il superiore ed è una sua espressione, del quale è complementare.

Si deve sottolineare che i triangoli che formano il sigillo designano il macrocosmo ed il microcosmo, dunque: l’universo e l’uomo, e che si trovano invertiti l’uno rispetto all’altro; il punto più alto (o più lontano) dell’uno, è quello che si oppone con l’altro, nonostante il simbolo li riunisca e complementi, esprimendo anche il matrimonio indissolubile del maschile e del femminile, del cielo e della terra, dello spirito fecondatore e l’anima fecondata.

Ma in stesso modo è visibile Croce Mobile dentro la stella di Davide.

L’obiettivo spirituale di questa croce è trasformare la conoscenza razionale in saggezza interiore; significa operare con discernimento mutando la ragione in intuizione. Viene denominata la croce comune poiché influenza buona parte dell’umanità. Essa trasmette quattro vibrazioni interiori molto positive che provocano le condizioni necessarie per trasformare l’essere umano materiale in individuo evoluto.

Sulle sue quattro braccia sono presenti quattro segni spirituali: Gemelli, Vergine, Sagittario e Pesci.
E’ definita la Croce della Personalità e riguarda colui che arricchisce il suo sviluppo interiore integrandosi come personalità spirituale. In un primo momento si verifica la risposta all’ambiente che circonda l’uomo quindi si realizza la chiamata spirituale dell’anima. E’ la croce della trasformazione interiore; essa conduce l’anima umana a vivere esperienze interiori nuove e diverse e la sostiene nella comprensione delle coppie degli opposti nella vita. Essa vivifica e nutre il Cristo interiore dell’essere umano e sviluppa le facoltà spirituali dell’anima. Nel progresso interiore operano le energie spirituali di quattro segni; sono le tappe che l’anima compie nel percorso terreno. La prima riguarda le forze spirituali che conducono l’anima sulla via dell’evoluzione acquistando dal segno dei Gemelli la capacità di conoscere e comprendere gli opposti. Nella seconda si riconosce come Anima spirituale; comprende di essere l’anima celata nella forma materiale che si sviluppa e cresce nel silenzio grazie al sostegno della Vergine. La terza fase riguarda il riconoscimento dell’obiettivo interiore; è ben consapevole di esso e pronto a realizzarlo tramite le energie del Sagittario. L’ultima tappa concerne la liberazione interiore dell’anima attraverso la forza spirituale del segno dei Pesci.

Questa prima Croce così essenziale presiede alla forma corporea e alla sua natura; il suo scopo primario è governare il ciclo vitale dell’anima. Essa concerne i processi di crescita interiore fin dai primi passi per giungere in seguito al pieno possesso della personalità da parte del sé superiore quindi sostiene l’essere umano trasformandolo nell’Aspirante spirituale. Questa sua opera agisce su un numero considerevole di esseri umani fino al momento in cui raggiungono la piena consapevolezza interiore. Interviene conducendo l’individuo alla purificazione consentendogli così di iniziare il cammino del discepolato. Integra l’anima con la personalità le fonde insieme permettendo la nascita dell’essere di luce.

La Croce Mobile è l’emblema dello Spirito Illuminato; è colui che governa le menti umane elevandole con il suo tocco spirituale. Il percorso terreno si rivela irto di ostacoli e difficoltà poiché su questa Croce l’essere umano è ancora nelle fasi iniziali quindi si lascia condizionare dalle circostanze e dalle situazioni di vita terrena. In lui la visione spirituale non è ancora lucida e la sua volontà è piuttosto debole; la consapevolezza è agli albori quindi l’individuo fatica a pensare e a comprendere in termini superiori. Egli deve maturare interiormente su questa Croce per poter intendere l’uso spirituale delle proprie attività e processi materiali. L’evoluzione si realizza nell’essere umano poco alla volta ed egli attua in se stesso un vortice spirituale che lo trasforma rendendolo cosciente della propria realtà e del cerchio spirituale al quale appartiene. L’anima comprende il percorso che ha effettuato sulla Croce Mobile grazie al sostegno dei quattro segni.
A questo punto infatti essa comprende e forgia in se stessa il dualismo; inoltre possiede la fusione di Anima e Corpo. Infine ha in sé l’energia spirituale necessaria a concretizzare il suo obiettivo spiritual ed è colma di forza luminosa che irradia sull’intero universo.  Ora nell’anima sono presenti fusione e integrazione quindi può proseguire in una incarnazione successiva sulla prossima Croce.

Se osserviamo meglio, in questi 2 simboli manifestati unificati, ci è spiegata ed mostrata in modo chiaro, la nostra importanza in tutta la creazione.

Una stella di Davide, non è altro che un cerchio come prodotto di cocreazione in cambiamento.
energie in entrata stano spingendo il cerchio verso il suo centro, ma dalle energie che noi stiamo emanando verso fuori stano facendo crescere i punti della stella verso esterno e solo dalle nostre energie il cerchio della creazione può espandersi. Se siamo concentrati solo sul ricevere energie esterne ed ad assorbile, senza agire utilizzando tutte le energie assorbite la stella diventerà sempre più compressa, sempre più piccola e come conseguenza anche la creazione manifestata diminuisce.

Ed ecco, in quel modo il Giove ci sta parlando, dalla casa di Scorpione.

Più siamo pronti ad esprimere il nostro potere Lui lo aumenterà ancora di più e la manifestazione della VERITA’ di noi stessi , in forma di realtà esterna sarà davvero potente.

La questione è se noi interpreteremo questa realtà come un dono desiderato, regalato dal Babbo Natale (o San Niccolo) o come carbone?

Tutto dipende dalla consapevolezza del nostro potere individuale.
Tutto dipende dalla tua VERITA’ personale di chi sei.
Ti vedi come un potente cocreatore o ti vedi come vittima che subisce bene (fortuna) o male (sfortuna).

Argomento di questo transito di Giove attraverso il segno di Scorpione è davvero ampio. Per questa ragione, ho deciso di scrivere in modo approfondito di ogni suo aspetto in forma di articoli separati, ma essi faranno parte di un unica storia.

Tutti noi abbiamo Scorpione in una parte della nostra carta natale. Il campo della nostra vita dove abbiamo quel scorpione sarà campo in  forte e potente trasformazione.

Attraverso quel campo, in prossimi 13 mesi abbiamo possibilità di manifestare il nostro SUPERPOTERE.

Abbiamo la possibilità, che deve essere portata in campo di probabilità e in fine in certezza manifestata.

Provate a vedere in che campo della vostra vita esiste questa possibilità aiutandovi con queste spiegazioni.

Se, anche dopo tutto questo avete bisogno di chiarimenti più dettagliati e personalizzati potete contattarmi al [email protected]

Tanja

 

 

1 Response to Giove in Scorpione 2O17/2018 – Quando Babbo Natale entra nella slitta di Scorpione, i donni arrivano tutto l’anno

Avatar

Luca

ottobre 15th, 2017 at 09:47

Giove in gemelli…
Plutone in scorpione…
Un anno impegnativo cara Tanja. Qualche altro consiglio per allinearmi meglio al potenziale dono,invece che carbone?
Grazie.
Ps: La forza di questi giorni è palpabile a dir poco, scopro croste di ferite chiuse,nuovi occhi stesse ferite,indago senza resistenze,appoggio reazioni ed esamino conseguenze… c’è carne al fuoco

Comment Form

*

Risveglio di una Dea sui Social Network

ARCHIVIO ARTICOLI

CATEGORIE ARTICOLI

IO SONO….

Chi sono io?
La domanda eterna di ogni persona da sempre.
Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda
In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo.
Io credo che questa ricerca non finirà mai.
Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione.
Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la saggezza e la potenza.
Una volta ho scritto:
Fu una volta un popolo divino……..
che dimenticò di esserlo..
dimenticò
realtà parallele
frequenze divine
connessione divina
libera connesione divina.

Un giorno pieno di luce hanno cominciato……

In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi.
Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei.
Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome.
Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando.
Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo.
Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere.
Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso.
Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci.
Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione.
Che l’amore ci guida.
Tanja