Equinozio di Parto del 20 marzo 2016 ti mette le ali di fuoco

equinozio

Continua da 

Marzo 2016 – mese di Marte – Il mese di forte trasformazione di energia maschile – quando l’uomo per elevarsi deve apprendere a cavalcare la Tigre.

15 marzo 2016 – abbiamo preso la nostra Grande Croce Mutabile – Vuoi o non vuoi cavalcare il Pegaso con la Stella di Merkaba?

Un parto, una nascita è atto molto violento, molto doloroso per il corpo della madre ma anche per il bambino che deve nascere.
Un parto è anche un atto molto sporco, secondo le concezioni umane, perchè il parto (la nascita) è accompagnato con tutti i possibili liquidi e escrementi corporei.
Nel momento quando si sentono le prime doglie, la madre a parte il dolore sente anche una forma di paura, specialmente se questo è il suo primo parto.
Nei momenti dei dolori più forti si può svegliare anche la rabbia verso il partner con cui si è procreata questa nuova vita che sta per nascere.
Le doglie, il parto, la nascita, nel momento di loro svolgimento non sono minimamente romantici, esteticamente belli ne facili.
Ma lo stesso, non c’è un esperienza più bella di questa nella vita di una donna.
Quando arriva il momento del parto, non c’è quella forza che può fermarlo.

Deve avvenire.

Deve avvenire anche se fosse vorresti rimandarlo.

E ti fa rabbia, perchè in quel momento tu perdi il controllo.
Tu che da sempre decidevi di testa tua, nonostante tutto, nel momento quando devi partorire non hai diritto di decisione.

Devi farlo e basta.
Ma perdita di quel diritto vivi anche come qualcosa di naturale.
E in quel attimo quando il dolore è così forte che ti sembra che tutto il tuo corpo sta per esplodere e non riesci ad respirare, ti sembra di soffocarti senti quella voce: “Vedo la testa! Adesso spingi con tutte le tue forze!”, stai diventando qualcuno sopra-umano, stai diventando superumano.
Senza aria nei polmoni, senza forze fisiche rimaste, da qualche parte da dentro d te arriva quella forza immensa, che non conoscevi di possederla, tu stai spingendo e tuo corpo porta alla luce un corpo nuovo .una nuova vita.

In quel momento tuo corpo, il tuo cuore e la tua mente diventano un unica cosa.

Tu sei.

Tu semplicemente sei.

Beatitudine.

Un parto è l’esperienza spirituale più forte in cui la vita sta creando la vita.

Questa esperienza abbiamo provato tutti- donne, ma anche gli uomini.
Tutti noi siamo donne e uomini in qualche di nostra realtà parallele.
Se sei un uomo in questa realtà tu hai questa esperienza registrata nel tuo DNA.
Il parto è perfetto punto zero, dove trovano la pace tutte le parti opposte della vita in dualità – dolore è piacere, sporco è purezza sacra, la rabbia è amore, la paura è onore e responsabilità.
Equinozio di primavera del 20 marzo 2016 alle 5:35 è proprio questo punto zero perfetto che segna il momento del passaggio tra la morte è la vita.
E’ quel momento di ultima spinta in cui pensi che non hai più forze e che ti sembra di morire perchè non c’è più aria nei tuoi polmoni e quando pensi che tutte le tue forze si sono esaurite, ti sembra di morire.

E’ quel momento quando nella morte trovi la fonte della vita sovraumana, un attimo prima che il tuo urlo creativo si fonderà con il primo pianto del essere che stai partorendo.
Con questo equinozio tu stai partorendo te stesso.
Nuovo te sta abbandonando l’utero che lo proteggeva e nutriva durante la gestazione ma non riesce ancora inspirare l’aria dal mondo nuovo in cui incomincerà a vivere.

E’ il momento in cui tu e te nuovo condividete questa esperienza di morte e rinascita, quando sperimentate la propria multidimensionalità.

Nulla e nessuno muore, con questo parto tu stai moltiplicando te stesso come un albero che sta creando un nuovo ramo.
Questo equinozio segna il momento tra il parto è la nascita.
Segna il momento tra il parto e il primo grido.
Segna il momento tra il silenzio e uno nuovo big bang.
E questo nuovo big bang che crea i multiversi nuovi è benedetto da tutte le nostre esistenze multidimensionali.
Per realizzare questo momento siamo arrivati qui.
Questo momento è il nostro scopo di vita.
Siamo qui per creare noi stessi nuovi e con questo atto creare un completamente nuovo modo di esistere.
Durante questo parto noi stiamo partorendo un essere con le ali di fuoco.
L’ariete è il fuoco che nasce dal acqua (pesci).

Questo parto è segnato nel cielo con un GRANDE TRIANGOLO DI FUOCO che connette l’ariete il leone e il sagittario.

 

 

20 marzo 2016 le ali

 

Questo triangolo ci riporta al  28 settembre 2015 – Eclissi Totale di Superluna – un Eclissi Karmica – un invito al “Matrimonio del Agnello”

e al  “UN TRIANGOLO A CUI SONO ATTACCATE DELLE ALI”

Vi raccomando di rileggere questi articoli di 6 mesi fa per poter comprendere lo sviluppo interiore che si sta svolgendo adesso e verso dove siamo guidati di andare. Tutto è interconnesso, nulla è separato.
Se ritorniate lo sguardo verso il grafico astrale, potete notare che insieme al Grande Triangolo di Fuoco, sono presenti ancora 2 triangoli.
Tutti 3 triangoli (3×3=9  Anno 2016 – anno della prova del 9
 ) hanno reciprocamente certi punti in comune e certi sono ancora separati. Sono i punti su cui dobbiamo ancora lavorare dentro di se “per unire tutti i puntini”
In ogni caso Durante questo Equinozio di Parto il Sole (maschile) entra nel 1° grado di Ariete (governato da Marte – maschile) per permettere a

UNA DONNA EMERGE DALL’OCEANO. UNA FOCA L’ABBRACCIA – simbolo sabiano

Emergere di forme nuove e della coscienza individuale; ma il passato collettivo detiene ancora una grande forza. Regressione ancora possibile.
Parole chiave:
Cicli di avviamento. Inizi. Emersione nella manifestazione concreta. Abbracciando e onorare l’ombra. Riconoscendo il nostro lato animale. Isole tropicali o campi. Coste rocciose. Oceani e acqua. Trasmutazione. Messa a terra la propria energia. Facendo un passo tra il mare e la riva. Androginia. L’amore e il sua abbraccio. Trovare i piedi e la voce. Sirene.

Trovo molto interessante sincronicità nel simbolo di questo grado del ariete. La parola foca in lingua inglese è seal e si può tradurre anche come IL SIGILLO.

Vi ricordate del  “9 marzo 2016 – Eclissi di Sole ci manda un potente messaggio da Jakarta – Sigillo di Salomone creato dal cuore”

E in fronte, al 1°grado della Bilancia ,
NELLA VETRINA DI UN MUSEO UNA BELLISSIMA FARFALLA, IL CORPO TRAFITTO DA UN AGO

La rivelazione della forma archetipica perfetta di un essere trasformato dal sacrificio dell’immanente. L’Iniziazione.
Questo Simbolo implica che qualcosa di vitale e bello è “conservato” in modo che il passare del tempo non può invecchiarlo, portarlo a decadimento o distruggerlo. La Bellezza della forma o è stata congelata in un istante – negando il naturale processo di decadimento. E’ il simbolo di morte di un archetipo; una perfezione attraverso il sacrificio.

Ogni anno quando il Sole arriva al 1° grado di Ariete, quella donna ha l’opportunità di nascere e quella bellezza immortale può essere diventare realtà. Proprio in quel momento, il Sole (nostro ego, la nostra natura manifestata) è sfidata dal Centro Supergalattico che si trova in sua opposizione.

Il Centro Galattico è il centro della Via Lattea. Il nostro sistema solare (insieme ad ogni altro sistema solare nella Via Lattea) batte 240 milioni di anni a spirale intorno al centro della Galassia, che ha al suo cuore un massiccio buco nero.

Il Centro Galattico è come una faro che emana energie a raggi infrarossi che hanno due funzioni principali sulla nostra consapevolezza.

In primo luogo, apre la mente subconscia. Questa apertura ci chiede di liberare e dimenticare un trauma emotivo. 

La Terra gira intorno al Sole ogni 365 giorni. Il Sole ruota attorno al centro della Galassia ogni 240 milioni di anni o giù di lì. La Via Lattea ruota attorno al Centro Super Galattico Super in un ciclo di durata di incomprensibile.

Centro Super Galattico

Il Centro Super Galattico è un super massiccio buco nero, in una posizione fissa. Ha la massa di 30 miliardi di Soli, ma il 90% di esso è di massa è ancora nascosto alla nostra vista. All’interno è enorme influenza orbitale sono 30 galassie e 3 miliardi di stelle. Diciamo solo che è abbastanza grande.

L’energia principale del Centro Super Galattico riguarda le relazioni di anima gemelle, con la monogamia seriale.

E’ la Porta dell’Amore, un cancello aperto per la connessione con la nostra fame di sperimentare la vita in rapporto, sia con la propria fisicità (con se stessi) o con gli altri. È cancello di partecipazione attiva alla vita vigorosa, duro lavoro e l’allineamento con la nostra personale versione di calore e di luce.

Si tratta di una porta di serendipity, dove ci arrendiamo alle nostre esperienze di vita e come conseguenza ci troviamo siamo sempre nel posto giusto al momento giusto.

E ‘tempo di riconvertire se stessi per le proprie radici e la fonte della vostra forza. Reggere le vostre ambizioni attuali per loro ancoraggio al passato. O se non si vede alcuna prospettiva di successo immediato, questo in ultima analisi, significa buona fortuna.

Quando la nostra anima è intatta, e ancorata nel nostro corpo fisico, ci relazioniamo con ogni persona sul nostro rapporto frattale.

Sulla superficie questo può apparire come le relazioni d’amore o di lavoro, ma qui ci sono forze più profonde al lavoro. Siamo inesorabilmente attratti da coloro con cui abbiamo i “contratti”, per completare il lavoro di questa corrente era di coscienza. Questo è un cambiamento dalla dualità cartesiana al unità Quantica, mentre allo stesso tempo manteniamo intatto il sé individuale dell’anima.

La natura della realtà quantistica si basa sulle relazioni.

Attivazioni allineati con il Centro Super Galattico aprono DNA e livelli di coscienza umana che sono stati storditi dal pensiero lineare e dall’idea che ognuno di noi è una entità separata, da solo in un mondo indifferente.

Il simbolo Sabiano per il Centro Super Galattico è:

La luce della sesta razza trasmutata in settima.

Questo si allinea con la descrizione di Richard Rudd del gene chiave 22e l’apertura del settimo sigillo quando l’Essenza Divina può finalmente unirsi con il piano materiale.

A livello collettivo, questa è la venuta di un’epoca umana finale e il ritorno della razza umana al suo stato edenico originale.

Ripeto:
Ogni anno abbiamo questa possibilità

Forse per questa ragione, tutte le tradizioni e culture stano festeggiando il primo giorno di primavera. Forse per questa ragione sentiamo quella dolce agitazione in questo periodo del anno.
Abbiamo possibilità di trasformarci.

La porta sono aperta.
Ma.
.. Questa volta oltrepasserai quella porta o…

ti sentirai di nuovo frenato dai timori e modelli di vita vecchia e ricadrai nelle precedenti condizioni insoddisfacenti, trascinando anche gli altri indietro (altri sono noi)?

La paura dell’ignoto ti immobilizzerà?

Ritornerai ad essere solo un altro “pesce nel mare”?

O finalmente toccherai il suolo solido di una nuova Terra e non solo questo…volerai fino a un cielo nuovo, perchè questa volta, a parte le gambe, a parte la voce ci sono offerte anche le ali di fuoco.
Queste ali sono quello che distingue questo Equinozio di primavera 2016 da tutti gli altri.

IL VIAGGIO CONTINUA

INTEGRANDO LA LUCE ED OSCURITA’;

INTEGRANDO MASCHILE ED FEMMINILE;

INTEGRANDO TUTTI GLI “IO” ESISTENTI.
A presto
Tanja

equinozio

Numerologia, astrologia, tarocchi ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente 15 marzo 2016 - abbiamo preso la nostra Grande Croce Mutabile - Vuoi o non vuoi cavalcare il Pegaso con la Stella di Merkaba? Successivo Cuore e le Palme

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.