Crea sito

sabato agosto 19, 2017 15:08

Grande Eclissi del Sole “Americana” – Messaggi dietro i veli del ovvio – Il trono di spade – The game of Thrones- Il Gioco dei Poteri

Posted by Tanja

Danzava davanti a lui, togliendo uno dopo l’altro i suoi 7 veli, portandolo lentamente a dimenticare chi è, e fare tutto quello che lei voleva.

Lui sapeva che effetto gli farà, ma non voleva pensare, desiderava sparire in unione con lei.

Desiderava disintegrarsi e nel nulla sentire tutto.

Con ogni suo velo cadeva una convinzione, una credenza, un desiderio, lentamente , in quella danza cadeva ogni muro che gli faceva sentirsi al sicuro.

Esisteva solo quel fuoco, che svegliava i suoi 3 dragi dormienti. I dragi nei suoi fianchi, nel suo cuore e  nella testa univano le loro fiame, bruciando ogni cosa morta in lui, facendo esplodere la vita. Quel fuoco ha preso il potere su di lui. Stava sparendo in quel incendio, ma non sentiva dolore ne paura, sparendo diventava sempre più grande. Le fiamme lo facevano diventare il Re dei suoi 7 regni. 

La fame del corpo diventava fame del anima.

In ogni suo regno con  7 spade della conoscenza diventava il Salomone , costruttore del Tempio di Gerusalemme in quale nascondeva la sua arca di aleanza e tutti i suoi tesori.

In quel tempio, Approdo del Re,  lui ha messo il suo Trono fatto di 49 spade.

Approdo del Re è la capitale dei Sette Regni, la maggiore città del continente, nella quale si trova la roccaforte della Fortezza Rossa. Nella sala del trono all’interno della fortezza si trova il Trono di Spade, dove siede il re. Il trono è formato da una moltitudine di spade provenienti dagli eserciti sconfitti dalla Casa Targaryen durante la Conquista, forgiate per creare un podio sul quale non ci si può sedere comodi, in quanto un re non si può permettere distrazioni o debolezze nell’amministrare un regno.

Si narra che il Trono sia in grado di ferire e persino uccidere chi non è degno di governare.

Lui poteva conquistare e condividere quel trono solo con la Madre di suoi 3 draghi.

E lei danzava davanti a lui portata dalle fiamme dei suoi figli.

Danzava e ricordava che per farli nascere doveva bruciare nelle fiamme di un amore grande.

E’ morta insieme con suo amore selvaggo, per rinascere come madre dei dragi.

Per conquistarla, per unirsi con lei, per averla come compagna, un uomo doveva conquistare e amare i suoi figli.

Non doveva avere paura di loro.

Non importa quanto sembrino terrificanti per gli altri, non sono bestie, sono i miei figli“ – diceva lei.

 

Lei Regina del sud – la sua regina di Saba- è arrivata a sfidalo, a metterlo alla prova.

 

E’ degno di condividere con lei il trono di 49 spade?

L’inverno è arrivato!

 

L’etimologia della parola inverno deriva dalla radice sanscrita him- = freddo, che ritroviamo nel latinohiems = inverno, freddo, gelo… o anche nel latino him-ernum (sottinteso tempus) poi divenuto hibernum ( da cui ibernazione = congelamento).

L’ibernazione è una condizione biologica in cui le funzioni vitali sono ridotte al minimo, il battito cardiaco e la respirazione rallentano, il metabolismo si riduce e la temperatura corporea si abbassa. Può essere intesa come letargo negli animali o anche come ipotermia preventiva in medicina (anche se non si raggiungono mai temperature inferiori a pochi gradi sopra lo zero). È spesso utilizzato come metodo di animazione sospesa per gli esseri umani nella fantascienza. Gli animali vanno in letargo sotto il terreno e dormono fino a quando non torna la primavera.

Gli Estranei, anche detti ombre bianche, sono una specie di creature umanoidi che vive nell’estremo Nord del Continente Occidentale, nei territori oltre la Barriera. All’inizio de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, sembra che nessuno abbia visto un Estraneo da almeno ottomila anni.

I testi antichi sostengono che gli Estranei abbiano pochi punti deboli. Uno di questi è l’ossidiana, detta anche “vetro di drago” o “fuoco congelato” (Cristallo di Drago).

E ci sono ancora tantissime sincronicità con il momento presente in questa serie più popolare di tutti i tempi.
E’ iniziata nel 2011, nel anno di grande risveglio collettivo, e in coincidenza con Grande Eclissi solare 2017, sta finendo 7° stagione.

Ma per finire questa storia metaforica dobbiamo aspettare fine del anno 2019/inizio 2020 – dobbiamo aspettare la grande congiunzione in capricorno. Quelli che non l’hanno seguita possono vederla in streaming QUI.

Ma perchè parlo di Trono di spade?

Su quali elementi si sta basando la mia interpretazione?

Inizio dalla fine.

Inizio dal CRISTallo di drago che ha potere di annullare “l’ibernazione” del “grande inverno”.

Ma prima dobbiamo chiarire il significato delle parole.

ECLISSI
L’etimologia della parola eclissi deriva dal latino eclipsis, in greco antico ἔκλειψις (ekleipsis), da ἐκλείπω = abbandonare.

Dall’antico greco, viene tradotto anche come: ‘Io ho smesso di esistere’ o ‘sono assente’.

Il piccolo sé (la nostra piccola personalità-sé / identità) è spazzata via, estinta. Siamo improvvisamente immersi in uno stato di abbandono dalle cose che ci fanno sentire sicuri. Le luci si spengono.

Ci scomponiamo come quello che credevamo di essere per darci opportunità a ricomporci come un nuovo essere, con una nuova identità. Intero questo processo di morte e rinascita si svolge sulla linea del corpo del DRAGO – il nome per asse che sta connettendo il Nodo Sud e il Nodo Nord della Luna.

Quando Sole e la Luna si oppongono o congiungono vicino a sul uno di questi nodi, si manifestano le eclissi.

Madre del drago è la Luna.

Ma lei da sola non può produrre nessun cambiamento. Ha bisogno del Sole. E Sole da solo non può produre nessun cambiamento se non rispetta ed inizia ad amare i draghi della Luna.

Quelli che non si allineano con i cambiamenti guidati dal drago, rimangono in vita, ma in uno stato di congelamento (ibernazione).

Per svegliarsi dal ibernazione si deve usare il fuoco e il Cristallo del Drago.

Adesso osservate bene la carta astrologica del momenti della eclissi solare totale del 21 agosto 2017 (21/3) alle 20:30

Cliccate sulla foto per vederla meglio.

Si vedono chiaramente 3 teste di drago di fuoco, che sono nati da stessa madre (triangolo- simbolo del femminile). Di quel triangolo di fuoco ho scritto QUI.  

Appena adesso inizia un gioco davvero interessante.

Osservate.

Questo aspetto devo disegnare io perchè il programa del pc non lo ha fatto. Se in centro di questo grafico astralogico immaginiamo il pianeta Terra, sapiamo che anche lei ha l’asse che sta connettendo il nodo sud con il nodo nord.
Nodo nord (Re del Nord) è segnato dalla Stella pollare e se prolunghiamo la linea verso il polo sud arriviamo giusto al Centro Galattico (la madre delle anime incarnate- Regina del Sud).

La loro unione crea

il corpo unificato del drago che sta conettendo il futuro di questo pianeta con l’idea creatrice. In questo momento , una delle teste del drago che punta proprio al punto d’eclissi e con Urano sta creando un CRISTAllo di DRAGO. “L’arma ” potentissima nel annullamento del’ibernazione. 😀

 

 

 

 

 

 

E per non allungare troppo la storia….

Nel momento di Grande eclissi , abbiamo formato i 2 di questi CRISTAlli e il terzo è quasi pronto (dobbiamo lavorarci ancora un po su) disegnando lo Scudo di Salomone o Stella di Davide, da cui il Cristo è 27° discendenza.

E così, solo per puro caso,  😀 😀 😀 , l’ombra di grande eclissi ,quando inizia il suo cammino attraverso, l’America (Nuova Terra) , lo fa entrando nello stato del Oregon (33° stato degli USA) vicino ad una citadina chiamata Salem.

Eh no, non è quel Salem in cui ha iniziato la “caccia alle streghe”, ma il suo valore asociativo è grande (madre che brucia – ombra del drago) . Salem ha un significato ancora più forte. Sapevate che Salem è il nome più antico di Gerusalemme???
Il nome di “Gerusalemme, la città santa” (Nee 11:1) è nella lingua della Bibbia ירוּשָׁלִָם (Yerushalàim). In Eb 7:2 si spiega che il  significato della seconda parte del nome è “pace”: “Egli [“Melchisedec, re di Salem”, v. 1] è anzitutto, traducendo il suo nome, Re di giustizia; e poi anche re di Salem è [Σαλήμ (Salèm)] vale a dire Re di pace [εἰρήνη (eirène)]”. Il nome Σαλήμ (Salèm) è di origine ebraica; essendo fatto corrispondere al greco εἰρήνη (eirène), “pace”, esso fa riferimento all’ebraico shalòm (שלום), “pace”; corrisponde all’arabo salàm (سلام). La finale del nome ebraico pare una desinenza duale (-àim), il che ci porterebbe a darle il significato di “duplice pace”.

Nel Salem,sotto il numero 33, si stano incontrando la Regina del Sud è Il Re del Nord.
Se vi va a giocare, anche questa mapa sembra molto interessante 😀 . Datevi a un libero sfogo di fantasia ed intuizione. Con i 6 pianeti retrogradi al momento, questo è unica vera fonte di informazioni.

Quasi in contemporanea, io ho pubblicato questo articolo ed è stata pubblicata foto di nuovo crop circle apparso oggi.

Sorridendo pensavo, vedendolo: E’ proprio cosi questo abbraccio in quatro (Luna/Sole /Regolo/Iside) in stille “tutti insieme appassionatamente”, sta creando un potente cannale di comunicazione. Ognuno, secondo le proprie capacità e conoscenze comprenderà informazioni al modo loro.

http://www.cropcircleconnector.com/2017/suttonhall/suttonhall2017a.html

CONTINUA QUI 2° PARTE

 

Comment Form

*

Risveglio di una Dea sui Social Network

ARCHIVIO ARTICOLI

CATEGORIE ARTICOLI

IO SONO….

Chi sono io?
La domanda eterna di ogni persona da sempre.
Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda
In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo.
Io credo che questa ricerca non finirà mai.
Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione.
Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la saggezza e la potenza.
Una volta ho scritto:
Fu una volta un popolo divino……..
che dimenticò di esserlo..
dimenticò
realtà parallele
frequenze divine
connessione divina
libera connesione divina.

Un giorno pieno di luce hanno cominciato……

In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi.
Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei.
Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome.
Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando.
Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo.
Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere.
Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso.
Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci.
Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione.
Che l’amore ci guida.
Tanja