Due scienziati russi vogliono costruire la “Torre di Tesla”, il trasmettitore planetario

 

tesla
Due fisici russi provenienti dalla Siberia hanno lanciato una campagna per aumentare di 800.000 $ il budget necessario per completare l’ambizioso progetto di Nikola Tesla nel campo della trasmissione di potenza senza fili, ovvero la torre di Tesla.
Secondo i fisici russi Sergey Plekhanov e Leonid Plekhanov, la versione moderna di Wardenclyffe, torre Tesla, conosciuta anche come ‘il trasmettitore planetario’, permetterà di trasmettere energia attraverso la Terra a qualsiasi distanza del pianeta”, questo contribuirà a risolvere molti problemi tecnologici.
wardenclyffe-tower
wardenclyffe-tower
“Tesla aveva ragione e siamo pronti a dimostrarlo!” Dicono i fisici, che hanno appena lanciato una campagna su Indiegogo, il più grande sito di raccolta di fondi del mondo per ricostruire la torre Wardenclyffe nell’autunno del 2014.
Tesla credeva che la torre sarebbe stata in grado di trasmettere energia senza fili, ma questo progetto non è stato dimostrato durante il periodo nel quale era in vita.
I due fisici russi pensano che Tesla avesse ragione e dopo uno studio approfondito della progettazione della torre, il sistema potrebbe fornire un efficace metodo di distribuzione e trasmissione in tutto il mondo, in modo da ottenere energia pulita. Leonid e Sergey Plekhanov hanno trascorso gli ultimi cinque anni a studiare e modellare gli appunti ed i brevetti di Tesla per la torre e sono fiduciosi che il progetto possa essere attuabile con i materiali e la tecnologia di oggi.
EBB
EBB tesla2

Il principio alla base del design attuale è che abbiamo una fonte illimitata di tutta l’energia di cui abbiamo bisogno: il sole.
Un pannello solare di 100.000 chilometri quadrati di sole in qualche parte del mondo potrebbe coprire tutte le esigenze energetiche del mondo. Il problema sta nella distribuzione di questa energia, dal momento che i sistemi attuali hanno molte perdite.
Il sistema della torre proposto da Tesla è stato progettato per sfruttare la conduttività della terra stessa, la trasmissione di energia attraverso la terra e la ionosfera con poco spreco. Mentre la torre originale di Tesla, costruita nel Long Island, pesava 60 tonnellate, il piano dei Plekhanov sarebbe quello di costruire un prototipo di solamente due tonnellate grazie ai progressi nei materiali. La bobina di Tesla (un tipo di trasformatore risonante brevettata dallo scienziato nel 1891), sarà lunga circa 20 metri.
A cura di Miguel Sanchez

Attraverso

http://ununiverso.altervista.org/blog/due-scienziati-russi-vogliono-costruire-la-torre-di-tesla-il-trasmettitore-planetario/

Scienze e tecnologia , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente NOSTRADAMUS - spunta fuori una previsione per il 27 luglio 2014 Successivo DOGON: IL POPOLO CHE VIENE DALLE STELLE

6 commenti su “Due scienziati russi vogliono costruire la “Torre di Tesla”, il trasmettitore planetario

  1. Stefano il said:

    mah… e a chi si trova casualmente nel percorso di questa “energia”? cosa gli succede? incenerisce?

  2. Andando un pò OT, visto che Tesla a quanto pare sapeva e usava l’energia del’etere ( nota anche come “Vril” o per i cinesi “Qui” ), segnalo un articolo su Atlantide e i giganti, in cui si parla anche di essa e dell’ipotesi che gli atlantidei la conoscessero e usassero, e le tante “grandi opere” passate ( piramidi, pietre di Ica ecc) siano state fatte anche grazie alle conoscenze su di essa : http://informazioneconsapevole.blogspot.it/2014/07/la-mitica-atlantide-e-i-giganti.html . Saluti e grazie per l’eventuale interesse :).

  3. Stefano il said:

    l’etere cos’è??? non esiste 😀 non buttiamo parole a caso

  4. Stefano il said:

    oh my God…..
    ora Wikipedia è diventato una fonte infallibile…
    staccati un attimo dalla rete, e leggi invece un qualsiasi libro di Fisica, ti dirà che l’etere non esiste, è una sostanza ipotetica pensata quando si riteneva che le onde elettromagnetiche, al pari delle onde acustiche, avessero bisogno di un mezzo tramite le quali propagarsi. ma già da tempo è stato dimostrato che esse si propagano anche nel vuoto.

  5. Grazie Tanja per le info 🙂 .Stefano, per quanto riguarda l’etere, oltre a quella della fisica classica c’è anche l’interpretazione di Tesla secondo cui non aveva nulla a che fare con il campo elettromagnetico, ma bensì con un campo completamente e diverso, formato dal “vuoto quantistico … c’è questo articolo che ne parla http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/vuoto-quantico-nikola-tesla.php… non so se sia del tutto attendibile, ma mi sembra per certe cose abbastanza plausibile e interessante.

I commenti sono chiusi.