Siamo cresciuti – adesso siamo adolescenti

 

10686651_10203905365777743_1059693108761538462_n

Questo che succede dentro di noi, non è successo mai prima.

Non ci sono consigli universali dal esterno che possono guidarci, darci spiegazioni o aiutarci a confrontare le nuove sensazioni.

Ogni persona che scrive di grandi cambiamenti che stano succedendo lo sta facendo dal proprio punto di vista.

Parlavo con mia amica in questi 2 giorni e ridendo rispondevamo ad ogni nostra nuova domanda -tutto è dentro di te, risposta è dentro di te.

In quelle risate si sentiva odore di frustrazione perchè le risposte che arrivavano non erano quelle che aspettavamo.
Aspettavamo?

Ops, eccolo, uno dei punti – avevamo aspettative.

Abbiamo inconsciamente creato aspettative ed adesso queste aspettative non erano accontentate.

E come bambine viziate, battevamo con i piedi per terra gridando- Non è giusto! Non è giusto!

Rabbia, lacrime, risate , esplodevano insieme.

Ma che cosa ci sta succedendo?

Perchè ci sentiamo in questo modo?

Dopo anni e anni di studio e di duro lavoro su di sé stessi, dove ogni passo che facevamo sentivamo crescente beatitudine ed abbraccio protettivo di nostre guide. Al improvviso ci sentivamo sole e riempite con dolore, rabbia e tristezza che non aveva nessuna fonte fuori di noi. Non potevamo indicare i “colpevoli”.

Il colpevole era da qualche parte “dentro”.

Ma chi era?

Guardavamo dentro, ma non vedevamo nulla e nessuno.

Non vedevamo ma sentivamo.

Dopo di intensi flussi energetici che stano arrivando dal inizi di questo anno che hanno aperto i canali comunicativi multidimensionali e dopo gli aggiornamenti corporei che riguardavano il sistema nervoso centrale (creazione delle nuove sinapsi ), abbiamo sentito il nostro cambiamento in modo potente.

Aspettavamo” flusso di nuove informazioni dalle “sfere alte”.

E invece sentivamo arrivo di queste energie “basse”.

Perchè?

La risposta è arrivata… da dentro.

Siamo cresciute.

Non eravamo più bambine che erano solo coccolate da nostri livelli “superiori”.

Siamo diventate adolescenti.

E arrivato il tempo di cominciare gradualmente prendersi la parte dei compiti degli adulti.

Adesso noi dovevamo cominciare ad aiutare ai nostri livelli più bassi ( ai nostri bambini) di sentirsi coccolati.

Eh si multidimensionalità è anche questa.

Con la crescita arriva anche responsabilità.

Nella mente mi arrivano le parole di Gesù sulla croce quando gridava – O Padre, perchè mi hai abbandonato?

Noi non siamo abbandonate, magari ci può sembrare così.

E’ solo che il nostro Padre/ Madre ci hanno messo in situazione che cominciamo a comportarci come adulti e cominciamo a prendere cura dei fratelli/sorelle dentro di noi, quelli più piccoli.

Con apertura dei canali ( portali) multidimensionali ci stano arrivando i gridi di aiuto e dolori che vivono questi fratellini/sorelline.

Noi possiamo aiutarli.

Dal nostro livello raggiunto Noi possiamo fare quello che cosa hanno fatto i nostri sé superiori con noi.

Abbiamo imparato a gestire la rabbia, dolore e tristezza.

Abbiamo portato al livello conscio consapevolezza che queste emozioni sono prodotto di illusione di separazione, di illusione di nostra mortalità.

Adesso possiamo trasmettere ai nostri sé “piccoli” queste conoscenze.

Le trasmetteremo attraverso stesso canale (portale), attraverso quali, al livello telepatico ed empatico, abbiamo sentito i loro sentimenti.

Primo passo che dobbiamo fare quando sentiamo questi sentimenti di bassa vibrazione e distinguere se sono nostri o li abbiamo ricevuto.

Se sono nostri già sapiamo come gestirli.

Se li abbiamo ricevuto, la sola consapevolezza che non è reale quello che cosa sentiamo nel adesso, li scioglierà e ci sentiremo di nuovo in zona di pace interiore.
Quella sensazione di pace, che tutto va bene, fluirà attraverso il canale aperto verso chi ne ha bisogno sperando che lui/lei deciderà di accogliere quel flusso. Perchè anche i nostri bambini hanno il libero arbitrio.

Noi con tutte le nostre forze desideravamo che si svegliano i nostri ricordi.
I ricordi non sono qualcosa dal passato. Tutto esiste adesso.

I ricordi sono questi collegamenti tra nostre manifestazioni infinite che esistono in infinite realtà parallele adesso.

Con quale di quelle realtà ci collegheremo dipende dalla nostra missione.

Si siamo cresciuti.

Non siamo più bambini.

Siamo adolescenti adesso.

Ma non ancora adulti.
I nostri sé superiori ci aiutano nel processo di crescita, ma adesso siamo anche noi sé superiori di qualcuno e si aspetta che facciamo la nostra parte.

La nostra parte consiste nel semplice ESSERE quello che si è nel momento.

Perchè i bambini non crescono e non imparano dalle parole che pronunciano i genitori, ma dal loro esempio.

Tutto quello che ho sentito e ho vissuto in questi giorni, nonostante del primo momento di confusione, sta mostrando che i “genitori” hanno fiducia in me.

E come ogni adolescente, mi sento come una adulta adesso.

Farò il mio meglio in questo nuovo ruolo.
Io sé superiore di qualcuno!

Suona bene!
Siete d’accordo?

Tanja

 

 

 

 

 

 

 

IO SONO.......

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Unire le realtà multiple - diventare multidimensionale unito Successivo Che cos'è il risveglio spirituale - Eckhart Tolle

5 commenti su “Siamo cresciuti – adesso siamo adolescenti

  1. renzo il said:

    Cara Tanja, sempre mi ricordi qualcosa che non avrei forse considerato, credo sia proprio come dici e mi integro.
    Noto che negli ultimi tempi, una decisione presa dopo ascoltato un suggerimento, diventa mia quasi subito, mentre prima ero propenso a lasciar andare, come fosse qualcun altro a doverlo fare per mé.
    Perciò sempre grazie per le belle e benefiche condivisioni.
    Che la “Luce” sia sempre con Tè ed ognuno.

  2. Cara Tanja, hai il dono di comunicare in modo chiaro e dettagliato le verità esoteriche più sottili, come questa dei MULTI-IO… Resto impressionata per come spieghi bene cose che già so ma non riesco a mettere a fuoco. Pochi giorni fa ho trovato in Internet il testo egizio che segue, ed è stata un’altra scossa elettrica… Mi piacerebbe che tu lo commentassi. Grazie!

    LIBRO EGIZIO DEI MORTI – antico testo egizio intagliato sulla porta di un antico e sacro sito

    “Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima: Io sono QUELLO a cui rivolgevo le preghiere, QUELLO a cui chiedevo aiuto. Sono QUELLO che ho cercato. Sono la stessa vetta della MIA montagna. Guardo la creazione come una pagina del MIO stesso libro. Sono infatti l’UNICO che produce i molti, della stessa sostanza che prendo da ME. Poiché TUTTO è ME, non vi sono due, la creazione è ME STESSO, dappertutto. Quello che concedo a ME stesso, lo prendo da ME stesso e lo do a ME stesso, l’UNICO, poiché sono il Padre ed il Figlio. Quanto a quello che voglio, non vedo altro che i MIEI desideri, che sgorgano da ME. Sono infatti il conoscitore, il conosciuto, il soggetto, il governante ed il trono. Tre in UNO è quello che sono e l’inferno è solo un argine che ho messo al MIO stesso fiume, allorché sognavo durante un incubo. Sognai che non ero il SOLO unico e così IO stesso iniziai il dubbio, che fece il suo corso, finché non mi svegliai. Trovai così che IO avevo scherzato con ME stesso. Ora che sono sveglio, riprendo di sicuro il MIO trono e governo il MIO regno che è ME stesso, il signore per l’eternità.”

  3. Tanja il said:

    Elleki, grazie per le tue parole.
    La verità esoterica (la mia verità) è semplice. E’ talmente semplice, che dentro la realtà illusoria in quale viviamo, è difficile da accettare. Accettandola davvero, integrandola dentro di sè, come parte del proprio essere, sfida tutto quello che pensavamo di essere. Sfida tutto quello per che cosa ci siamo sacrificato. Sfida tutto quello in che cosa abbiamo creduto. Sfida il nostro proprio senso di esistenza.
    Nella nostra vita, rimanere senza il senso in quale abbiamo creduto porta a un precipizio di depressione e ci porta a un filo dal desiderio di abbandonarla.
    A quel punto, proprio lì, dove guardiamo la propria morte si svolge un attimo molto potente, quando si prendono le decisioni come procedere la propria esistenza.
    Quella verità, così difficile ad accettare è che davvero non esiste nulla fuori di ognuno di noi.
    SEI SOLO e tutto intorno a te lo hai creato per non sentirti solo.
    SEI ONNIPOTENTE ma se non puoi esercitare il proprio potere esso non esiste davvero. Così dovevi creare i spettatori, quelli che subiscono e quelli che subiscono.
    SEI, ESISTI,MA NON SAI CHI SEI DAVVERO se non ti confronti con gli altri.
    Così dovevi creare gli altri.
    Ma lo stesso, hai creato tutto questo, avevi la consapevolezza che lo hai creato tu, sapevi che non era reale e non eri contento.
    Dovevi dimenticare che tutto è solo un gioco.
    Dovevi davvero provare tutto come reale.
    Così hai creato te stesso con i ricordi cancellati ma con la possibilità di attivarli attraverso l’osservazione del esterno ed comprensione che è solo il tuo riflesso perchè il potere di creare la realtà attraverso le energie prodotte dai tuoi pensieri , emozioni e parole.
    In quel mondo dove tu esistevi senza i ricordi, potevi davvero esercitare ed sentire la tua onnipotenza. Sentivi cosa sente il potente e sentivi che cosa sente la vittima.
    Nel momento quando sei riuscito a diventare consapevole della tua vera natura e l’amnesia è sparita lasciando spazio al ricordo, il gioco ha perso il senso e tu torni ad essere quello che cosa davvero sei.
    Sei unico Dio/ Dea del tuo universo. E non esiste nulla fuori di te che non hai creato tu.
    Stai diventando consapevole di propria forza ma anche che fai parte di qualcosa molto più grande di te.
    Stai diventando consapevole che dentro di te Dio, esiste una luce che ti sta guidando verso il tuo interno divino per scoprire quel altro DIO pi Grande che ti guida.
    E più vai in profondo, nel più piccolo, il tuo universo di riflesso sta diventando sempre più grande.
    Dentro centro di ogni luce che trovi, troverai la fonte di quella luce e ti sentirai spinto a cercare quella fonte.
    Per questa ragione, quando in quel testo egiziano si dice:
    “Finalmente ho raggiunto il MIO traguardo e risolto il segreto della mia anima”
    Io lo sento come una fase temporanea della scoperta.
    Il traguardo non si raggiunge mai.
    La creazione è frattale verso il piccolo e verso il grande – è infinita.
    Solo la curiosità e la domanda CHI SONO IO spingono verso la creatività.
    Un Dio sempre cerca se stesso per poter creare.

    Tutto questo che ho scritto qui e solo una verità temporale che si trova in continuo cambiamento ( come lo fa ogni frattale che si rispetta) 😀

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.