Crea sito

Vivere e manifestare QUI ed ORA in QUESTO MONDO

722d9b69a64cd186099e1192c2d479a9

 

Ho iniziato a scrivere la risposta a Renzo, che ha commentato il mio articolo http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=14482

e scrivendola, piano, piano, è nato questo articolo.

Renzo, spero che non ti darà fastidio perchè ti rispondo in questo modo.

Renzo, comprendo pienamente quando dici:

“A volte mi viene un rifiuto spontaneo verso cose e situazioni materiali che sento ormai di nessun vero valore e mi infastidisce terribilmente dover affrontare un dialogo tipico di 3D, che mi sembra sprofondare in un abisso.”

Ho passato anch’io un periodo di questo tipo di “smarrimento” tra 2 mondi che non riuscivo a conciliare.

La mia parte spirituale mi portava in quel “posto” meraviglioso, dove mi sentivo a casa e senza peso, dove sono illimitata in qualsiasi senso della parola.

La mia parte terrena, materiale era pesantissima, di piombo, così limitata e in certi momenti la proprio odiavo davvero.

Desideravo tanto abbandonare questo piano di esistenza e stare solo in quel mondo che sentivo casa.

E in quelli attimi di un stato, che psicoterapeuti potrebbero chiamare la depressione profonda, in una notte senza sonno, mi sono ricordata chi sono e perchè sono ancora qui.

Se sono qui, mio compito non è finito ancora.

Sono qui per servire.

Per servire il mio scopo, la mia missione, il mio compito.

Non sono qui per seguire i piaceri del mio ego.

Ma per alzare la mia vibrazione anche il mio ego doveva sentirsi contento.

La mia parte fisica, quella pesante, doveva essere felice per riuscire a eseguire il mio vero “dovere”.

In quella fase ho dedicato tutta la mia attenzione al mio ego.

Volevo conoscerlo in ogni sua minima parte.

In un senso come se sono diventata una donna innamorata che voleva conoscere tutto del suo amante per farlo felice.

Che cosa è che fa ego felice?

Perchè lo fa felice proprio questa cosa?

Da dove viene questa convinzione che proprio questa cosa lo fa felice.

In questa fase ho sperimentato chiaramente 2 parti di me.

Ero io quella che intervistava me stessa che manifestava il MIO ego.

Strano, ma quel povero EGO che è sotto accusa di tutti,

E’ IL PONTE CHE STA CONNETTENDO DIVERSE PARTI DI ME.

EGO E’ MIA PARTE MANIFESTATA

o QUELLA PARTE DAVANTI ALLO PUBBLICO,

CHE SI PRESENTA NEL ADESSO ED ORA,

E’ UNICA PARTE DI ME CHE DEVE E PUO’ ESEGUIRE LA MIA MISSIONE.

Non posso descrivere abbastanza, quanto era scioccante questa scoperta per me.

Quanto ridevo scoprendo la furbizia del nostro piano originale.

Non so se riesco ad esprimermi in modo comprensibile a tutti.

Invece di comportarmi come se ego è il mio nemico, dovevo prima conoscerlo molto bene e conoscendolo comprendere che senza di lui la mia missione non potrà essere eseguita.

Quando assolutamente conosci il tuo ego e sai in che modo funziona puoi anche “educarlo”, “manipolarlo”, “insegnarlo”.
Dovevo insegnare il mio ego che il suo piacere più grande, che la sua felicità più grande è seguire la strada del cuore, la strada del sentire dal profondo.

Così mio ego è diventato l’alleato del mio progetto di vita, della mia missione.

Ho fatto pace con mio ego e il mio ego ha fatto pace con me.

Stiamo seguendo la stessa strada e la stiamo cambiando insieme quando è necessario.

Chi scrive queste parole, io o mio ego?

Mio ego sta premendo le lettere sulla tastiera attraverso il mio corpo fisico in un mondo fisico, ma è guidato da me multidimensionale cosciente.

Sono certa che su questo pianeta in questo momento stano funzionando tantissimi ego che funzionano in questo modo.

Sono esseri multidimensionali che agiscono in un mondo materiale cambiando il suo funzionamento, la sua organizzazione sociale, politica, economica, ed spirituale.

Allora ritorniamo a sfera materiale che sembrava cosi in distonia con la nostra vera natura.

Io personalmente desidero un mondo dove tutti incarnati potranno esprimere la loro creatività senza limiti creati dal avere o non avere un bene materiale.

Vedo come tutti noi stiamo ritornando alle nostre vere capacità illimitate dove manipolando la vibrazione energetica possiamo creare tutto di che cosa abbiamo bisogno nel mondo materiale.

Umanamente mi sono fatta una domanda.

Sapiamo che ognuno di noi ha il proprio ritmo con cui ritorna al proprio vero essere.

Immagina un mondo dove circa 1% di popolazione (massa critica) arriva allo stato di capacità di materializzare tutto (proprio tutto).

Io vedo queste possibilità.

  1. Quelli che sono arrivati per primi iniziano a manifestare i beni materiali per tutti e in quel modo si risolve la povertà nel mondo e altri problemi. In quel caso quelli 99% sarebbero interessati a sviluppare le proprie capacità o tutti felici e contenti diventerebbero i consumatori delle cose regalate? Dove sarebbe loro stimolo umano per diventare indipendenti?

  2. Quelli che sono arrivati per primi iniziano a manifestare i beni materiali ma li tengono tutti solo per sé ma iniziano ad insegnare ed aiutare agli altri ad riconquistare le loro capacità.

  3. Quelli che sono arrivati per primi iniziano a manifestare i beni materiali ma li tengono per sé costringendo gli altri di comprarli da loro e creando la mancanza (di nuovo) per poter guadagnare di più e in quel modo governare il mondo (di nuovo).

  4. Quelli che sono arrivati per primi iniziano a manifestare e tutti insieme manifestano un mondo tutto loro in cui non possono entrare quelli che non hanno raggiunto quel grado, lasciandoli che scoprono tutto da soli.

Sono certa che esistono anche altri possibili scenari in quelle infinite possibilità del mondo quantico, ma io per adesso non le vedo.

Vedo queste 4 linee temporali.

Noi tutti abbiamo libero arbitrio che sarò rispettato allineandoci con una di queste 4 realtà.

Chi sceglierà una di queste 4 realtà?

La risposta è semplice – Sceglierà l’ego di tutti noi.

Lui è unico che ha la possibilità di farlo attraverso il modo in cui agisce.

Le posizioni astrologiche del momento ci “costringono” ad agire in modo autentico.

Il Saturno, il signore del Karma è infatti quello che osserva per quale realtà è adatto il nostro ego.

Perchè ego è la nostra forma manifestata e lui è padrone di manifestazione.

Lui si trova dentro di noi tutti.

Non possiamo ingannarlo.

Eventi e fatti descritti in questo articolo, e la loro interpretazione, sono quelli che io vedo nella mia realtà.

Vedo i cambiamenti radicali delle fondamenta di quello che noi chiamiamo la società umana.
Il nostro atteggiamento verso di essi sarà manifestato in modo autentico da ognuno di noi da parte dei nostri ego.

Ma dobbiamo sempre essere consapevoli che questi cambiamenti sono solo proiezione dalla nostra mente collettiva – che non stiamo subendo questi cambiamenti ma li stiamo creando.

La manifestazione è ancora abbastanza annebbiata perchè non è ancora completamente consapevole.

Ci sono ancora condizionamenti subconsci che dobbiamo risolvere.

Come seguire il proprio scopo della vita durante questo periodo di cambiamenti?
Solo agendo in modo autentico seguendo il proprio sentire, buttando tutte le maschere che ci siamo messi in modo consapevole.

Noi dobbiamo vivere e manifestare qui ed adesso in questo mondo seguendo le nostre connessioni multidimensionali.

Tutto quello che ho scritto qui è solo mia personale oppinione e visione momentanea, non è verità assoluta.

In fine vorrei ringraziare a Renzo, che ha ispirato questa riflessione.

Nulla succede per caso 😀 .

Abbiamo maestri e messaggeri sempre ed ovunque intorno a noi.

Grazie Renzo!

Pubblicato da Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

3 Risposte a “Vivere e manifestare QUI ed ORA in QUESTO MONDO”

  1. Tantissime Grazie a Tè Cara Tanja.
    Nella mia attuale vita, sei il secondo Essere al quale mi rivolgo in totale fiducia senza timore del rimprovero e giudizio, difatto (Renzo, spero che non ti darà fastidio perchè ti rispondo in questo modo), nessun fastidio perché lo hai fatto in modo molto discreto raccontando la Tua esperienza e senza giudizio alcuno e consentimi prego, questo è atteggiamento di soli Esseri elevati, cioè in Amore.
    Quanto alla mia visione di cosa vorrei o dovrei fare, mi riconsco nel primo esempio ma non in toto e cioè, manifestare sì, ma solo a scopo risveglio, educativo e per fare ciò occorre diventare veramente centrati ai massimi livelli; un pò come faccio con gli interventi sul meteo es: se pensassi ad un tornaconto di qualsiasi tipo, anche solo apprezzamento che ho sempre fortemente cercato, mi troverei prima o poi a fermarmi pensando:” ma per chi lo faccio?”, no, semplicemente ne va di mezzo la mia crescita, lo faccio per Compassione perché solo così raggiungerò il mio scòpo di rientrare in mè stesso, quando cioè non avrò più alcuna aspettativa ma mi sentirò soddisfatto di essere mè stesso, condividendo in semplicità, come appunto fai Tù.
    Grazie ancora.
    Un abbraccio per Tutte/i.
    Renzo

  2. E’ questo che si richiede all’Uomo, che giovi agli altri Uomini.Se e’ possibile a molti,se no,a pochi;
    Se anche questo non puó avvenire,giovi a chi gli e’ piú vicino,se non e’ possibile a Se stesso.
    Perche’ quando ci si rende Utile agli altri, si svolge un Servizio Pubblico.

    De Otio Seneca

  3. Un grazie anche per Nicola, concordo pienamente.
    Ho riletto con calma, consapevole che questo è il mio principale dilemma del momento attorno al quale girano altri e trasformando questo vengono a cadere altri minori.
    La stessa risposta elaborata Di Tanja me lo conferma e merita approfondimento, sarà il mio impegno maggiore di questi prossimi giorni e poi ancora.
    La conferma che è giusto così, mi arriva guardando la in alto, che per quanto si affannino a “strisciare”, è sufficiente un momento di centratura tipo estatico, felice, grato come già fosse, senza alcuna titubanza, che in pochissimo tempo le striscie in alto diventano inutili e se ne vanno, compresi gli eventuali risultati successivi e si riarmonizza.
    Rileggerò ancora ed ancora, finchè sentirò che si è “messo in moto”.
    A Tutte/i un caro saluto.
    Renzo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.