Crea sito

venerdì luglio 8, 2016 21:43

Portale 77 segnato con il nuovo crop circle stella a 7 punte – TU SEI TUTTO

Posted by Tanja

13606989_168736580208744_5069817448336425324_n 13620347_168736556875413_6873805493493939184_n

 

Come ho già scritto nel articolo precedente,

il Regolo che è stato protagonista del appertura del portale 77 del 2015 , lo è anche questa volta.

Lui la stella Regale, il cuore del Leone quest anno è unito con la Luna proprio durante la tempesta geomagnetica del Sole arrivata sulla Terra.

Questo evento è segnato con il nuovo crop circle segnalato il 7/7/2016 a una pagina facebook , e da quale ho preso queste foto.

Portale 77 è aperto con una stella a 7 punte.

E’ un disegno a tratto unico con sette punte, molto importante nell’esoterismo occidentale, simbolizza la sfera di NETZACH (tradotto anche Eternità o Vittoria), ossia la capacità di esprimere l’Amore Divino nel mondo, dandogli durata e stabilità, e vincendo gli ostacoli che si frappongono alle buone intenzioni.

ep

È costanza e decisione, è il saper vincere, cioè il non inebriarsi eccessivamente della vittoria. È il senso di Sicurezza che pervade chi sa di appoggiarsi sul luogo giusto. Nel corpo corrisponde alla gamba destra.

L’Amore Divino, che risiede nel quarto chakra o chakra del cuore, è l’amore che tutto perdona, è la capacità di attrarre a sé, e nutrire i meritevoli come i non meritevoli.

Rappresentazione

cerec

L’eptagramma è presente nella bandiera della nazione Cherokee, e nella bandiera australiana.

Rappresenta inoltre:
i sette pianeti Sacri, secondo l’antica astrologia:
1- Luna; 2-Mercurio; 3-Venere; 4-Sole; 5-Marte; 6- Saturno; 7-Giove
I sette giorni della settimana, governati da ciascun pianeta secondo regole che risalgono almeno agli antichi Caldei e Babilonesi.
I sette metalli alchemici
I sette colori dell’arcobaleno
Le sette stelle della principale costellazione dell’emisfero settentrionale, L’Orsa Maggiore, e le sette stelle delle Pleiadi, tutte collegate con i sette pianeti sacri
Le sette notti di ciascun quarto di luna
I sette chakra
Le sette note musicali
I sette piani dell’universo, secondo l’occultismo ci sono quattro piani nell’universo ciascuno corrispondente ai quattro elementi, ma poiché ciacun piano sopra il fisico ha un aspetto superiore e uno inferiore, dà un totale di sette:
7. Spirituale superiore l’ Elemento: Fuoco ( il proverbiale “settimo cielo”…)
6. Spirituale inferiore
5. Mentale superiore l’ Elemento: Aria
4. Mentale inferiore
3. Astrale superiore l’ Elemento: Acqua = Mondo delle Emozioni
2. Astrale inferiore
1. Fisico: Terra
I termini superiore e inferiore tuttavia sono solo espressioni figurate, i piani non sono “luoghi” ma stati di consapevolezza, e si interpenetrano.

Le sette ghiandole endocrine, principali del corpo umano
Le Sette qualità o sette requisiti fondamentali per il mago: l’Umiltà, il Rispetto, la Fiducia, la Gentilezza, la Sincerità, l’Onore e la Dignità

I sette raggi dell’astrologia esoterica:
I. volontà o potere
II. Amore-saggezza
III. Intelligenza attiva dalla combinazione di questi tre fondamentali derivano gli altri quattro:
IV. Armonia tramite conflitto
V. Scienza concreta
VI. Idealismo-devozione
VII. Ordine cerimoniale

Simbolismo

Il sette è associato anche con il magico cerchio, dove abbiamo i quattro quarti o punti cardinali, il Nord il Sud l’Est e l’Ovest, più l’Alto, il Basso (il Sopra e il Sotto della tradizione ermetica, come Sopra così Sotto): queste sono le sei direzioni che lo sciamanismo di tutto il mondo rispetta e onora, mentre il centro del cerchio, un luogo di quiete da cui tutte si irradiano, è il settimo punto.

Secondo i pitagorici il sette è il numero perfetto, in quanto risultato della somma di due numeri perfetti, il tre e il quattro, i tre principi e i quattro elementi.

Dice il filosofo greco Empedocle:” l’intero mondo del divenire, la natura e gli universi sono generati dall’attività di due principi divini “, che ha chiamato con i termini simbolici di zolfo e mercurio che sono di opposta polarità e che a loro volta, attraverso l’azione del terzo principio, il sale, determinano l’incessante assemblarsi e dividersi dei quattro elementi primari: Terra-Solidi, Acqua-Liquidi, Aria-Gas, Fuoco-Radiazione.

639px-Triskele-Symbol-spiral.svg

Il triangolo (il Triskell) rappresenta la trinità di corpo, spirito e anima, oppure in alchimia il sale ( il principio solidificante, la base), lo zolfo (il principio del movimento, maschile) e il mercurio (il principio della connessione, femminile).
Ancora, il triangolo rappresenta i tre aspetti della Dea, la Vergine o Giovane-il nuovo inizio; la Madre generatrice di vita-disponibile e compassionevole, e la vecchia Saggia ovvero il culmine della vita nella totale conoscenza ed esperienza: questi sono il ciclo della vita, la nascita, la vita e la morte che si riproducono all’infinito in un cerchio continuo.

I tre colori fondamentali (blu rosso e giallo) mescolati generano gli altri quattro colori (arancio verde indaco e violetto)

Li ritroviamo in nei tre aspetti della luna, crescente piena e calante, e in tutte le culture sia indo-europee (le tre Grazie, le tre Parche, le Tre Marie, la Dea Triplice della tradizione Indù, dei Sufi, le tre figlie di Allah (la dea, il potere, il fato) come in quelle africane e asiatiche, con ritrovamenti che risalgono al paleolitico.

640131 color-wheelgiusto_thumb_500x400

I tre principi della termodinamica

E’ interessante paragonare i principi della combustione a quelli della vita: per “generare” un incendio è necessaria la presenza del “combustibile”, di solito inerte e passivo, del “comburente”, sostanza attiva che fa bruciare il combustibile, in presenza dell’”energia di attivazione” o calore.
Allo stesso modo la vita si genera unendo il femminile, il maschile, e “l’energia di attivazione”, chiamiamola Dio o Spirito?, e il triangolo diventa piramide (ossia quattro) con al culmine (o al centro in una figura bidimensionale) il nuovo essere che fonde in sé i tre principi fondamentali (il Figlio).

Curioso e doveroso notare come nella Trinità cattolica sia stato accuratamente eliminato il riferimento alla Madre o principio Femminile , relegato in un ruolo di sostegno e di intermediario – in pratica secondo i cattolici i fondamenti della vita fisica e spirituale nell’intero universo sono rappresentati dal Maschile Padre più il Maschile figlio più lo spirito ( ancora maschile), ovvero il solo principio maschile che si autoriproduce da sé.
No comment, lascio a ciascuno il compito di riflettere su questa singolarità e dedurre se certe manifestazioni così frequenti nel mondo dominato dalla chiesa cattolica e in generale da religioni e filosofie maschiliste, dalle guerre alla brama di potere al disprezzo per la natura ai regimi totalitari fino a certe aberrazioni sessuali non possano essere diretta conseguenza dell’umiliazione quando non soppressione del lato femminile nell’essere umano, che si prende la sua rivincita quando l’uomo cade preda della paura, la malattia e la morte (tutte femminili…).

L’eptagramma è un simbolo sacro alla Wicca, una religione moderna recuperata dalle antiche tradizioni legate alla Dea Madre e al mondo delle fate; secondo questa tradizione, il suo nome è Elven o Stella delle Fate.

Eptagramma, ovvero “sette parole”: nel simbolo massonico a ciascuna punta è legata una parola la cui iniziale compone il seguente acronimo: VITRIOL, ossia vetriolo o acido solforico, elemento fondamentale dell’alchimista.
L’acronimo ci riporta alla seguente frase latina:

Visita Interiore Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem

Si può tradurre, semplificando, così: “vai al centro di te stesso, e correggendo e perfezionando trovi il tesoro nascosto”.

EPTENARIO 1

Ci sono interi tomi che commentano questa frase e non sono certo io quella che può aggiungere qualcosa di inedito, ma per riassumere per quanto questo sia possibile, ci dice che la Pietra Occulta, il tesoro nascosto, qualcuno direbbe il Regno dei Cieli, è nascosto nel posto più vicino, e cioè nel Centro della Terra, nel profondo del nostro cuore.
Mi permetto di citare un personaggio che forse non è molto riconosciuto come mistico o occultista ma quasi cinquant’anni fa in una forma che ha raggiunto milioni di persone in tutto il mondo. Sto parlando di Isaac Asimov e del suo capolavoro, la Trilogia Galattica, in cui la ricerca della mitica Fondazione percorre l’intera galassia fin nei suoi più remoti angoli per poi scoprire alla fine che si trovava proprio nel “cuore” (!) della Galassia stessa  d’altronde, dice Hari Seldon, alter ego di Asimov, il miglior posto per nascondere qualcosa di prezioso è sotto la vista di tutti  e questa è la storia del Pellegrino che parte alla ricerca del Graal e dopo aver raggiunto il limite estremo ritorna alla Fonte e lì la sua ricerca ha fine.

I cavalieri Templari

I cavalieri Templari associarono di proposito la stella a sette punte in Francia con il flusso dell’energia vitale della terra.

prumbach

Qualche anno fa è stato scoperto dal geomante Siegfried Prumbach che le ley-lines, ossia le linee, scoperte da Alfred Watkins nel 1920, lungo le quali scorre il magnetismo terrestre e i flussi energetici e che formano il tracciato su cui sono stati eretti i principali edifici megalitici del mondo, formano uno schema geometrico regolare intorno al globo, una griglia energetica formata da 12 pentagoni, ossia un dodecaedro, uno dei cinque solidi platonici.

Esattamente al centro di uno di questi enormi pentagoni che comprende l’Europa e il Nord Africa, la città francese di Bourges è anche al centro dell’eptagramma dei Templari.

Anche la linea del Graal corre esattamente al centro di questo pentagono. (NB. di questa linea ho scritto qui qui)

I Templari posero la sede delle loro logge principali ai sette punti della stella, vicino ai luoghi di potere più forti, per esempio la punta della Luna a Rennes les Chateau (luogo famoso per i Catari e conosciuto oggi per la storia dell’abate Sauniere), e la punta di Marte, dio della guerra, a Verdun, che acquistò triste fama durante la Seconda Guerra Mondiale).

 

La stella a 7 punte ricorda anche alla Dea Seshat –

seshat

era la dea della scrittura e delle scienze, moglie di Thot,[1] la divinità dalla testa di ibis, considerato dagli egizi l’inventore del calendario di 365 giorni. Ad Ermopoli era la sorella o la figlia del dio[2] ma anche la sua paredra.

Ella custodiva gli “Annali reali” che era l’archivio dei rotoli divini, dove annotava gli anni di regno di un sovrano ed il suo destino.[3]

I suoi ruoli ed attestati comunque erano svariati. Veniva chiamata “Signora dei Costruttori”, “Dea dell’edilizia”, “Fondatrice dell’architettura” e, per finire, “Signora delle stelle”.

Seshat era la più colta tra le varie divinità dell’Egitto e venerata dagli scribi reali nella “Casa della vita” (scuola medica e biblioteca del tempio) di cui era la protettrice ma essendo una divinità astratta non ebbe mai un culto particolare ne templi a lei dedicati.

Seshat veniva raffigurata con indosso una pelle di leopardo e le macchie nere venivano, a volte, rappresentate come stelle. Sul capo della divinità c’era una tiara dorata. Alla sommità di questa tiara veniva raffigurato un arbusto, cioè l’albero ished della conoscenza, che terminava con una stella, o rosetta, a 7 petali racchiusa da due corna rovesciate a forma di compasso. Nell’iconografia è anche rappresentata mentre teneva in mano una foglia di palma ed era nell’atto di scrivere il tempo del sovrano.

La tradizione e l’adorazione per questa dea egizia arriva fino all’epoca tolemaica e verrà impersonificata anche dalla regina Cleopatra IVche, si diceva, fosse così colta ed intelligente da saper parlare ben nove lingue, che avesse studiato architettura, matematica, astronomia e medicina presso la Grande Biblioteca di Alessandria.

 ORACOLO DEL CALENDARIO DELLE 13 LUNE DEL 07.07.2016 – SOLE GIALLO INTONANTE, KIN 200 – GIORNO 5 DELL’ONDA DEL GUERRIERO GIALLO

Il giorno 5 di un’Onda rappresenta un punto di svolta nel flusso dell’energia, come illustrato nella figura qui sotto:
Partendo dal quadrato in alto a sinistra, che è il giorno 1, si scende per arrivare all’ultimo quadrato in fondo alla colonna. Quello è il giorno 5, altresì detto Prima Torre del Potere, perché rappresenta la Forza a cui si può approdare quando si diventa consapevoli di chi si è. L’energia in discesa dall’alto attraverso le macchie solari, i venti solari, ecc., viene immagazzinata nella Prima Torre, per essere poi ridistribuita ad un livello orizzontale. Quindi il giorno 5 è il momento in cui possiamo prendere decisioni interessanti rispetto a ciò che si è appena affacciato alla nostra coscienza. Visto che stiamo imparando a distaccarci dalle conseguenze delle emozioni più dense, questo stato crea una nuova prospettiva più libera dentro cui possiamo inscrivere progetti mai presi in considerazione finora.
Il Sole Giallo che risuona al Tono Intonante è la Forza che deriva da uno stato interiore di chiarezza e nella chiarezza noi vediamo e possiamo fare i conti con ciò che è. A quel punto il corpo elimina i pesi energetici delle lotte interiori che ci portavano a resistere al dolore inconscio e noi torniamo in possesso di ciò che ci appartiene dal profondo.
Nel giorno 5 si ripete dentro l’Onda il Modello Cromatico per la prima volta. Il colore guida in questo caso è il Giallo. Nell’Onda del Guerriero Giallo nel giorno 5 arriva il Sole Giallo, a guidare la svolta sulla direzione che la Famiglia Cromatica Gialla imprime all’insegnamento, e la qualità portata dal Colore Giallo è la Maturazione, Tra le quattro direzioni quella del Giallo è il Sud. Nell’economia di questa porzione di tempo dunque oggi maturiamo una coscienza di presenza e di forza a cui siamo pervenuti attraverso la tenacia. Ciò verrà confermato nelle altre giornate in cui si ripete il colore Giallo, che sono il giorno 9 (seconda Torre del Potere) con il Seme Giallo, e nel giorno 13 (Portale d’Uscita) con la Stella Gialla.
CONCLUSIONE
Da qualsiasi parte osserviamo messaggio è lo stesso. questo crpo circle ci parla di un punto di svolta della consapevolezza di sè e del proprio posto nel universo.
TU SEI TUTTO! dice questo crop circle.

 

2 Responses to Portale 77 segnato con il nuovo crop circle stella a 7 punte – TU SEI TUTTO

Avatar

germana peiretti

luglio 13th, 2016 at 15:29

Anch’io ho spesso la consapevolezza di essere parte di un tutto,nel silenzio e nel cuore lo si sente con ancor maggior intensita’…siamo parte di un ‘tessuto’ che spesso non riusciamo ancora a comprendere appieno…l’ordito e la trama appartengono all’Assoluto o alla Divinita’ che e’ in noi…i disegni e le immagini che ci arrivano a conferma di cio’ sono come regali inestimabili e preziosissimi…grazie,grazie ancora e sempre uniti anime grandi, nella ricerca di noi stessi !

Avatar

germanapeiretti

luglio 22nd, 2016 at 09:27

ho trovato un articolo che potrebbe essere di ampliamento a questo, per chi fosse interessato: cercare su http://www.riflessioni.it -RIFLESSIONI SULL’OTTAVA – di Michele Proclamato e su you tube: il sapere dell’ottava, conferenza di Michele Proclamato.

Risveglio di una Dea sui Social Network

Commenti recenti

Archivi

Categorie

IO SONO….

Chi sono io?
La domanda eterna di ogni persona da sempre.
Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda
In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo.
Io credo che questa ricerca non finirà mai.
Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione.
Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la saggezza e la potenza.
Una volta ho scritto:
Fu una volta un popolo divino........
che dimenticò di esserlo..
dimenticò
realtà parallele
frequenze divine
connessione divina
libera connesione divina.

Un giorno pieno di luce hanno cominciato......

In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi.
Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei.
Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome.
Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando.
Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo.
Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere.
Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso.
Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci.
Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione.
Che l’amore ci guida.
Tanja

maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031