Crea sito

mercoledì dicembre 21, 2016 09:15

Solstizio Terrestre della Primavera Cosmica – Una nuova favola di NATALE VERO

Posted by Tanja

 

Tu credi che esiste inverno?

Credi che esiste un momento quando autunno si trasforma in inverno?

Inverno è reale?

Solstizio d’inverno è reale?

Tu credi nei cicli della natura?

Credi che esistono le stagioni e i punti precisi quando una stagione sta diventando un altra?

Credi che puoi prevedere, in senso globale, come sarà il clima, o che attività si svolgeranno in ognuna delle stagioni?

Posso immaginare espressione dei vostri visi e quasi posso sentire i vostri pensieri mentre leggete queste parole.

Ma è impazzita?

Che domande sono queste?

Certo che esiste inverno e esistono le stagioni ed esistono i punti precisi quando le stagioni cambiano.

Lo sanno tutti.
Si vedono.

Si sentono.

Le viviamo.

Le sperimentiamo.

Il cambio delle stagioni è reale.

Sapiamo perchè succedono e come succedono.

Non è questione di credere, non è questione di fede, noi sapiamo che le stagioni esistono e come funzionano.

Questo è una conoscenza elementare.”

Se è così, perchè è così difficile a credere che 4 anni fa, 21 dicembre 2012, è successo un cambio di stagione cosmico?

Come mai, qualcuno ancora crede che anche il Cosmo ha le sue stagioni? Come mai qualcuno ancora dice che il 21 dicembre 2012 non è successo proprio nulla?

Durante il Solstizio d’Inverno 21 dicembre 2012 alle 11:11 del tempo universale terrestre (12:11 ora italiana) mentre sulla Terra sperimentavamo il giorno con la notte più lunga del anno, al livello cosmico, alle 10:05, il nostro sistema solare ha raggiunto il punto del Equinozio di Primavera Cosmica.

allineamento-galattico

allineamento-galattico-2

Ogni anno Terrestre, proprio nel giorno di Solstizio, il Sole – ( nostro sole interiore) archetipo del nostro essere incarnato si trova in congiunzione (allineamento) con il Centro Galattico (centro della nostra anima incarnata).

Questo allineamento succede solo una volta al anno e ci si aprono tutte le porte permettendo diretta e illimitata chiacchierata tra il nostro ego e la nostra anima che ci parla di scopo della nostra incarnazione.

Ogni solstizio si ripete come un promemoria, che ci dice che la nostra esistenza ha un senso.

Ogni solstizio ci spiega che cosa sta succedendo dentro e fuori di noi.

Ci sta spiegando i processi e leggi della natura di quale stiamo facendo parte.

Non esiste solstizio d’inverno sulla terra senza che esiste un solstizio d’estate in contemporanea al suo emisfero opposto.

Come in Terra così in cielo.

Non esiste una primavera cosmica senza un autunno cosmico.

Non c’è nessun mistero.

Non c’è nessuna promessa di un Dio esterno da noi, onniveggente, onnisciente, che ci ama o che ci giudica.

Non c’è un piano creato da qualche essere supremo seduto si qualche trono nel regno celeste.

Tutti noi facciamo parte della natura, come sulla Terra così in cielo e seguiamo i ritmi della vita.

I misteri, misticismi e religioni sono solo espressioni di non sapienza.

In stesso modo come non c’è più nessun mistero e misticismo intorno a che cosa sta succedendo durante inverno o primavera nella natura terrestre (perchè possediamo la sapienza di questi processi), non c’è nessun mistero di che cosa succede durante un inverno o primavera cosmica se possediamo il sapere di quelli processi.

La natura ha le sue leggi e queste leggi si ripetono in forma frattale.

Tu non devi credere religiosamente in quelli processi, in stesso modo come non devi credere religiosamente che esiste inverno o primavera o estate o autunno sulla Terra.

Quando sai, quando comprendi, la credenza lascia posto alla certezza.

E anche se ancora non sai tutto, tu sai già con la certezza che certi processi stano succedendo e puoi contribuire in loro svolgimento o puoi opporti ad essi.

Sapendo che sarebbe davvero stupido per un seme di sbocciare fuori della terra durante i giorni più freddi o rifiutare a sbocciare in primavera, sembra assolutamente logico, che noi, facendo parte di questa natura, facciamo la scelta saggia quando scegliamo a seguire i ritmi stagionali dei processi naturali come sulla Terra così in Cielo.

Tanto, tanto tempo fa, dopo un autunno cosmico,siamo entrati nel inverno cosmico ed era il tempo che noi(seme) viviamo nel buio (sotto terra).

Nessuno ci ha costretti.

Nessuno ci ha manipolato.

Era naturale ed era saggio rispettare la natura.

In stesso modo dopo il 21 dicembre 2012, è iniziata la primavera cosmica, il clima cambia, il giorno cosmico sta diventando sempre più lungo ed è logico che il seme (noi) sboccia, lasciando che il corpo del seme muore sotto terra cibando con la propria morte una nuova pianta nascente nel superficie sulla terra.

Inverno cosmico era la gravidanza, la Primavera Cosmica è Natale.

Il Natale cosmico è successo il 21 dicembre 2012 alle 10:05.

Non dobbiamo aspettare più che CRISTO nasce.

LUI/ LEI essere CRISTallino/a è già qui.

IL CRISTO SIAMO TUTTI NOI e SIAMO GIA’ NATI.

Durante lungo inverno cosmico, stavamo nella fredda oscurità, confusi ed impauriti, perchè tutto intorno a noi era cambiato.

Noi siamo cambiati.

Non riconoscevamo nulla intorno a noi e non riconoscevamo neanche se stessi. Dalle piante in loro massima fioritura e maturità, che si manifestavano in loro piena bellezza colorando con tutti i colori il quadro cosmico della creazione, al improvviso ci siamo trovati stretti dentro la pelle di un piccolissimo seme che doveva stare fermo, curandosi solo di sopravvivenza, aspettando la primavera per poter sbocciare di nuovo.

Dentro quel seme piccolo, invisibile, ed di modesto aspetto si nascondeva la promessa di primavera, si nascondeva la promessa del estate, si nascondeva il significato del estate e si nascondeva la spiegazione del nuovo inverno.

Il seme, dentro di se conosceva i ritmi della vita e le sue leggi.

Il seme conteneva tutto questo sapere, ma immerso nella paura e nella lotta per sopravvivenza fisica, ha iniziato a dimenticare.

Durante lunga notte fredda del inverno cosmico, quelli che ancora ricordavano qualcosa, del loro passato e della promessa del futuro, raccontavano storie della vita in un mondo pieno di luce e dove esistevano tutti i tesori.

Quelli che ancora ricordavano scrivevano e disegnavano le loro storie, per non dimenticare. Ma comprensione vera di quelle storie svaniva.

La comprensione cambiava e per renderle le storie più chiare, secondo i loro punti di vista, da una storia della verità cosmica sono create tantissime diverse una del altra.

Ascendere di nuovo al cielo è diventato il desiderio e meta comune in tutte queste storie.

Andare verso la luce.

Seguire la luce.

Andare verso l’alto.

Illuminare la strada.

Uscire dalla Terra Cava ed oscura ( Caverna di Platone ) nella luce del Sole.

Questo era  l’imperativo!

Oh, i, piccoli impauriti semi si sono inventati tante storie del modo in quale succederà questo miracolo. I messia, i salvataggi alieni, le magiche energie che gli innalzeranno  al superficie….l’immaginazione non ha fine.

E durante quel inverno cosmico, 2000 anni fa, un seme ha risvegliato dentro di se, l’estate cosmica che esisteva in contemporanea con loro inverno.

Lui era in piena fioritura, la sotto terra nel buio.  

Lui ha mostrato a tutti che la vita al luce del sole è vera, che esiste.

Ma un fiore non può vivere sotto la terra nel buio per tanto tempo.

Lui lo sapeva.

Sapeva che ha sbocciato tropo presto, ma voleva fare il regalo agli altri, condividendo tutto il sapere che sentiva da dentro di se.  

Gli diceva- Ricordatevi che il corpo vostro e tempio di Dio.

Li dentro troverete tutto il sapere. Se credete in questo, da lì arriveranno i miracoli.

Ribaltava le bancarelle dove “si vendeva la salvezza e i doni per un falso dio”.

Ha fatto di tutto per dimostrare ai semi che la forza è dentro di loro, non fuori di loro e gli ha detto i segni del arrivo della primavera.

Gli è insegnato che la morte non è null’altro che cambio del corpo e che per ascendere prima devono morire.

Devono morire come il seme per diventare la pianta.

Ha fatto tutto questo e se ne è andato. Il 12 dicembre 2012, la promessa si è avverata.

La Primavera cosmica è arrivata. I raggi del Sole hanno iniziato a riscaldare più forte la loro Terra.

I loro corpi hanno iniziato a cambiare.

La loro pelle del seme ha iniziato ad avere le crepe e i vecchi ricordi della loro identità e natura vera ha iniziato a scorrere fuori di loro. Tanti hanno lasciato che la paura della morte soffoca la loro voce della vita vera.

Si ricordavano solo delle parole del FINE DEL MONDO, dimenticando che ogni fine e anche UN NUOVO INIZIO.

Ma tanti hanno sentito il richiamo della vita, della luce e del Sole primaverile. Si sono lasciati guidare con la gioia e fiducia. Hanno incontrato i 4 cavalieri del apocalisse, che gli rispondevano alle domande

1 °: Chi sono io?

4 °: Dove sono?

7°: Con chi sono?

10°: Che cosa devo fare?

I loro corpi stano diventando sempre più diversi dai corpi dei semi che rifiutavano a seguire la Primavera.

Loro linguaggio inizia a distinguersi.

I semi diventati piantine sbocciate, stano sentendo quel tocco caldo del sole primaverile sulla loro pelle nuova appena formata.

Loro vedono una terra nuova illuminata.

Stano provando a spiegare ai semi impauriti che devono lasciarsi andare al cambiamento ed abbracciarlo con gioia, perchè loro vedono già le bellezze del nuovo mondo.

I semi impauriti seguiranno le trace di luce che le nuove piantine lasciano dentro di loro?

Capiranno che anche rimanendo sotto terra, il loro mondo sta cambiando, sempre più scaldato dal Sole della Primavera Cosmica?

Questa nuova sottoterra deve scaldare i radici delle nuove piante nate.

Questa nuova sottoterra non è più adatta per i semi che si rifiutano di sbocciare.

Durante lunga notte del inverno cosmico, ci raccontavamo le storie di una promessa e della speranza che quella promessa sarà mantenuta.

Durante questa notte più lunga del anno che abbraccia il giorno più lungo del anno, noi festeggiamo, perchè sapiamo che la promessa è stata mantenuta.

 

Non dobbiamo più sperare i

n una NUOVA TERRA e UN NUOVO MONDO.
NOI STIAMO GIA’ VIVENDO IN QUEL MONDO COMPLETAMENTE NUOVO.
NOI SIAMO COMPLETAMENTE NUOVI.
MANIFESTIAMO NOI STESSI

PORTANDO L’ARIA DI PRIMAVERA AL COSMO INTERO.

GODIAMOCI QUESTA PRIMAVERA

e

PREPARIAMOCI PER L’ESTATE E PER L’AUTUNNO,

CARICANDO CON TUTTO IL NUOVO SAPERE I

L SEME FUTURO CHE CRESCE DENTRO DI NOI

E CHE DURANTE UN NUOVO INVERNO DOVRA’ RITORNARE SOTTO TERRA.

TANTI AUGURI A TE PIANTA CRISTallina per questo tuo 4° COMPLEANNO che conferma la tua stabilità della crescita! IL MONDO E’ TUO:

TU SEI IL MONDO.

FELICE VERO NATALE !

Tanja

NB 

http://w2.vatican.va/content/john-paul-ii/it/audiences/1993/documents/hf_jp-ii_aud_19931222.html

15492070_10154065507451828_5830090589775411771_n

 

 

 

 

4 Responses to Solstizio Terrestre della Primavera Cosmica – Una nuova favola di NATALE VERO

Avatar

luca

dicembre 21st, 2016 at 10:16

Oohh… Commovente,mi é venuto da piangere :’)
Grazie Tanja ❤
Ti sfioro nel tepore e gioisco di queste ossa che si stanno forgiando al sole primaverile dello spirito natalizio allora :)°

Prego affinché quel che resta della terra che ricopre i nostri fratelli possa venire spostata dai venti e dai terremoti,fatta sparire dal fuoco e dalla pressione,dissolvere dall acqua e dalle lacrime. Che questa primavera possa esprimersi il più inalterata possibile e possa 12 volte essere compresa ,utilizzata e completamente integrata da 3 IO e 3 NOI .
Che ogni segno zodiacale integri il suo opposto e riesca a salvaguardare il suo percorso per poter appena cominciare l’ascensione verso i piani superiori che ci attendono.

Che la comparsa di NESARA e GESARA possano inoltre riservare lo sguardo per la nostra ascesa in totale equanimità e gioia dilagante, di uno spirito che ha ritrovato le condizioni esterne favorevoli per la propria crescita nella routine del quotidiano,in amore e luce senza più rallentamenti o condizioni sfavorevoli per alcuno e che chi ci ha contattato in questi anni possa finalmente mostrarsi senza la paura di essere idolato e danneggiare il nostro effimero libero arbitrio.

Era una piccola preghiera da stampare ed appendere fra i rami di un abete , che andrebbe agghindato con il tuo intero blog ;). Un abbraccio e buone feste!!!!!!!!!!!!!!!
Ps:Grazie per il telefilm della N.G. dei viaggiatori su Marte, bellissimo! Contraccambio per serendipità il tuo regalo con: http://www.italia-film.me/the-oa-2016-serie-tv/

Avatar

Tanja

dicembre 21st, 2016 at 18:28

Ti abbraccio forte, Luca <3 .

Avatar

Delia

dicembre 21st, 2016 at 11:29

Tanja a te un luminoso Solstizio…senza pubblicarlo…questo è un abbraccio speciale tutto per te….perché ancora di più hai fatto bingo con questo tuo ultimo bellissimo scritto…grande Luce a te e a tutti noi…che stiracchiando le nostre braccia, usciamo da questa calda e morbida terra e sorgiamo per festeggiarci…
RI-Sorgiamo con canti e allegria gioiosa

Avatar

Tanja

dicembre 21st, 2016 at 18:25

Grazie Delia.