Luna Piena Natalizia – nascita di un bambino nuovo in una famiglia nuova

 

Luna piena per Natale

 

Buon Natale.

Buona nascita.

Giorno di felicità, di gioia, di riunioni familiari che vogliono vedere il nuovo arrivato.

Così ci hanno insegnato.
Ci hanno insegnato anche che, magari in quella occasione, dobbiamo fare pace tra noi, perchè tutti stiamo facendo parte di stessa famiglia e dobbiamo sopportarci e difenderci reciprocamente.

Desideriamo la pace in famiglia per poter anche mangiare in santa pace quel enorme quantità di cibo che si è preparata.
Giorno di Natale è un giorno quando tutti dobbiamo essere buoni con gli altri e regalare qualcosa materiale a tutti come segno che lì vogliamo bene.

Giorno di Natale è diventata una grande festa collettiva dettata dalle regole sociali e se non rispettiamo quelle regole siamo guardati come pecore nere della famiglia.

Ma chi è nostra famiglia?
Chi sono persone che davvero sentiamo come la famiglia?
Chi sono persone che davvero vogliamo intorno a noi durante un evento così sacro di una nuova nascita?
Nel mondo cristiano si festeggia nascita di Cristo bambino, esponendo nuovo nascituro accanto la sua figura morta sulla croce.
Quel piccolo bambino ha sacrificato la sua vita per noi, per liberare noi dal peccato originale.
Oh che senso di colpa.

Grande famiglia unita intorno a un nascituro e tutti sono buoni perchè si sentono in colpa.
Giorno di Natale è tutto ma sicuramente non è un giorno di pace interiore se concepito, recepito e rispettato in quel modo.
Se mondo esteriore è riflesso di quello interiore, senza pace interiore in ognuno di noi potrebbe esserci la pace nel mondo esterno?
Oh si, possiamo recitare e far finta, ma che cosa succede con la nostra autenticità?

Chi ha detto che giorno di Natale deve essere un giorno di pace?
Chi lo ha deciso?
Lasciando da parte le discussioni se Gesù era nato il 25 dicembre o no, rimane un fatto certo registrato nel nostro subconscio collettivo, che ci fa sentire che questo periodo del anno è davvero importante per noi. Quel subconscio ricordo trova la sua chiarezza e conferma attraverso le tradizioni legare a questo periodo di anno attraverso di storia.
E’ una cosa che doveva essere salvata dalla dimenticanza per poter osservare il cambiamento della nostra consapevolezza attraverso percezione di stesso evento di nuovo e di nuovo e di nuovo attraverso i millenni.

Io posso parlare solo di mia percezione e di mio cambio di comprensione.

Perchè io vedo quello che cosa sono io.

E si, si tratta di periodo di grande riunione famigliare DENTRO DI NOI.

Luna Piena che si manifesta alle 11:11 del tempo universale (12:11 ora italiana) nel giorno di Natale si svolge nel giorno che porta energie del numero 9 come prodotto o causa del 18.

25/12/2015 =7+3+8=18=9
Nei tarocchi LA LUNA è carta che porta numero 18.

luna (1)

La Luna è uno dei simboli più antichi dell’umanità, rappresenta l’archetipo femminile materno per eccellenza, la Madre cosmica. La sua qualità fondamentale è la ricettività: la luna, pianeta satellite, riflette la luce del sole. Ci troviamo nel cuore della notte: il mondo dei sogni, dell’immaginario e dell’inconscio.
simboleggia il mistero dell’anima, il processo segreto della gestazione, tutto quello che è nascosto.
La luce incerta della Luna toglie precisione alle figure e confonde le sagome: nel chiarore dell’astro notturno si possono vedere cose inesistenti e d’altra parte non vedere ciò che realmente esiste. Alla luce della Luna è facile fare errori di prospettiva, ingrandire cose piccole o minimizzare le grandi: anzi, nel dubbio in cui ci si dibatte, si ha sempre paura di ingannarsi e/o di essere ingannati. Dobbiamo ricordare che la Luna non irradia luce propria, ma raccoglie e riflette quella del sole così come la mente, l’intelletto, non ha virtù attiva ma solo riflessiva: raccoglie e riflette la luce del cuore e la irraggia fuori per illuminare il cammino.
Il volto della Luna non è quello di una giovinetta, ma è impregnato di una saggezza antica che si irradia nei raggi arancione. I raggi rossi che si alternano con quelli arancioni indicano una grande capacità vita