Avete notato che di recente sono tornate alcune dure lezioni e brutti ricordi?

 

1890656_10152506764178087_1000212393735222890_o

 

E così, siamo stati sul sentiero spirituale da un bel po ‘ormai, sentendoci abbastanza OK con il nostro progresso.

Abbiamo letto i libri, frequentato tutte le manifestazioni e corsi, e in generale abbiamo elaborato e integrato il nostro patrimonio allargato.

 Nella nostra ricerca di “diventare“ abbiamo aperto i cuori, abbiamo imparato la gratitudine e il perdono.

E abbiamo fatto tutto questo lottando in contemporanea con il nostro ego che è abituato a controllare la nostra vita.

Come sapiamo di che cosa si tratta, basta dire che ci stiamo trovando in stato che possiamo definire con espressione “lavori in corso”.

Certamente non è stato facile arrivare a questo punto, e adesso troviamo tutte le indicazioni che è in procinto, nei prossimi giorni, incontro con una buona dose di cose ancora più impegnative.

Questi sono belli, eccitanti, tempi che stiamo vivendo.

Tante cose in corso richiedono la nostra attenzione.

Rimanere centrati, il mantenimento di noi stessi è più importante ora che mai … e magari anche voi lo state percependo .

Avete notato che di recente sono tornate alcune dure lezioni e brutti ricordi? Cose che pensavavamo già risolte, al improvviso spuntano sulla superficie e forse siamo soprafatti da questi ricordi e emozioni dolorose del passato.

E’ successo quando nemeno pensavamo a questi argomenti.

Molto probabilmente non abbiamo fatto nulla per innescare un tale rilascio.

Ci è colpito in modo inaspettato, improvviso.

Non eravamo pronti a questo.

I nostri vecchi conoscenti,il rammarico , il rimorso il rancore stano provando a ritornare dal nostro subconscio?

Ci stiamo chiedendo perché così tanti di questi folletti sono tornati ultimamente dopo aver guarito quella ferita e abbiamo bilanciato la nostra energia? 

Che cosa sta succedendo?

Sapendo che abbiamo fatto le cose per bene, la prima volta, non possiamo capire perché questi fantasmi sono tornati a ritorcersi contro di noi proprio in questo momento critico.

Io li chiamo i fantasmi, perché questo è un pò quello che sono; pesanti residui rimasti da “vecchi tempi ” da prima che abbiamo portato i nostri chakra e l’aura in buona forma.

Questi echi negativi del passato, forse ci hanno portato a dubitare di noi stessi e di tutto ciò che credevamo spiritualmente.

Questi dubbi raramente viaggiano da soli.

Una parte di ciò che sta causando tutta questa disarmonia è “ansia da separazione” da strutture di realtà 3D.

Tutto ciò che abbiamo mai conosciuto e su che cosa abbiamo contato come le certezze, è andato via, e non tornarà mai più: e la distanza cresce sempre di più con ogni nuovo orrore o incubo che rivviviamo di nuovo.

Rivedendo quello che ci stava premendo e trateneva giù ci fa intuire un paio di altre cose; e tali cose sono quello che danno origine ai fantasmi del passato . 

Potete scomettere che ci sono anche altri fattori che contribuiscono a tutto questo!

Anche se risolte, quelle vecchie traume, quelle vecchie ferite, hanno lasciato un ricordo in forma di tessuto cicatriziale, che influenza questa versione malinconica di questi vecchi ricordi … tessuto cicatriziale emozionale: lascia testimonianza di ferita passata in modo simile come lo fa il tessuto fisico.

Solo che queste cicatrici non possiamo vedere con gli occhinon!  Perché non riuscivamo a vederle e non le aspettavamo, questo sfregio emozionale ci può inciampare a questo sfregio emozionale e ci può buttare fuori d’equilibrio abbastanza facilmente e in modo mai vissuto prima.

Quindi, in realtà non è tanto il dolore del passato esce in superficie, ma è più come l’ombra del ricordo.

 E ‘un po’ come cercare di seppellire un vecchio pneumatico inutile che proprio non vuole rimanere sepolto.

Per quanto io sappia non c’è un modo di ripristinare il vecchio tessuto cicatriziale emotivo per portalo in condizione di diventare “come nuovo”.

Penso che forse il modo migliore per affrontare queste cose quando si incontrano, è riconoscereleringraziarle, benedirele e poi metterele in uso in modo costruttivo …

Sono come segnavia del nostro cammino spirituale, sono esperienze che volevamo afrontare per aumentare la nostra saggeza.

Guardando indietro possiamo vedere a quanto siamo arrivati, e gli ostacoli che abbiamo dovuto a superare.

Quelle cicatrici sono come “medaglie d’onore” che portiamo dentro di sé.

L’intero processo può essere ancora più difficile se quelli nel vostro cerchio immediato non condividono i vostri valori spirituali, o sono solo stati recentemente scossi dal torpore dal “grande risveglio “; in entrambi i casi, hanno i loro problemi urgenti da affrontare.

Qualche volta i “spirituali” e le persone metafisicamente inclinate sono programmate per stare insieme, ma questo non è sempre il caso.

Ci sono molti altri che sono soli per loro scelta, per qualsiasi motivo, chi ha deciso di viaggiare da solo.

I belli ricordi d’infanzia stano uscendo in superficie insieme a quelli che preferiamo a dimenticare … e per le ragioni analoghe.

Parte di noi sente che le cose non saranno mai come sono state una volta e le stiamo dando il nostro addio per l’ultima volta.

L’intero processo di innondazione di ricordi buoni e cattivi ricordi che escono alla superficie della coscienza, può anche farci pensare che siamo in procinto di morire, perchè tutta la nostra vita ci sta scorrendo davanti agli occhi in forma di infiniti flash di immagini.

In questi giorni quando stiamo ellevando la nostra vibrazione … ci troviamo davanti ad momento in cui dobbiamo tagliare via il peso morto che ci trascina verso il basso.

Come la mongolfiera, non siamo in grado di salire abbastanza in alto fino che il peso morto è stato sciolto o tagliato.

La vita spirituale di tutti i giorni richiede un azzione continua e consapevole in ogni attimo.

Per un po possiamo sentire che tutto sta proccedendo bene e che possiamo affidare il volo al “pilota automatico”; ma la mancanza di intento consapevole ci farà schiantare e frantumare prima o tardi.

Questo è principalmente quello di cui stiamo parlando quando si parla di aumentare le nostre energie spirituali, é il loro mantenimento al più alto livello possibile, in modo confortevole.

Concentrarsi sui nostri pensieri, intenzioni e sogni in cui si desidera essere e non rimanere impantanati nel dove siamo stati.

Coloro che sono ora su un corso accelerato attraverso il grande risveglio avrano, senza dubbio, più di un semplice tessuto cicatriziale ad affrontare.

E’ probabile che, molti di noi abbiamo ancora i ” sacchi di sabbia ” che pesano, impedendo alla nostra mongolfiera di salire in frequenza più alta.

Se questo suona familiare, non volendo sembrare troppo dura, è il momento di tagliare un certo peso morto se si vuole procedere.

Coloro che trovano che nella loro vita ci sono ancora troppe persone e le relazioni che “pesano” devono trovare il coraggio di dire basta, e tagliarli in modo netto.

Non avete già provato tutto il resto?

In stesso modo come quando incontriamo quei ricordi emotivi dolorosi, che non li si può fare a meno di rivisitare più e più volte, quelli che non possono mai essere risolti – perché non possono semplicemente ringraziarli, benedicarli e lasciarli andare?

Tenendo in piedi,quele situazioni,per foza, ci consumano un enorme quantità di energia che non sta aiutando a nessuno, ma lasciando andare lo più fare.

Proprio in questo punto molti di noi si stano trovando blocati.

Perchè non riusciamo a lasciar andare quelle persone o le relazioni?

Proprio qui ci stiamo incontrando con i nostri condizionamenti molto duri a morire.

Uno di essi e la paura di solitudine, perche la paura di solitudine e infatti mascherata paura di morte.

Di questo ho già scritto qui. http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=12325

Secondo aspetto è senso di colpa, che io chiamerei con il nome “nuovo senso di colpa” che stiamo incontrando sul nostro viaggio.

Una di nostre mete è raggiungere stato di amore incondizionato.

Questo ci dicevano tutti i saggi e tutti i maestri spirituali durante tutte la nostra storia e credo che tutti stiamo conoscendo i loro insegnamenti.

Ma …….

In che modo fare pace tra l’amore incondizionato ( di cui tanti stano parlando) ed necessita di allontanare certe persone dalla nostra realtà?

E possibile amare in modo incondizionato e in stesso momento sentire che dobbiamo stare lontano da certe persone?

Se sento quel bisogno qualcosa non va con me?

Sto sbagliando qualcosa?

Vi siete incontrati con queste domande e questi dubi?
Io si, e in questi tempi molto più spesso di prima.

E se una domanda si manifesta significa che esistono anche le risposte.

Qualche volta certe risposte arivano in forma di domande.

E se io ho compreso male quello che cosa è l’amore incondizionato?

E’ possibile amare tutto e tutti in modo incondizionato?

Io mi sono accorta che non riesco a farlo.

Non in modo come è stato interpretato fino adesso.

Mi sentivo come se qualcuno mi dice e pretende di-

  • -Andare ed abbracciare un leone o un cocodrilo solo perchè io riconosco la natura divina dentro di loro.

  • – Andare ed buttarmi nrlla fiume gelida in pieno inverno solo perchè riconosco la sua natura divina.

  • – Stare vicino ad una persona che mi sta dando i schiafi e non spostarmi solo perchè riconosco la natura divina in quella persona.

E sottointeso, in modo sotile, che se non riesco fare queste cose io devo sentirmi male perchè non sono ancora abastanza sviluppata in modo spirituale.

E se non riesco a farlo devo sentirmi in colpa.

Eccolo, nuovo creato condizionamento “spirituale”.

Forse quelli esempi che ho dato sono un po drastici ed esagerati, ripeto forse lo sono, ma non vedo grande differenza di quello che ci si sta suggerendo quando ci si dice che dobbiamo stare vicino alle persone che stano abbassando la nostra vibrazione.

Provo a spiegarmi.

Tempo fa su mio profilo Facebook ho scritto:

DISTACCO

Unica cosa che ci fa incontrare o separare da qualcosa o di qualcuno sono le frequenze con quali vibriamo. 
Non è romanticismo, non è la fede,
E’ SCIENZA.
Tutto quello che si trova intorno a noi e non sta vibrando in stessa frequenza ci fa stare male, ci fa sentire nervosi come in situazioni quando ascoltiamo la radio dove la frequenza non è stata scelta bene.
A lunga durata, dissonanze vibratorie stano confondendo le nostre cellule e possono manifestarsi nel funzionamento fisico come malattie.
Il DISTACCO dalle cose e le persone che non vibrano in sintonia con noi ci fa entrare in zona di serenità e buona salute fisica.
Io non sto parlando che una frequenza è migliore o peggiore.
Ogni frequenza vibratoria semplicemente è diversa.
Essendo consapevoli, attenti, SVEGLI, possiamo riconoscere le reazioni del nostro corpo e scegliere in vicinanza di chi o di cosa stare.
ESSERE NEL FLUSSO,
CAVALCANDO L’ONDA,
significa proprio questo, seguire la propria frequenza.
La legge di libero arbitrio sarà rispettata sempre, ma la decisione e responsabilità per il nostro benessere psichico o fisico è sempre nostra

individuale.”

 

 

 

 

Distaccarsi dalle persone o cose che non ci risuonano non esclude l’amore incondizionato.

Non dobbiamo confondere amore emozionale ed amore incondizionato.

Amore Emozionale è condizionato ed indirizzato verso un essere specifico. Questo amore è reazione a un stimolo esterno.
Amore Incondizionato è un flusso di vibrazione energetica che sgorga da dentro di noi.
Quel flusso si propaga in modo non selettivo (incondizionato) in tutte le direzioni, verso tutto ciò che incontra sulla sua strada nel raggio di 300 metri e lo benedice con l’amore della propria anima (dello sorgente).
Amore Incondizionato non esclude Amore Emozionale,
ma Amore solo Emozionale esclude quello Incondizionato.
Amore incondizionato è un stato di Essere.
Amore emozionale è fare.
Colore del amore emozionale è rosso (sono attive chakra basse)
Colore del amore incondizionato è verde (attiva chakra del cuore)

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=874253949258934&set=a.472678219416511.109838.100000230111559&type=3&theater

Parola AMORE può confondere.

Per 2 cose completamente diverse in senso energetico e vibratorio stiamo usando stessa parola e siamo costretti ad definirla ogni volta quando la usiamo.

Allora, come lo vedo io, allontanarsi dalle persone che ci stano creando squilibrio vibrazionale non esclude amore incondizionato.

Io riconosco la natura divina in ogni persona, ma sono consapevole che ogni uno di noi deve seguire la propria strada, che ha il proprio compito da svolgere, che deve finire la propria missione.

Questa strada è definita con la loro (nostra) frequenza vibratoria.

Ecco, mi è arrivata in mente proprio adesso una fiaba ben conosciuta – “La piccola Sirenetta”.

Ve la ricordate?

Tra Principe e la Sirenetta c’era l’amore, grande amore, ma non potevano stare insieme.

Per poter stare insieme, uno di loro doveva rinunciare dal una parte di se, o forse anche morire.

Se siamo arrivati qui per esprimere al massimo quello che cosa siamo, costringerci a stare in situazioni che “uccidono” una parte di noi stiamo rinunciando dalla nostra missione e stiamo cominciando ad “morire dentro”.

In quel caso non possiamo vibrare nella frequenza di amore incondizionato, non possiamo sbloccare i nostri filamenti del DNA, non possiamo sviluppare tutte le nostre capacità, non stiamo aiutando al nostro pianeta di ascendere.

Semplice.

Vero?

Quello che cosa non è semplice è separarsi dai vecchi condizionamenti.

Non è semplice, ma è possibile.

Ecco perchè di nuovo si stano aprendo i ricordi alle vecchie ferite emozionali che pensavamo che sono già risolti.

Ci stiamo trovando davanti allo specchio che ci sta chiedendo ancora una volta se siamo sicuri che vogliamo prendere proprio questa strada.

Ci sta mettendo ancora una volta davanti alla scelta se vogliamo seguire quella voce interiore di veri noi o seguire la voce emozionale illusoria.

Siamo consapevoli di questa scelta?
La prenderemo in modo consapevole?

Di nuovo, ogni uno deve decidere da solo e nessuno potrà farlo per noi.

 

SPIRITUALITA' ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Sintonizzazione ed AGGIORNAMENTO DEL CORPO DI LUCE è avviato - Portale 11-11-7 Successivo LA PLACENTA UMANA - L'ALBERO DELLA VITA

Un commento su “Avete notato che di recente sono tornate alcune dure lezioni e brutti ricordi?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.