Dopo 50 anni di caccia, la scienza trova pentaquark

pentaquark

Una delle ipotesi sulla struttura del pentaquark (fonte: Cern)

Inseguite da almeno mezzo secolo, sono state osservate per la prima volta le prime particelle formate da cinque quark, ossia da cinque dei ‘mattoni’ della materia. Chiamate ”pentaquark”, le particelle sono descritte sul sito open access arXiv.org e l’articolo è stato presentato alla rivista Physical Review Letters.
Il risultato è stato ottenuto al Cern di Ginevra grazie all’acceleratore più grande del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc), dall’esperimento Lbcb, nel quale l’Italia gioca un ruolo importante con l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn).

La scoperta, che si deve al gruppo diTomasz Skwarnicki, dell’americana Syracuse University, permette ora di conoscere meglio la struttura della materia, in particolare la forza (chiamata ‘forza forte’) che tiene unite le particelle nel nucleo degli atomi. ”Speriamo di trovare, nei pentaquark, quella ‘pistola fumante’ che convinca anche gli scettici dell’esistenza di una nuova serie di particelle subnucleari, che ci daranno informazioni cruciali sulle, ancora misteriose, interazioni forti”, ha osservato il fisico Luciano Maiani, pioniere dello studio dei quark.

Il pentaquark ”non è soltanto una nuova particella”, ha spiegato Alessandro Cardini, responsabile dell’esperimento Lhcb per l’Infn. E’ infatti un nuovo modo in cui i quark ”possono combinarsi tra loro, in uno schema mai osservato prima in oltre 50 anni di ricerche”. Avere visto queste particelle, ha aggiunto, permette ora di saperne di più ”sui componenti della materia di cui siamo fatti noi e tutto ciò che ci circonda”.

La comprensione della struttura della materia è stata rivoluzionata nel 1964, quando il fisico americano Murray Gell-Mann ha proposto la teoria sulla struttura della materia secondo cui le particelle che formano il nucleo dell’atomo (protoni e neutroni) sono composte da tre quark, mentre un’altra categoria di particelle, i mesoni, sono fatti di coppie quark-antiquark. Questo stesso modello della materia, premiato con il Nobel nel 1969, ammette l’esistenza di particelle composte da più quark, come il pentaquark. Vederne una, però, è stato possibile solo adesso.

http://www5.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/fisica/2015/07/14/catturata-nuova-particella-e-fatta-di-5-quark_e944e90f-d8e4-48c6-8bf5-fe88673f1685.html?idPhoto=2

SCIENZA

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Ci sono sempre più prove che l’universo sia un ologramma gigante Successivo ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. UN'INTERPRETAZIONE ESOTERICA

Un commento su “Dopo 50 anni di caccia, la scienza trova pentaquark

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.