GIOVE IN LEONE E SATURNO IN SCORPIONE CI STRAPPANO LE MASCHERE

saturno

Dal 18 luglio 2014 siamo entrati in una nuova epoca.

Dopo il passaggio dentro il Portale del 2012, il 12.12.2012 e successivamente il 21.12.2012, questa di oggi rappresenta un ulteriore fase di illuminazione della nostra Essenza.

Il Portale del 2012 ha significato la fine di un certo tipo di mondo, concepito solo sulla ricerca esteriore di soddisfacimento dei nostri bisogni. La meta è quella di arrivare a ricordarci della grande Presenza Interiore Divina, lasciando che essa diventi la nostra Guida. La meta è quella di diventare degli Esseri Viventi sereni e consapevoli delle proprie potenzialità, che riescono a manifestare attraverso un corretto uso della volontà e dell’energia pensiero collegate con la Visione del Cuore.

Può sembrare un’immagine fantascientifica, ma se guardate bene alla vostra vita, sollevandovi dal dramma emozionale che ogni periodo di crisi implica, vedrete che è così.

Per arrivare a questa meta stiamo ricevendo immensi aiuti dal Cielo, sotto forma di configurazioni planetarie che ci aprono finestre di opportunità per mettere in atto determinati percorsi.

Quindi, il 2012 è stato un passaggio verso il nuovo, un nuovo modo di vedere il mondo, di vedere noi stessi. Il 2013, con la famosa Croce dei Segni Cardinali (per approfondimenti leggi quiqui e qui), è stato il mettere in atto un’operazione di perfetta pulizia e purificazione di tutti quei contenuti, credenze, pesantezze, che ci sono appartenute finora, con le quali però non riusciremo ad andare da nessuna parte. E’ stato un anno di spogliazione, di allineamento, di centratura. Ognuno può aver vissuto i suoi drammi più o meno seri. Ma siamo tutti cresciuti ad una velocità esponenziale, sentendoci tirati verso il voler aderire a tutti i costi ad un tipo di vita che sia la manifestazione di ciò che noi dentro siamo VERAMENTE.

Dal 18 luglio, con l’ingresso di Giove in Leone, abbiamo un altro cambiamento importante. Questo pianeta, dalle dimensioni notevoli e per questo legato simbolicamente all’espansione, tende a ingigantire le parole chiave del segno del Leone. A seconda di dove si trova il Leone nella vostra Mappa di Nascita, o tema natale, quel settore vivrà un grande exploit nella vostra vita ora, fino al prossimo agosto 2015.

Ora capita che il Leone sia parte della quaterna dei Segni Fissi, insieme a Toro, Scorpione e Acquario, i segni che portano al radicamento delle novità che i Segni Cardinali che li precedono (Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno) hanno fomentato.

Capita anche che in Scorpione si trovi da ottobre 2012 il grande Maestro dell’Anima, Saturno, il quale ci aiuta ad entrare in contatto con i contenuti inconsci della nostra infanzia, per creare un ponte di consapevolezza tra le nostre ferite e chi siamo oggi.

Abbiamo avuto, finora, il bisogno di integrare le lezioni che Saturno ci ha offerto attraverso il suo “recente” transito in Bilancia, iniziato il 15 novembre 2011. Un transito di quasi tre anni, metà del quale è stato accompagnato dalla presenza del nodo nord, Rahu.

In alcuni campi della vita, Saturno ci ha offerto le sue lezioni di umiltà, responsabilità karmica, distacco, determinazione e forza d’animo. Ad imparare queste lezioni ci si sente come impegnati in un duro lavoro di routine, senza ricompensa, ma che alla fine ci lascia spogliati di corpi estranei in modo da poter recepire ciò che davvero è necessario per la nostra evoluzione.

Saturno è il Maestro e, in questi quattro mesi di retrogradazione, è come se ci avesse insegnato a riflettere grazie al suo transito in Scorpione, iniziato nell’ottobre 2012, e adesso, a retrogradazione finita, ci chiede cosa abbiamo imparato, senza fare sconti di pena a nessuno.
Da lunedì 21 luglio 2014, inizieranno gli esami e Lui sarà severissimo. Si tireranno le somme e sarà troppo tardi per mettere a posto le cose. Saturno annulla il nostro Ego e questo è uno dei compiti che preferisce di più. Non ci dà quasi mai quello che vogliamo ma ci dà ciò che occorre per una vera crescita personale, molto spesso i suoi doni sono poco graditi ma non possono essere rifiutati.

Saturno stringe, mette all’angolo, è cupo e scuro, pesante come il piombo, un macigno sull’Anima. Ma malgrado la sua fama di Maestro del Karma, Saturno, distrugge solo ciò che non ci serve più, quello che ostacola la nostra evoluzione, pretende silenzio, riflessione, austerità, introspezione.

Con il suo transito in Scorpione non sarà un periodo facile per il Toro, il Leone e l’Acquario ma se si sono vissuti questi 4 mesi di retrogradazione, così come esige Saturno, ovvero riflettendo su ciò che ha voluto insegnarci, allora sarà un momento di costruttiva crescita anche se faticosa.

Se invece si é pensato :” Ma si, ma che importa, io posso fare quello che voglio…volere è potere!” l’approccio al ritorno diretto di Saturno, sarà completamente diverso

Tutti, chi più chi meno, porta delle pozze di dolore dentro di sé. Qualcuno riesce a gestirle bene, perché ha un tessuto forte, altri, più fragili, fanno più fatica. L’intelligenza serve per entrare in un meccanismo di comprensione di questa fragilità, per farne il nostro tesoro più grande.

 In Astrologia dell’Anima questo moto detto “retrogrado” rappresenta un tuffo nel passato. In particolare, Saturno in Scorpione (il manifestarsi di tutto ciò che è finora rimasto nascosto e segreto), è rimasto a  ripescare nelle tematiche individuali e collettive da marzo scorso, portando a galla tutto ciò che non avevamo avuto il coraggio, la forza, la voglia o la volontà di guardare o di farci i conti. Ora il 21 luglio torna in moto diretto e l’elastico che era molto teso viene lasciato andare all’improvviso. Ci sarà quindi una spinta di rimbalzo, che sono gli effetti collaterali di tutto questo svelarsi e rivelarsi. E’ la spinta del risveglio, dell’essere presenti a noi stessi di fronte a ciò che diventa chiaro di noi, quelle parti che avevamo negato.

Ora Saturno si trova a metà del segno dello Scorpione (16°), quindi ha ancora un bel tratto di sentiero da percorrere prima di lasciarsi alle spalle il nuotare nel nostro inconscio. Ciò significa far fronte a ciò che si è visto, aver la forza di creare un nuovo equilibrio esistenziale basato sulla destrutturazione delle illusioni che avevamo sulla nostra identità.

Molte volte invece abbiamo eretto delle barriere enormi tra noi e la nostra vulnerabilità, è una dinamica naturale di difesa. E’ necessario avere gli occhi ed il cuore aperti, per leggere i segnali che ci portano ad abbassare i muri piano piano, al nostro ritmo, perché ogni volta che questo accade, ciò che entra in noi a sostituire quelle difese è pura Luce, puro nutrimento. E’ la comprensione che ci porta a vedere ciò che ha generato le ferite, per iscrivere la nostra storia all’interno di una perfezione di disegno di vita che è divina.

 

Questo ci permette di uscire dal dramma umano di per sé, per entrare in un flusso esistenziale in cui sentiamo di avere un ruolo preciso da svolgere e quelle ferite che tanto ci hanno invalidato sono state perfette per noi, per portarci dove siamo adesso. Esse hanno messo in rilievo certi aspetti di noi, che non si sarebbero rivelati altrimenti.
 

Ora il Cielo ci aiuta in questo. Dal 18 luglio al 23 dicembre 2014 e successivamente dal 16 giugno al 30 agosto 2015 Giove in Leone sarà in contatto con Saturno in Scorpione ed insieme essi sapranno instaurare quei conflitti interiori capaci di smuoverci, con questa finalità: renderci conto di quali siano le nostre maschere di protezione, che però sono diventate la nostra vera identità “finta” e intraprendere un qualsiasi tipo di lavoro interiore per liberarcene.

 

http://ashtalan.blogspot.it/

http://lachiomadiberenice.forumfree.it/?t=69183389

Numerologia, astrologia, tarocchi ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente Cosa mi impedisce di sperimentare il mio sé più profondo? Successivo E che cosa me ne faccio di tutti questi puzzle?

Un commento su “GIOVE IN LEONE E SATURNO IN SCORPIONE CI STRAPPANO LE MASCHERE

  1. Orsa Maggiore il said:

    Grazie del bell’articolo. Cosa si può aggiugere all’articolo come esperienze personali o letture in merito. Sia Giove che Saturno sono due Pianeti Karmici oltre e Urano, Nettuno e Plutone. Giove è Governatore di Sagittario e Saturno di Capricorno. Pertanto l’uno governa una qualità del fuoco e l’altro una qualità della terra. Ma cosa rappresenta nell’Astrologia un Pianeta. Il Pianeta in Astrologia rappresenta la dimensione dell’Esperienza che noi andiamo a fare. Più siamo evoluti più alta è la dimensione che quel Pianeta ci farà fare. Se l’Esperianze che facciamo si fà in ambito della nostra conoscenza di questo Sistema Solare la nostra esperienza sarà fino ad una dimensione di questo sistema e veniamo chiamati bambini. Oltre questo sistema veniamo chiamati adulti e le esperienze sono di qualche dimensione in più e i punti di apprendimento naturalmente saranno superiori. C’è un detto che dice che i bambini si nutrono di latte e gli adulti di carne. Nello Zodiaco chi si nutre di Carne è il Leone e l’Aquila (Scorpione). E’ da notare che questi due Pianeti oltre ad essere Governatori sono anche Giudici. I Giudici sono nei Tribunali e pertanto emanano sentenze su come ci siamo comportati in base a quello che abbiamo voluto come di siamo comportati e quello che abbiamo realizzato sia per noi che per gli altri. Pertanto in questo senso non sono n’è buoni e neanche non buoni sono semplicemente Giudici. Chi è più avanti nell’età notera che a circa 58 anni il tema natale si ripete o quasi. Pertanto a circa 58 anni Giove fà 5 rivoluzioni intorno al Sole e Saturno ne fà 2. Secondo un mio punto di vista questi due Pianeti è meglio prenderli in sonsiderazione ogni segno zodiacale che cambiano o casa astrologica perchè per noi ad ogni cambio ha un significato diverso. Poi da una certa data di nascita diventa importante l’Ascendente. Pertanto uno che ha Ascendente Scorpione a 58 anni si potrebbe trovare Scorpione come se fosse Ariete e Leone come se fosse Capricorno. Per intenderci meglio se uno è nato 58/89 anni fà Saturno non si troverebbe in Scorpione ma bensì in Ariete e in questo caso ha un inizio di tutta la sua attività. Giove si troverebbe in Capricorno nella 10^ Casa che rappresenta il lavoro e non in leone come dice l’articolo. Il Ciclo di Saturno è di circa 29/30 anni e Saturno già un segno 1 segno e mezzo prima della fine del Ciclo inizia a rivoluzionare la nostra vita ci dà l’impressione che abbiamo sbagliato tutto nella nostra vita. E se tutti quegli sbagli li facevamo apposta a sbagliare non eravano così bravi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.