Tu chi sciegli a liberare- Gesù o Barabba

barrabas

 

Ponzio Pilato diventa il simbolo di una contraddizione umana che conosciamo tutti fin troppo bene:

quella di chi non sa se intervenire o guardare dall’altra parte,

quella che  impone la scelta fra coraggio e opportunità,

quella di chi vede che le cose stanno degenerando e non sa se dirlo e comportarsi di conseguenza,

o scegliere la strada della preservazione del proprio orticello.

Già con dentro la consapevolezza che la scelta genererà un cambiamento importante.

 

E’ strana questa cosa.

I pensieri di Ponzio Pilato, di Barabba e di Gesù arrivano seguendo un forte bisogno di stare staccata dal mondo esterno e dedicandomi solo aquello che cosa sento nel silenzio della solitudine completa.

Ho sentito, e ho detto anch’io stessa tantissime volte che NULLA E’ COME SEMBRA.

Ma la comprensione di questa frase,nella nostra mente limitata sta arrivando a gradini,passo per passo.

Con la forte pressione energetica di questi ultimi mesi, tutti siamo messi davanti alle decisioni importanti.

Sentiamo dentro di noi che dobbiamo decidere di qualcosa di molto importante.

Anche la decisione che tipo di pane comprare sembra importante. Che scarpe scegliere, sembra molto importante. E così via. Dentro di noi sentiamo che ogni, anche piccola, decisione fatta in questo momento è IMPORTANTISSIMA.

DENTRO DI NOI SAPIAMO CHE LA SVOLTA E’ PROPRIO QUI E PROPRIO ADESSO.

Le linee temporali si stano allontanando sempre di più una dal altra e, nei tempi brevissimi, non sarà più possibile saltare tra una e altra.

Noi sentiamo questa pressione di decidere.

Anche quelli che non sano nulla di spiritualità, anche quelli che non hanno internet a disposizione, TUTTI sentono questa cosa.

Tutti sentono dentro di se quella domanda:

QUO VADIS, DOMINE?

La tradizione dall’episodio del “Quo vadis, Domine?” tratta dal testo apocrifo di San Pietro, secondo il quale, durante la persecuzione scatenata da Nerone contro i cristiani, San Pietro si apprestava a lasciare Roma. Giunto alle porte della città, dove la via Appia incrocia la via Ardeatina, ebbe la visione del Cristo, a cui chiese: “Signore, dove vai?” (Quo vadis, Domine?), E il Signore rispose: “ Vado in città a farmi crocifiggere un’altra volta”. San Pietro rimase immobile, capì che doveva tornare per affrontare il suo martirio e sulla pietra dell’Appia rimasero impressi i piedi di Cristo.

Vi ricordate le frasi di Gesù la notte prima di essere stato arrestato?

«Abbà, Padre! Tutto è possibile a te, allontana da me questo calice! Però non quello che io voglio, ma quello che vuoi tu» (Mc 14, 36).

«Padre, sia fatta la tua volontà» (Mt 6, 10)

Anche Lui si sentiva impaurito. Era cosciente che suo corpo fisico subirà le sofferenze. Come corpo fisico (ego) lui voleva scappare da quella sofferenza ma era consapevole che dietro di tutto questo esiste un piano più grande che

«Dio conosce dei progetti che sono piani di pace e non di afflizione, per concedervi un futuro pieno di speranza» (Ger 29, 11).

Ed era cosciente che

«Mio cibo è fare la volontà di colui che mi ha mandato e portare a compimento la sua opera» (Gv 4, 34).

Questa conversazione interiore di Gesù, è atualissima in questi mesi.

Si sta svolgendo dentro ogni uno di noi.

Abbiamo visto che nel vecchio mondo nulla funziona più.

Lo vogliamo, lo desideriamo cambiare.

Tutti vogliamo un mondo giusto paradisiaco per tutti.

La diferenza è solo nei modi in cui vogliamo ragiungere quel paradiso sulla Terra.

E come le intenzioni, i pensieri, le emozioni le parole e le azioni stano creando la realtà che viviamo, credo che è chiaro che le due strade si stano allontanando sempre di più.

Quale strada prenderai?

Quella che ascolterà la voce interiore che ti guida verso il tuo vero potere Divino?

O continuerai a lottare dentro una realtà illusoria contro gli nemici esterni per liberare i poppoli della Terra per dargli  l’illusioni di benessere, felicita e salute.

Si sta decidendo di nuovo Tra Gesù e Barabba.

Tu stai decidendo tra Gesù e Barabba che vivono dentro di te.

2000 anni fa il Ponzio Pilato, dopo la decisione,  si è lavato le mani, buttando la responsabilità , su poppolo che gridava nome di Barabba.

Ma tu adesso sai che là fuori non c’è nessuno.

Tutto è solo proiezione olografica dei tuoi pensieri, emozioni e delle parole.

Ponzio Pilato, chi libererai oggi?

 

Il Ponzio Pilato dentro di noi sta decidendo di chi liberare.

Libererà  “Gesù” parte divina, la voce divina dentro di noi?

O libererà “Barabba” la parte illusoria, materiale di noi?

Ponzio Pilato sà che tutti due non possono più camminare insieme.

 

 

QUO VADIS, DOMINE?

 

Per finire, un osservazione interessante.

“La osservazione più interessante la facciamo senz’altro nel momento in cui osserviamo la prima parte della nota 16 presente nel Novum Testamentum. Essa ci dice che in alcuni antichi manoscritti, al posto dilegomenon Barabban” (leghomenon Barabban = detto Barabba), troviamo quest’altra espressione: Ihsoun Barabban ” (Iesoun Barabban = Gesù Barabba). La nota ci conferma che il personaggio non si chiamava Barabba, ma che questo era un titolo, affiancato al suo vero nome: Gesù. Diciamo la verità, è quasi uno shock! Sembra che nel corso di quel processo, durante il ballottaggio per la scarcerazione di un prigioniero, Pilato abbia presentato al popolo due accusati: un certo Gesù, che i sacerdoti avrebbero condannato a morte perché aveva osato definirsi “figlio di Dio“, e un certo Gesù, molto noto a tutti col titolo “Barabba“. Due Gesù in un colpo solo. Forse è proprio per evitare questa eccezionale omonimia che i traduttori hanno omesso il nome del personaggio che è stato liberato, e l’hanno presentato solo come Barabba. Ma si tratta di semplice omonimia?”

http://www.etanali.it/mar_morto/files/analisi_processo.htm

 

E l’ ultimo Rapporto Di Gaia Portal

Le ricerche sono ora terminate, e non possono più essere utilizzate come linee Guida.

Gli energetici delle dimensioni della Gaia Superiore non sono adatti per i tradizionali protocolli di “ricerca”.

 Coloro che cercano di seguirli incontrano grandi non-conseguimenti. 

Il placare i Sopravvenienti Superiori non è possibile, e quindi l’accettazione e il “cavalcare l’onda montante” è più appropriato. 

“Culminazioni” e “discese” non sono più, mentre le vibrazioni degli energetici cosmici continuano a salire.

Preparatevi a non essere preparati … e Abbracciate il momento.

http://www.oltre12.net/

 

 

IO SONO....... , , , , , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente SI PARTE!!! Luna Nuova - 27 luglio 2014 Successivo 8:8 STARGATE STELLARE - ENERGIA SOLARE

Un commento su “Tu chi sciegli a liberare- Gesù o Barabba

  1. massimo il said:

    Ma sarebbe una scelta duale, ma non c’era pure un terzo uomo in croce?…ecco io libero lui 😀 :P…povero 😉

I commenti sono chiusi.