TU SEI UN OPERATORE DI LUCE – nuova scoperta scientifica

19716898_uomo_cosmico

1 In principio Dio creò il cielo e la terra. 

2 La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.
3 Dio disse: «Sia la luce!». E la luce fu. 

4 Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre 

5 e chiamò la luce giorno e le tenebre notte. E fu sera e fu mattina: primo giorno.

 

La creazione della Terra è iniziata con la separazione della luce dalle tenebre.

Dio vide che la luce era cosa buona” – significa che tenebre non erano buone.

La creazione della Terra è iniziata con la separazione tra il buono e “non buono”.

Ma se luce era buona perché Dio non ha trasformato tutto nella luce ma ha lasciato che esistono le tenebre?

Forse perché ha affidato alle creature Terrestri di finire la sua creazione e che loro trasformano le tenebre portando dentro di esse la luce?

Ho iniziato questo articolo con la citazione di un libro che per tantissimo tempo moltissime persone credevano un libro sacro.

La prima parte della Bibbia, il Vecchio testamento descrive eventi cominciando da circa 2 000 anni AC e in esso e descritto un Dio autoritario, giudicante, punitivo. Ma dentro di esso è annunciato il cambiamento.
Quel cambiamento è arrivato con la nascita di Gesù Cristo, quando Dio al improvviso cambia la sua natura diventando il padre pieno di amore, che consiglia a non giudicare, a perdonare e invece occhio per occhio sta offrendo altra guancia. Tutto questo è descritto nella seconda parte della Bibbia, nel Nuovo testamento. Ma anche in quel Nuovo testamento, Dio sta annunciando che arriveranno altri cambiamenti.
Ecco 2000 anni dopo eventi descritti nel Nuovo testamento quel cambiamento è arrivato.

Nei primi 2 anni era in piena funzione il pensiero stimolato dal cervello rettiliano (sopravvivenza, forza). Nei prossimi 2 000 anni Dio ci mandava il messaggio che dobbiamo trascendere quel cervello rettiliano e che le nostre azioni devono essere stimolate con lo spirito di sacrificio per gli altri anche con il prezzo della propria vita. (Sacrificio significa la rinuncia di qualcosa di cui teniamo tanto)

Annullare se stessi per gli altri.

E adesso Dio ci dice in modo molto chiaro Ama te stesso e solo in quel modo, solo essendo quello che cosa sei potrai aiutare gli altri.

Eravamo le tenebre create in un modo artificiale ed adesso dobbiamo ritornare di essere quello che cosa siamo davvero – la luce- e dobbiamo farlo in un modo consapevole.

In tutto questo io personalmente vedo un grande disegno e le fasi del suo svolgimento.

Vedo un evoluzione pianificata per intero pianeta e oltre.

Vi siete mai chiesti perché, da tantissimo tempo, si usa il temine “Operatori di Luce” per quelli che si stano attivando intorno al risveglio planetario?

Per me la risposta è semplice e logica.

Si usa quel temine perché Il corpo umano emette biofotoni, comunica con essi, ed è composto da Luce .

Significa che non si parla di nessun misticismo, di filosofia, di metafisica.

Noi siamo fatti di luce, davvero.

Noi siamo la luce.

Tutti quanti, senza eccezioni.

Tutti quanti stiamo emettendo la nostra luce.

Lo stiamo facendo o in modo inconsapevole o in modo consapevole.

Significa che tutti quanti noi siamo operatori di luce.

“Dio dorme in pietra, respira nelle piante, negli animali sogna, e si risveglia nell’uomo.”

Proverbio -Hindu.

Come con arrivo delle leggi dettate dal Nuovo testamento non sono spariti in automatico quelli che ancora credevano che le leggi del Vecchio testamento erano giuste e che le nuove leggi sono un eresia, in stesso modo,con la revisione delle leggi del Nuovo testamento, non sono spariti, in modo automatico, quelli che credono in sacrificio e quelli che credono in occhio per occhio.

Loro hanno rifiutato la crescita ed hanno deciso di rimanere fermi sui loro passi.

Libero arbitrio è rispettato.

E come nel passato, la loro esistenza non sta impedendo la nascita di quelli che hanno deciso di andare avanti con la evoluzione.

E tutte queste categorie che sembrano divise, a prima vista, sono operatori di luce.

Stano emanando la propria luce.

Se esistono, lo stano facendo, non possono evitarlo.

Ma non tutte le luci sono uguali.

Le luci si distinguono in base di frequenza in cui sta vibrando l’energia.

E la propria luce si può cambiare, si può modificare…se si desidera.

Ma la volontà di cambiare propria luce deve essere espressa con i pensieri,parole e azioni.

Non succede in modo automatico se non esiste la volontà propria (libero arbitrio).

Ma anche se esiste la volontà il cambiamento della propria luce deve essere attivo.

Come ogni talento e solo la possibilità di sviluppare certa capacità e senza un impegno quel talento rimane solo al livello di possibilità e non si manifesta.

Stessa regola vale anche per la volontà di cambiare la propria luce.

Tutti abbiamo possibilità di farlo, tutti abbiamo quel talento.

Solo attivo approccio in confronti di quel talento ci porterà dalla possibilità, attraverso la probabilità verso la manifestazione di quella capacità.

In che modo possiamo farlo arriva dalla sapienza.

E la sapienza può arrivare da varie fonti.

Ci può succedere che al improvviso sapiamo certe cose e rimaniamo sorpresi con se stessi perché non possiamo capire da dove viene questo sapere. Ma siamo sicuri che quello che cosa sapiamo è giusto.
E’ giusto per noi.

In quel preciso attimo abbiamo questa certezza.

Ma…. sotto influenza del vecchio modo di pensare cominciano i dubbi.

Come non possiamo identificare nessuna autorità da cui proviene quello che cosa sapiamo, insicuri nel nostro sentire, decidiamo di rinunciare a questo sapere.

E cominciamo a cercare fuori di noi le informazioni di cui abbiamo bisogno.

Ma succede una cosa strana.

Tutte le informazioni che troviamo iniziano ad confermare quello che sapevamo dal inizio.

Perché succede tutto questo?

Psicologia ha provato dare la spiegazione a questo fenomeno attraverso spiegazioni delle aspettative o attraverso la nostra programmazione percettiva.

Fisica o meglio dire Fisica quantistica ci dice che la realtà che vediamo cambia sotto influenza del atto di osservazione e ci sta spiegando la natura olografica e relativa della realtà.
La realtà oggettiva non esiste.

La realtà che viviamo è individuale.

Ma di questo si è parlato già tantissimo.
Era solo un esempio che mi porta al punto e centro di questo articolo.

Ritorniamo alla citazione dalla Genesi dal inizio di questo articolo.
Prima che Dio ha creato la Luce e la separata dalla tenebre…

“ La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.”

LO SPIRITO DI DIO ALEGGIAVA SULLE ACQUE

Dove si trova spirito di Dio?

LO SPIRITO DI DIO ALEGGIAVA SULLE ACQUE

No non ho sbagliato nella scrittura.

Ho scritto in modo intenzionale stessa frase 3 volte perché credo che è importante per riuscire a comprendere la nostra vera natura e il modo in cui sta funzionando il nostro corpo che è il tempio, portatore dello spirito di Dio.

E’ estremamente importante ( io lo sento così).

Tutto il segreto del esistenza è lì nelle acque in genere e nelle acque del nostro corpo.

E’ lì dove si trovano tutte le risposte.

E’ Li dove dobbiamo cercare.

Guidata dal intuizione, 22 gennaio 2015, ho scritto e pubblicato articolo NUOVO ESSERE UMANO CRISTALLINO – demistificazione

Non desiderando a ripetermi vi invito a leggerlo.

Solo 1 giorno più tardi mi è arrivata una notizia importantissima..

Questa notizia mi è arrivata dalle fonti esteriori a me, in un modo scritti (materiale, concreto).

Quello che cosa mi ha fatto vivere un vero terremoto interiore era il fatto che questa notizia è pubblicata quasi in stesso momento quando io pubblicavo il mio articolo.

Structured-light_crop

 

Gli scienziati hanno da tempo notato che la velocità della luce può essere rallentato leggermente mentre viaggia attraverso materiali come acqua o vetro.

Tuttavia, è generalmente ritenuto impossibile per particelle di luce, detti fotoni, essere rallentati mentre viaggiano attraverso lo spazio libero (vuoto), senza impedimenti per interazioni con qualsiasi materiale.

In un nuovo articolo pubblicato su http://www.sciencemag.org/content/early/2015/01/21/science.aaa3035 ( 22 gennaio), i ricercatori dell’Università di Glasgow e di Heriot-Watt University descrivono come sono riusciti a rallentare i fotoni nello spazio libero per la prima volta. 

Essi hanno dimostrato che con l’applicazione di una maschera per un fascio ottico per dare a fotoni una struttura spaziale può ridurre la loro velocità.

Con la costruzione di un dispositivo a cristalli liquidi a modificare la forma dei singoli fotoni, i fisici hanno lavorato a livello quantistico.

Non solo sono riusciti a rallentare la luce utilizzando questa speciale ‘maschera’ a cristalli liquidi, ma sono riusciti anche a mantenere rallentamento dei fotoni anche dopo che il dispositivo era rimosso.

Perché mi sembra molto importante questa notizia?

Nonostante si parli di tempi brevissimi, la possibilità di ridurre la velocità della luce trova un’importante applicazione nell’informatica quantistica.

Uno dei suoi problemi principali è l’immagazzinamento delle informazioni: infatti a causa del Principio di Indeterminazione di Heisenberg non è possibile effettuare misurazioni sulle informazioni conservate, perché altrimenti avverrebbe un cambiamento dello stato del sistema che renderebbe inevitabilmente vana la misurazione effettuata e, ovviamente, altererebbe l’informazione.

Da un lato questa caratteristica ha degli aspetti positivi: ad esempio la possibilità di leggere un’informazione solo una volta è estremamente utile nel campo della sicurezza.

D’altro canto è evidentemente problematico operare con grandezze di cui è difficile comprendere l’entità senza alterarle.

La luce è uno dei mezzi più utilizzati per trasportare informazioni quantistiche, sicché rallentarla porterebbe notevoli benefici a un computer quantistico.

E ricordiamoci che Il DNA umano è un “Internet biologico” (WEB), superiore, sotto molti aspetti, a quello artificiale

Mezzo attraverso cui sono riusciti a rallentare la luce erano i cristalli liquidi.

GUARDA FUORI PER VEDERE DENTRO!

Ogni essere vivente è fatto di luce e comunica attraverso la luce (fotoni).
Fotoni portano le informazioni.
Corpo di un essere umano e fatto di 70-80% di acqua.
Acqua è un cristallo liquido che ha potere di manipolare la velocità della luce (ha il potere di velocizzare o rallentare arrivo del informazione).

I cristalli hanno la loro memoria e sono programmabili. (vedi articolo nominato di sopra)
Ritorniamo adesso parlare di Operatori della Luce

Operatori di luce sono quelli che ricevono, emanano e manipolano flusso delle informazioni attraverso il programma del acqua (cristalli liquidi) nel loro corpo.

Dal programmazione della loro acqua dipende che informazioni riceverà dal “vuoto”, e che informazioni invierà nel circolo informazionale del “vuoto”.

Solo i cristalli (acqua) programmati in stesso modo possono interagire tra di loro in modo comunicativo.

Vi sembra conosciuto?

Quando parlavamo di comunicazioni al livello multidimensionale (quantico) dicevamo che ognuno di noi riceve le canalizzazioni dalle entità con la loro stessa vibrazione.

Parlavamo che nei rapporti tra le persone l’universo congiunge le persone con la nostra stessa vibrazione o con le persone di cui abbiamo bisogno o che portano una risposta che noi stiamo cercando.
Parlavamo che le informazioni sono dappertutto intorno e dentro di noi.

Parlavamo di collegarsi al registro akashiko dove possiamo recuperare tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno.
Si noi sapevamo queste cose, ma la fonte di informazione non era razionale.

Sapevamo perché sperimentavamo tutte queste cose.
Ma adesso la scienza ci ha portato un importante conferma “ufficiale” che quello che cosa sentivamo e che cosa sentiamo non è solo una fantasia ma è realtà fisica.

E’ misurabile e riproducibile nei sperimenti ripetuti.

Questa informazione può aiutare a tutti quelli che ancora dubitano in quello che cosa gli sta arrivando come informazione al livello intuitivo (dal interno).
Questa scoperta scientifica ci conferma che cambiando la nostra vibrazione ( programmazione dei cristalli liquidi) possiamo cambiare anche la qualità di informazioni che stiamo ricevendo.

Possiamo attingere alla onniscienza Divina perché LO SPIRITO DI DIO ALEGGIAVA SULLE ACQUE.

Con solo essere qui ed ora noi stiamo influenzando il multiverso, perché le nostre acque sono in continua connessione.

In che modo faremo questa influenza dipende solo da noi- da ognuno di noi.
Perché TUTTI NOI SIAMO OPERATORI DI LUCE!

Tutti quanti, senza eccezioni.

Tutti quanti stiamo emettendo la nostra luce.

La Luce porta le informazioni.

Lo stiamo facendo con un semplice fatto che esistiamo.

E lo stiamo facendo in un modo inconsapevole o in un modo consapevole.

In fine vorrei condividere un pensiero riguardo gli angeli.

In molte tradizioni religiose, un angelo è un essere spirituale che assiste e serve Dio (o gli dèi) o è al servizio dell’uomo lungo il percorso del suo progresso spirituale e della sua esistenza terrena.

Il termine “angelo” ha origine dal latino angelus, a sua volta derivato dal greco ἄγγελος (traslitterazione: ággelos; pronuncia: ánghelos), attestato nel dialetto miceneo nel XIV/XII secolo a.C. come akero, con il significato di inviatomessaggero; e, come messaggero degli Dei, il termine “angelo” appare per la prima volta nelle credenze religiose della Civiltà classica. 

http://it.wikipedia.org/wiki/Angelo

Angeli sono esseri di luce (fotoni) che portano informazioni da Dio (campo quantico).

Leggendo tutto quello sopra, arriva come una conclusione logica
TUTTI NOI SIAMO ANGELI.

“La gioia della vita consiste nell’esercizio delle proprie energie, continua crescita, di cambiamento costante, il godimento di ogni nuova esperienza. Per interrompere significa semplicemente da morire. L’errore eterna del genere umano è quello di creare un ideale raggiungibile. “

-Aleister Crowley

 

L’Organismo “a Cristalli Liquidi” dotato di Coerenza Quantistica L’evidenza che un organismo a “cristalli liquidi” sia dotato di coerenza quantistica è emersa circa 20 anni fa, ma sta raggiungendo solo ora la comunità scientifica “mainstream”.

La chiave per comprendere l’organizzazione dei viventi risiede nell’acqua dotata di coerenza quantistica che compone più del’80 % delle cellule e dei tessuti e che permette alle macchine molecolari quantistiche di lavorare quasi al 100% dell’efficienza.

Le scoperte scientifiche della fisica chimica e della biologia hanno confermato e approfondito da tempo questo quadro.

Acqua, ioni e macromolecole lavorano insieme ininterrottamente mediante una generazione di elettroni che aziona il motore della vita ed è responsabile dell’ossidoriduzione che rende la vita intensa ed eccitante. Celebriamo una nuova biologia quantistica che sta per arrivare.

http://www.leconnessioniinattese.com/2011/abstract/Abstract%20MAE%20WAN%20HO%202011.pdf

 

Vi consiglio dal profondo del mio cuore di vedere questa conferenza

 

unnamed

 

 

 

Riferimenti

http://rt.com/news/225879-light-speed-slow-photons/

http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/organismo-a-cristalli-liquidi-dotato-di-coerenza-quantistica.php

http://www.stukhtra.it/?p=5653

http://www.sciencedaily.com/releases/2015/01/150123144158.htm

http://www.bbc.com/news/uk-scotland-glasgow-west-30944584

http://www.lescienze.it/news/2003/07/18/news/luce_veloce_e_luce_lenta-587830/

 

 

 

 

Cambiamento, IO SONO......., SPIRITUALITA' , , , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Papa Francesco: Gesù era un alieno Successivo Eccitazione Quantica: aggiornamenti dettagliati sulle Energie

5 commenti su “TU SEI UN OPERATORE DI LUCE – nuova scoperta scientifica

  1. andrea il said:

    Interessantissimo argomento scientifico perche sono conclusioni alle quali sono arrivato anche io, a modo mio: leggo leggo e quello che intuitivamente sento mio…. A volte anche prima che mi arrivi agli occhi, qualcosa alla quale penso intensamente viene a me sotto forma scritta e spiegata in maniera migliore di come mi e arrivata nella mente…. Siamo tutti luce ma non operatori di luce…. Quello lo si sovente solo se lo si sceglie di esserlo( opinione personale). Ciao e grazie per i tuoi scritti che spesso mi si rilevano molto utili.

    • Tanja il said:

      Andrea, Operatore di luce siamo tutti perchè la luce riceviamo ed emettiamo (operiamo tutti), non si può fermare questo processo se esistiamo. Ma qualcuno lo fa in modo intenzionale, ricevendo le informazioni dal campo quantico ed emanandole durante le meditazioni o in un altro processo volontari e esistono altri che non lo fanno in modo intenzionale, lo stano in modo spontaneo.
      Vedere Operatori di luce come una categoria per se nel esistenza dove tutto è collegato per me significa ed somiglia ad un nuovo esclusivismo e non mi risuona. La natura stessa ci sta insegnando. Ogni fiore fiorisce al massimo della propria manifestazione e non si confronta mai con un altro fiore.
      Nei circoli dei “risvegliati”, quelli che pensano di essere risvegliati La luce si usa come qualcosa di bene ed oscurità come qualcosa di male. Siamo davvero risvegliati se ancora vediamo separazione in forma bene- male, luce- oscurità. Anche un animale è un operatore di luce, anche una pietra è un operatore di luce perchè sta ricevendo e sta emanando la luce (fotoni), ma non lo fa intenzionalmente. Significa che hanno un valore minore dal essere umano?
      Perchè non facciamo come la natura dove tutto semplicemente esiste e splende non preoccuparsi per darsi un nome per potersi distinguere.
      Esiste una differenza nel valore tra un essere umano qualsiasi e un elemento della natura qualsiasi?
      Io vedo unione di differenze che sta creando un immagine di bellezza e perfezione assoluta.
      Certamente anche queste parole sono solo mia opinione personale e non tendono di essere una verità assoluta. E’ solo mia verità individuale ed temporanea.

  2. andrea il said:

    Per me non è un esclusivismo è una maggiore presa di coscienza e conoscienza…. sono d’accordo che siamo tutti luce e partecipiamo al disegno divino…. chi la fa con coscenza acquisisce una conoscenza superiore e puo evolvere di piu, meglio e piu in fretta e melio piu aiutare li altri ad evolvere solo per questo che faccio una differenza… per me ogni singola molecola e cosa che accade nel creato è importante allo stesso modo.

  3. renzo il said:

    Un addio in forma scritta a Tutti gli Amici del blog.
    Circostanze vogliono che cambi “modo”.
    Non posso permettere che certuni possano portare a termine il loro disarmonici piani e per far ciò mi devo maggiormente centrare, lasciando ciò che consideravo mio impegno prioritario.
    Mi rincresce, ma devo farlo, a qualcuno farà piacere, ma ciò che conta è che faccia ciò che devo secondo mie peculiarità.
    Un caro saluto a Tutti con tanti auguri che ognuno possa ritrovare Sè stesso ed anche le proprie capacità che sembra oggi indispensabile.
    Renzo NuvolHarì

  4. andrea il said:

    Siamo Uno anche se divisi ci sosteniamo insieme con le nostre energie! Ciao Renzo

I commenti sono chiusi.