Crea sito

domenica marzo 19, 2017 15:42

Equinozio di PRIMA-VERA 2017 – INIZIO DEL SETTIMO GIORNO – Giove in utero della Vergine sta scalciando

Posted by Tanja

“E’ una nuova alba,

è un nuovo giorno,

è una nuova vita…

e sto bene!”

Entrata del Sole in segno di Ariete segna sempre il momento di nuovi inizi di vedere e definire se stessi. E inizio di un nuovo anno astrologico, non solo inizio di un mese sotto influenza del fuoco. Ariete sempre risponde alla domanda chi sono io, ma posizione della casa in quale si trova, segna il campo attraverso il quale questa definizione succede. Entrata del Sole, archetipo della nostra personalità, in Ariete, 20 marzo 2017 (6) alle 11:29 (11:11), succede in 10° casa. Questo significa che la nostra identificazione collettiva si svilupperà attraverso quello che cosa noi pensiamo che è successo. Significa che, continua il richiamo guidato dalle nostre ambizioni. La casa 10° è il posto in quale un bambino si stacca dalle influenze famigliari e inizia la sua vita autonoma in quale vuole dimostrare chi è davvero e che cosa ha imparato fino a quel momento. In casa 10 un alluno diventa maestro. E la casa in quale l’alluno supera il maestro. E la casa in quale l’alluno “DEVE UCIDERE IL MAESTRO” , in quale figlio uccide il padre. Questo processo evolutivo nel antica mitologia si ripetono in continuo attraverso le storie. Ogni Dio, per mostrare il proprio potere uccideva il padre, e padre per paura di essere spodestato mangiava i suoi figli. Nella tradizione CRISTIana, questo momento è descritto attraverso il “tradimento di Giuda” per 30 denari.

Giuda, l’amico più fedele e l’alluno migliore, doveva “tradire” insegnamenti del maestro, perché dentro di lui sono nate sue idee originali ( numero 3) ispirate dal punto 0. Abbandono delle tradizioni si vive spesso con un senso di colpa. La crescita e abbandono delle regole genitoriali si vivono sempre come un tipo di tradimento.

In questa fase si scontrano le aspettative di 2 ego, quello del maestro e quello del alluno. Questo scontro può essere evitato solo con la maturità di tutti i due, che comprendono l’opportunità che si nasconde dietro la separazione. La sensazione del tradimento e quello della colpa si superano solo raggiungendo un certo livello di consapevolezza.

Questo sarà il compito più arduo che la coscienza collettiva dovrà superare durante nuovo anno astrologico.

Per nascere un Dio nuovo, il vecchio Dio deve morire.

Questa è evoluzione, perché ogni Dio si manifesta in sua forma frattale.

Il Dio nuovo deve camminare sulla terra.

Questo ci confermano i simboli sabiani che si ripetono ogni volta quando il Sole dai pesci entra in Ariete.

Il ciclo dei pesci sta finendo con la formazione chiara dei nuovi archetipi, creati attraverso tutto il processo di crescita e gli studi.

 UN GIOVANE EDUCATO SOTTO L’INFLUENZA DI UNA PERSONALITÀ ESEMPLARE FINISCE PER ASSOMIGLIARE AL SUO EROE
La potenza di un’immagine contemplata a lungo serve da modello e anche da idolo. La forza degli archetipi.

E lui

EMERGE DALL’OCEANO. UNA FOCA L’ABBRACCIA
Emergere di forme nuove e della coscienza individuale; ma il passato collettivo detiene ancora una grande forza. Regressione ancora possibile.

Questa regressione possibile dipende proprio dal grado di sua consapevolezza e dal grado della sua capacità di superare i vecchi sensi di colpa.

L’alluno uccide il maestro, per diventare lui un maestro, ma anche vecchio maestro deve uccidere se stesso per diventare l’alluno del nuovo.

Padri e figli si scambiano i ruoli continuamente.

Avete presente, le scene bibliche in quali Cristo sta invocando il suo padre?

Lui come Dio manifestato sulla terra, in momenti difficili (per suo ego) sta diventando di nuovo bambino che chiede protezione del Padre, del vecchio che ci porta in zona di comfort in quale ego non soffre. Ma un bravo padre non gli risponde, perché desidera che suo figlio cresce attraverso questa crisi. Figlio deve trovare nuove soluzioni ai vecchi “problemi”. Solo figlio da solo decide se vuole crescere diventando adulto o vuole rimandare la sua crescita, ritornando vivere secondo le leggi del padre.
Se figlio decide di crescere e cercare la propria via, nonostante tutte le “difficoltà”, il padre si inginocchia davanti a lui, riconoscendolo come il suo maestro, accettando il ruolo del alluno.

Simbologia di equinozio di prima- vera del 2017 è davvero potente ed è accompagnata con i molteplici segni visibili a tutti.

Sono i segni che si stano aggiungendo, per rendere più chiara immagine del passaggio dei tempi che si sta svolgendo proprio nel anno 2017. La loro manifestazione è iniziata il 23 settembre 2016.

In articolo 23 settembre 2016 alle 16:51 è iniziato Conto alla Rovescia del inizio di una nuova Era – Quando la Venere si toglie la maschera finendo il 6° giorno, ho detto e ho spiegato perchè

Il 20 marzo 2017 alle 11:29 ( Equinozio di primavera) finisce il 6° giorno è inizia il 7° giorno.

Nuova Era inizia tra 20 e 23 settembre 2017 (Equinozio d’autunno 22 settembre 2017 alle 22:02). 

Da allora si sono sviluppati nuovi eventi celesti che dipingono l’immagine con i colori più chiari.

Ricordiamoci

«Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto.» Apocalisse, 12

Di chi è incinta la Vergine e chi sta per nascere?

Il 20 novembre 2016, aveva inizio un evento astronomico che durerà nove mesi e mezzo, culminando in una sorprendente coincidenza con la visione del capitolo 12 dell’Apocalisse.

Questo evento astronomico, in tutti i suoi particolari, è unico nella storia dell’uomo.

Il 20 novembre 2016, Giove (il pianeta Re dei Re) è entrato nel corpo (grembo) della costellazione della Vergine (la Vergine, appunto).

Mi permetto azzardare la mia suposizione che Il Giove era il padre che chiamava il CRISTO SOLE, durante il suo calvario e grazie al suo coraggio di crescere, Giove è diventato il nuovo figlio che deve nascere guidato dai nuovi insegnamenti. Mercurio lasciava posto a Giove per governare i 1000 anni del 5° girno che iniziava proprio intorno al crocifissione e resuscitazione di Cristo.

il 20 novembre 2016, è proprio il giorno in cui giungeva al termine CAMPAGNA ELETTORALE STRAORDINARIA DI ELOHIM – GIUBILEO – ANNO SANTO , proclamato da Papa Francesco. E proprio quel giorno è la Festa di Cristo Re.

Nella data della Luna Nuova del destino – 29 novembre 2016 – Quello che cosa stai creando adesso, durerà per tanto, tanto, tanto tempo era ovvio che Luna NUOVA ripete ed espande al infinita potenza il messaggio del PORTALE 11:11:9 ed oltre- Il Re è Morto! Lunga Vita al Re!, mettendo in evidenza ancora una volta che il vero potere ma anche opposizione a quel potere, è dentro di te, attraverso il numero 29. (ora del Equinozio è 11:29 – portale dei tempi)

Giove, a causa del suo moto retrogrado, resterà per i successivi 9 mesi e mezzo (dal 20 novembre 2016) nel grembo della Vergine. Questa durata di tempo corrisponde al periodo di gestazione di un normale bambino a termine tardivo.

Dopo 9 mesi e mezzo, Giove uscirà dal grembo della Vergine. All’uscita (nascita) di Giove, il 23 settembre 2017, noi vedremo la costellazione della Vergine con il sorgere del sole precisamente dietro di essa (la donna vestita di sole). Ai piedi della Vergine troveremo la luna. E sopra il suo capo troveremo una corona di dodici stelle, formata dalle abituali nove stelle della costellazione del Leone con l’aggiunta dei pianeti Mercurio, Venere e Marte.

Quello che mi sembra molo significativo è che proprio prima di questo equinozio 2017, iniziando dalle Idi di Marzo (ancora una data che ricorda al “figlio che ucide il padre”- Cesare e Bruto ),

Il  Giove si accinge a diventare il protagonista assoluto delle osservazioni planetarie per i prossimi mesi. In vista dell’opposizione, attesa per il mese di aprile, il pianeta gigante anticipa sempre più il suo sorgere fino a diventare osservabile per quasi tutta la notte. Nel corso delle prime ore della notte lo vediamo sorgere quasi esattamente ad Est.

Giove si muove con moto retrogrado nella costellazione della Vergine, dove lo vediamo allontanarsi lentamente dalla stella Spica.

Sempre degni di nota i 4 satelliti galileiani (Io, Europa, Ganimede e Callisto), che si mostrano come piccoli puntini bianchi che danzano da un lato all’altro del pianeta sulla linea dell’equatore creando spettacolari configurazioni.

 

Come in ogni gravidanza che si rispetta, dopo 4 mesi di gestazione, il bambino (Giove) si fa sentire. Sentiamo i suoi muovimenti dentro di noi (Giove retrogrado) in modo chiaro con arrivo di equinozio.

Tutto ci sta parlando della natura REALE che deve essere manifestata e che noi adesso iniziamo a sentirla.

A parte di Giove, che congiunto con l’Haumea(grande madre creatrice in 4°casa del nido)), sta lottando per la sua rivoluzionaria manifestazione (opposizione con Urano /Eris ) e quadrato di Plutone (trasformatore in 7 ° casa di relazioni), il Nodo nord lunare è allineato con la stella regale – Regolo (il cuore del Leone), indicando che questo è il nostro compito, che questo è il nostro carma. Siamo destinati di essere sovrani.  Ascendente allineato con il Sirio in Cancro e con la congiunzione tra Veste (focolaio, focus) e Atlantide (la casa) in quadrato con Giove in gestazione, indicano che Giove ha sua visione originale – lui sa che sua casa è dentro di lui, che da lui dipende come si manifesterà. Il nuovo Re Giove , che sta per nascere ascolta e collabora con i “segni dei tempi”  sestile con il Saturno congiunto al Centro Galattico, con Luna al Centro Galattico e con Ixion anche al Centro Galattico), pronto a seguire il suo scopo nonostante la sofferenza del ego (Ixion).
Non è orologgio o calendario quello che decide la sua nascita. IL tempo è deciso dalla sua maturità. Il grado di sua completezza decide se il Nuovo Re Dio Manifestato nascerà e quando.

Ho già scritto in articolo precedente Luna Piena della DEA VERGINE – 12 marzo 2017

Un’anima vergine è uno che è diventata libera dalla comprensione condizionata letterale e l’applicazione della parola di Dio; è un’anima che è diventata autosufficiente e indipendente;è un’anima che cerca di servire ma non è schiava; e un’anima che è diventato del tutto il creatore autosufficiente.

Questo aspetto di completezza, di autosuficenza è fortemente indicato anche dalla posizione di Saturno. A parte che è congiunto con il Centro Galattico (centro della nostra anime incarnata), se osserviamo bene la carta celeste vediamo che il Saturno si trova in chiaro allineamento con L’Ercole e con l’Ofiuco e tutti due presentano archetipi di completezza.

Clicca sulla foto per ingrandirla.

Eracle (Ercole dei romani), figlio di Alcmena e di Zeus (Giove), per metà umano per l’altra divino, rappresenta il figlio di Dio incarnato ma non ancora perfetto, che prende nelle sue mani la natura inferiore e l’assoggetta con la volontà alla disciplina affinché possa far emergere la divinità.

Egli perciò prende in mano la sua vita e decide di affrontare il suo viaggio interiore costernato e saggiato dalle dodici fatiche. Queste imprese erculee danno un quadro sintetico del progresso dell’anima dall’ignoranza alla saggezza, dal desiderio materiale alla realizzazione spirituale, sì che il fine possa esser visto sin dall’inizio e un’intelligente cooperazione con il disegno dell’anima prenda il posto di uno sforzo cieco.

Così, con la storia di Ercole viene mostrata come egli, nelle sue dodici fatiche, recitò la parte dell’aspirante sul Sentiero del Discepolato che per mezzo dei suoi fallimenti e successi, dei dolori e gioie provate e di tutte le sue esperienze preparatorie al gran ciclo conclusivo, giunge così all’iniziazione penetrando nei misteri dell’Universo e nel regno spirituale. 

Tempo per integrare tutti i 12 archetipi astrologici è adesso, chi non è riuscito a fare completamente il “viaggio del Eroe” dovrà continuarlo in un altro ciclo, ma adesso non può diventare Divino.
Ofiuco ci sta accompagnando insistemente ancora dal 10 maggio 2016. Si è “fatto vivo” di nuovo durante la Luna Piena del compimento e la porta verso il 2020 e 2024-12 gennaio 2017, e adesso Il signore dei tempi, Saturno lo sta indicando continuamente, ricordandoci di quello che dobbiamo raggiungere per poter iniziare un nuovo ciclo.

Ofiuco e l’Eterno Istante

Spesso si sente parlare di Ofiuco come di un ipotetico “tredicesimo segno”che il Sole toccherebbe nel suo cammino annuale lungo lo Zodiaco.

OFIUCO – ” (in latino Ophiuchus, colui che porta il serpente, serpentario, colui che domina il serpente; Ὀφιοῦχος, Ofioùchos in greco). Ofiuco veniva disegnato come un uomo che porta un serpente. Il suo corpo divide il serpente in due parti, la Testa del Serpente e la Coda del Serpente, che sono comunque considerate una sola costellazione.

In realtà  l’idea non ha alcun fondamento astrologico, perchè nasce dall’antica quanto insanabile confusione che alcuni (di tutte le specie) fanno tra segni zodiacali e costellazioni zodiacali. Difatti, non vi è alcuna corrispondenza tra le 88 costellazioni riconosciute dall’astronomia e i segni zodiacali. Le costellazioni zodiacali, così come le conosciamo, sono pura astrazione, e non esistono in cielo. Sono delle illusioni di prospettiva, dovute alla posizione particolare della terra; sono gli effetti prospettici che avvicinano in cielo stelle lontane tra loro e, viceversa, allontanano stelle che in realtà  sono molto vicine. Ma tra le costellazioni, raggruppamenti arbitrari di stelle visibili ad occhi nudo, di ampiezza tra loro diversa, e i 12 segni zodiacali, non vi è alcuna corrispondenza, se non quella simbolica. E’ vero che Il Sole, nel suo cammino annuale attraversa la fascia dell’eclittica toccando 13 diverse costellazioni, tra cui quella dell’Ofiuco tra le costellazioni (non segni) dello Scorpione e del Sagittario. Ma lo Zodiaco considerato dall’Astrologia Tropicale, è tutta altra cosa.

Ofiuco è una costellazione che attraversa lo zodiaco ma non è un segno zodiacale.

In realtà si acquisisce il raggiungimento del Tredicesimo Segno, l’Occhio del Ciclone, l’Ottava Musicale dell’Anima, quando tutte le potenzialità espresse dai 12 Segni Zodiacali si sommano e si acquietano. Si ha quando tutte le forze espresse dai Raggi dello Schermo della Circonferenza Zodiacale (La Ruota del Tempo e dello Spazio) convergono e ricevono la Forza dal Centro che rimane focalizzato sull’eterno istante (in assenza di passato, presente e futuro) . Rappresenta l’illuminazione, il realizzato, il Cristo, il Cristallo (elemento presente in natura dotato di una sincronia perfetta). Il 13° Segno ha perciò rilevanza solamente per l’Astrologia Evoluzionistica, mentre per l’Astrologia Scientifica o Tropicale, non esiste invece alcun 13°, difatti, come già detto, la suddivisione in 12 settori o segni zodiacali, è fatta sulla base dei cicli stagionali terrestri. Mentre i 12 segni sono attinenti alla personalità, il 13° segno è indice di una anima risvegliata, di un Se Superiore consapevole, che si è ormai spogliato delle 12 maschere archetipiali della personalità , avendone acquisito tutte le potenzialità . Come succede per i 7 colori, che fondendosi, realizzano “il Bianco”, il non colore. E’ così che il ricercatore di realtà, togliendo il velo, realizza la propria apocalisse, la propria rivelazione. Chi la realizza esce dalla cintura Zodiacale, dalla Ruota del Tempo e dello Spazio (rappresenta dai 12 Segni), dallla mitica “Caverna Platonica” dominata dalle ombre. Così, con il raggiungimento (ascensione) del Tredicesimo Segno si realizza l’Apocalisse individuale, l’apertura dei “Sette sigilli”, o dei “Sette Chakra”, la piena comprensione dei “Sette Pianeti Personali/i Sette Raggi Planetari” e l’apertura del “Terzo Occhio”. Chi la realizza, cessa di avere un “segno”, “una personalità “, “un destino” ed acquisisce le potenzialità  espresse dal “Tredicesimo Segno”, il segno degli illuminati.

Durante questo equinozio, il bisogno di completezza è ripetuto 3 volte.

Questo dimostra la sua importanza del momento.

Solo quelli completi dentro di se possono manifestarsi come RE, Come DIO, come ESSERE UMANO NUOVO, che non ha bisogno degli altri per dare la prova di sè e di proprio valore.

Solo un essere completato dentro di se, può amare in modo incondizionatosenza nessun bisogno di governare qualcun altro.

Solo un essere completo dentro di sè può creare una società libera del nuovo mondo, perchè solo un essere così può immaginare un mondo così.

Se lo puoi immagginare questo mondo essiste già.
Le linee temporali si stano allontanando sempre di più.

Il modo emotivo di vivere separazioni, è forse una delle prove finali di questo ciclo, che senza nessun dubbio ci mostrerà a quale linee temporali apparteniamo.

Felice Equinozio di Prima- Vera,
Felice Nuovo Anno astrologico,
Felice inizio del Settimo Giorno
A prescindere su quale livello di completezza vi trovate.

Tanja

Io sono il giorno, che nascerà

Io sono la luce prima del mattino

Io sono la notte che l’alba diventa

Io sono il fine e l’inizio

Io sono l’Alfa e l’Omega

Il giorno e la notte, il primo e l’ultimo


Illuminosa immortalis Sancta Gloriosa
Illuminosa immortalis Sancta Gloriosa
In Aeterna


Io sono la luce che nasce
Sono la nuova speranza del mattino
Io sono il buio, che presto saràluce
Io sono la salita e la caduta
Io sono l’Alfa e l’Omega
Il giorno e la notte, il primo e l’ultimo


Illuminosa immortalis sancta Gloriosa
Illuminosa immortalis sancta Gloriosa
In Aeterna

3 Responses to Equinozio di PRIMA-VERA 2017 – INIZIO DEL SETTIMO GIORNO – Giove in utero della Vergine sta scalciando

Avatar

Carla

marzo 20th, 2017 at 00:02

Grazie Tanja, per il tuo bellissimo articolo, grazie perche’ condividi con tutti noi la tua conoscenza! Felice Equinozio Di Primavera – Felice Nuovo ANNO Astrologico – Felice inizio Del Settimo giorno a te! Carla

Avatar

Anonimo

marzo 20th, 2017 at 15:01

Tanja ma hai scrito “Giove si muove con moto retrogrado nella costellazione della Vergine, dove lo vediamo allontanarsi lentamente dalla stella Spica.” Ma il moto retrogrado é in bilancia dal 6 di Feb fino al 9 di Giugno. Forse ho capito male io,scusami potresti chiarirmi i movimenti di Giove fino all inizio della Nuova Era il 23 Sett. ? Grazie <3

Avatar

Tanja

marzo 21st, 2017 at 21:51

Quello che spesso succede è che si confondono astrologia e astronomia. astrologicamente giove si trova in bilancia, ma visibilmente (come segno nei celi) giove si vede in grembo della vergine. Costelazioni astronomicamente spesso entrano una nel altra. Confusione di stesso tipo si fa quando si parla che zodiaco ha 13 segni secondo nuova posizione delle costellazione sui cieli come si vedono adesso. Il cielo di oggi non è stesso cielo come era visibile 100, 2000, o 20000 anni fa. Astrologia lavora con gli archetipi. Tutto questo richiede una spiegazione dettagliata e credo che in uno dei prossimi articoli scriverò di questo argomento.

Risveglio di una Dea sui Social Network

ARCHIVIO ARTICOLI

CATEGORIE ARTICOLI

IO SONO….

Chi sono io?
La domanda eterna di ogni persona da sempre.
Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda
In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo.
Io credo che questa ricerca non finirà mai.
Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione.
Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la saggezza e la potenza.
Una volta ho scritto:
Fu una volta un popolo divino……..
che dimenticò di esserlo..
dimenticò
realtà parallele
frequenze divine
connessione divina
libera connesione divina.

Un giorno pieno di luce hanno cominciato……

In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi.
Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei.
Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome.
Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando.
Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo.
Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere.
Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso.
Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci.
Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione.
Che l’amore ci guida.
Tanja