Le prime forme di vita potrebbero essere nate sui “Pianeti di diamante”

L’ipotesi dei ricercatori dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics.

117113_web-638x425

La nostra Terra consiste in silicati, un cuore di ferro ed una leggera patina di acqua e vita: ma i primi mondi potenzialmente abitabili dell’Universo potrebbero essere stati profondamente differenti. È l’ipotesi dei ricercatori dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics che suggerisce che la formazione planetaria nel giovane Universo potrebbe aver dato vita a oggetti costituiti prevalentemente da grafite e diamante, ossia due forme diverse di carbonio, potenzialmente in grado di ospitare forme di vita.

I pianeti di diamante in questione dovrebbero orbitare attorno a stelle estremamente anziane, chiamate CEMP (Carbon-enhanced metal-poor stars) e definite anemiche perché contengono una frazione piccolissima del ferro presente nel Sole. Queste stelle, però, sono anche ricchissime di carbonio, il carbonio liberato dalle esplosioni delle supernovae: e quindi, attorno ad esse, potrebbero essersi formati dischi di gas e polveri ricchi di carbonio dai quali sarebbero nati i primi pianeti sui quali potrebbe essersi sviluppata la vita.

L’Universo primordiale, infatti, era composto principalmente da idrogeno ed elio, mancando di elementi chimici come carbonio ed idrogeno, necessari per la vita come la conosciamo; soltanto le prime esplosioni di stelle come supernovae seminarono la seconda generazione che rese possibile la formazione planetaria e, quindi, la vita.

Si tratta di Stelle quasi “fossili” il cui studio potrebbe chiarire dettagli relativi alla formazione di pianeti particolarmente antichi e, magari, agli inizi della vita nell’Universo: perché se la vita aliena è a base di carbonio, proprio come quella sulla Terra, e questi Pianeti ci sono, è proprio lì che bisogna andare a cercare i più remoti indizi.
http://scienze.fanpage.it/

Leggendo questa notizia, la frase “Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai”, ha iniziato ad avere un altro significato e certe intuizioni hanno iniziato a sgorgare da dentro di me.

Questi sono solo alcuni punti di riflessione, non le conclusioni finali.
Sono le domande, non le risposte.

1. Quando si tratta di creazione del essere umanoide – umano, già da tantissimo tempo sento una certezza interiore quasi assoluta che essere umano non è creato sulla Terra.

2. Quando si parla di creazione del uomo, si parla di creazione del corpo di essere umano, non di sua essenza con il significato “essere un essere umano”

3. Il primo uomo, corpo, è nominato Adam.

Da Wikipedia

Nella Genesi ebraica, tramite un gioco di parole intraducibile, si suggerisce una derivazione dall’ebraico אֲדָמָה (‘adamah, “terra”, “suolo”)[1][4][3][5][6], ma si tratta più probabilmente di una paretimologia[6]; altre derivazioni plausibiili sono dall’ebraico אדם (‘adam, adom, “rosso”, “essere rosso”), forse in riferimento al colore della pelle umana o al colore del terreno[1][3][6], o da dam (“sangue”)[3], tutti termini risalenti a una radice comune[3]. Tra i vari significati proposti per queste derivazioni vi sono “creato dal suolo”[5], “creatura della terra”[4], “TERRA ROSSA”[2] e altri.

Prima associazione che mi viene in mente sulla TERRA ROSSA è il “PIANETA ROSSO” – Marte, che è in centro di attenzione in questi giorni, come dal aspetto astrologico, cosi dal aspetto astronomico e sociale.
Sono in corso intensi studi e preparazioni per ripopolazione di questo pianeta.

Si sta anche propaganda mediatica di questo progetto in forma dei film molto popolari.

Uno nuovo in cui ce tanta NASA dovrebbe uscire nelle sale il 19 agosto 2016

Foto dalla scena del film

genesis nasa

 

 

 

DALLA TERRA ROSSA SEI CREATO E NELLA TERRA ROSSA RITORNERAI???
Anche questo parla di vivere su Marte es è uscito nelle sale cinematografiche in USA il 3 giugno 2016

 

Ripeto, parliamo tutto il tempo di corpo fisico (involucro) del vero “essere essere umano”.

Questo è parte della storia raccontata in vecchio testamento.

Ma dal vecchio testamento (vecchia eredità) si passa al nuovo testamento (nuova eredità).

Come quando qualcuno va a notaio è cambia il proprio testamento perchè ha scoperto certi fatti della vita che prima non sapeva e vuole lasciare tutto che “possiede” ai nuovi eredi.

Il protagonista principale del Nuovo testamento è un uomo chiamato CRISTO (cristallino???).

Lui ci spiega il nostro corpo (involucro) in un altro modo.

Il corpo è il tempio di Dio in cui abita Dio stesso.

Il tempio è fatto dalla materia (polvere) con lo scopo di ospitare “essenza divina”.

Quel tempio può essere prezioso ed eterno come lo è l’essenza stessa.
L’essenza è la vita, il corpo è il contenitore di quella vita.
Se l’essenza è un diamante (la prima vita creata sui pianeti di diamante) allora anche il corpo diventa “diamantino” – CRIST-allino.

Come ho detto prima, queste sono solo le prime intuizioni, che certamente saranno ancora elaborate con arrivo di nuove informazioni.

Nuove informazioni arriveranno, sono certa di questo, perchè proprio oggi il Nettuno si è fermato (si trova più vicino alla Terra) per iniziare il suo cammino retrogrado.

Il Nettuno ci porta nelle  profondità dei oceani (acqua cristallina) del nostro corpo, per riscoprire tutti i nostri tesori nascosti e le vere bellezze della nostra essenza.

Tanja

 

 

SCIENZA , , , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente 12 giugno 2016 (369) - Quando il Dio punta il dito nel giorno di Primo quarto di Luna... Successivo Tutto inizia come una storia d'amore classica....

One thought on “Le prime forme di vita potrebbero essere nate sui “Pianeti di diamante”

  1. Andrea il said:

    Nel buddhismo vaijarana si parla di risvegliare il corpo del veicolo adamantino: il corpo veicolo dell’ anima e della energie divine e quindi dell’ anima…

I commenti sono chiusi.