La velocità della luce potrebbe essere più lenta di quanto pensiamo – dichiara un fisico

 

Esplosione di una supernova , successa 25 anni fa, potrebbe fornire la prova che qualsiasi misurazione basata sulla velocità della luce è sbagliata.

Se la teoria di Fransons è corretta, ogni distanza misurata in anni luce è sbagliato, compresa quanto lontano da Terra sono Sole, galassie, o qualsiasi altro oggetto nello spazio.

In quel caso,astrofisici dovrebbero ricominciare tutto il loro lavoro da zero.

 

 

spazio. Supernova 1987A, visto alla
luce di diverse lunghezze d’onda                                                           Image: ALMA / NASA
Un nuovo paper peer-reviewed dal fisico James Franson presso l’Università del Maryland, negli Stati Uniti ha suscitato grande scalpore tra comunità dei fisici.
Pubblicato nel  New Journal of Physics , si indicano le prove che suggeriscono che la velocità della luce, come descritto dalla teoria della relatività generale , è più lenta di quanto originariamente pensato.

Secondo la teoria della relatività generale, la luce viaggia nel vuoto alla velocità costante di 299.792.458 metri al secondo. La velocità della luce – o il numero di anni luce – è ciò che noi usiamo per misurare praticamente tutto nell’universo, quindi è molto importante farlo bene.

Documento di Franson si basa su misurazioni effettuate della supernova SN 1987A, che è crollato ed è esplosa nel febbraio del 1987. I fisici che osservavano  il crollo di supernova e che hanno raccolto i dati di presenza di fotoni e neutrini nell’esplosione, ma come riporta Bob Yirka a Phys.org , hanno avuto un problema.

I fisici hanno registrato un tempo strano di arrivo dei fotoni. Secondo i loro calcoli, i fotoni dovevano arrivare dopo tre ore. Ma sono arrivati ​​con 4,7 ore di ritardo. Alcuni scienziati hanno suggerito che orse i fotoni sono stati emessi più lentamente del previsto, o forse velocità di percorrenza dei neutrini ‘è stata più lenta del previsto. La teoria più popolare era che i fotoni provenivano da completamente un altra fonte.

Ma cosa succede se sono venuti davvero dalla supernova, dice Franson, e il loro arrivo in ritardo si spiega con il rallentamento della luce  durante il  viaggio a causa di una proprietà di fotoni nota come ‘polarizzazione del vuoto’. Vacuum polarizzazione descrive un processo in cui un campo elettromagnetico provoca che un fotone si suddide in un positrone e un elettrone per qualche istante, cambiando la corrente di carica e del campo elettromagnetico, e quindi fa un scatto indietro insieme in un fotone.

Yirka spiega perché questo è importante :

Questo dovrebbe creare un differenziale gravitazionale, tra la coppia di particelle, e questo avrebbero un impatto energetico molto piccolo, quando succede – abbastanza per provocare un  ‘leggero rallentamento durante il viaggio.Se tale scissione e ricongiungimento si è verificato molte volte con molti fotoni in un viaggio di 168.000 anni luce, la distanza tra noi e SN 1987A, potrebbe facilmente aggiungere fino a 4,7 ore di ritardo, suggerisce Franson.

Se la teoria di Franson è corretta, ogni distanza misurata in anni luce è sbagliata, compresa quanto lontano sono  il Sole e le galassie  dalla Terra. In quel caso, dice Yirka , astrofisici  dovrebbero ricominciare il loro lavoro tutto da zero.

Fonte:  Phys.org

Scienze e tecnologia, SPAZIO , , ,

Informazioni su Tanja

Io sono.... Chi sono io? La domanda eterna di ogni persona da sempre. Questo blog è il risultato, lo specchio, il modo, e la strada che sto precorrendo nella mia personale ricerca di risposte a questa domanda In questo blog troverete tutto quello cosa ho scoperto fino adesso e cosa ancora sto scoprendo. Io credo che questa ricerca non finirà mai. Credo che siamo esseri multidimensionali creati da perfezione d’amore incondizionato e universale e come tali anche noi siamo perfetti esseri d’amore con i poteri divini di creazione. Siamo esseri divini che possiedono stesse caratteristiche della nostra fonte. Noi siamo l’amore, la sapienza, la giustizia e la potenza. Una volta ho scritto: Fu una volta un popolo divino........ che dimenticò di esserlo.. dimenticò realtà parallele frequenze divine connessione divina libera connesione divina. Un giorno pieno di luce hanno cominciato...... In che modo continua la favola e in che modo finirà dipende da tutti noi. Adesso dobbiamo solo ricordarci di essere Dei. Per questa ragione ho battezzato il mio blog con questo nome. Mi sento come una Dea che stava dormendo per tanto tempo ed adesso si sta risvegliando. Forse sono ancora un po’ assonnacchiata ma i miei sensi si stano risvegliando sempre di più per poter vedere differenza tra il vecchio mondo e il nuovo mondo che sta nascendo. Quel nuovo mondo, quella nuova realtà è creata nella condivisione. Non poteva essere diversamente perché siamo tutti collegati. Tutti noi siamo un unico organismo vivente che solo collaborando può vivere e crescere. Sono certa che tutti noi, i Dei risvegliati, stiamo creando qualcosa che ancora non esisteva nel multiverso. Sono certa che siamo capaci di farlo unendoci. Questo blog è un mio contributo al condivisione in creazione. Che l’amore ci guida. Tanja

Precedente L'OCCHIO DEL SAHARA Successivo La legge della bellezza

Un commento su “La velocità della luce potrebbe essere più lenta di quanto pensiamo – dichiara un fisico

  1. Renzo il said:

    Nei Veda sono descritte le distanze tra i vari pianeti che osserviamo, sarebbe sufficente fare un confronto per vedere se la velocità della luce corrisponde; ma potrebbe anche non essere sufficente poiché credo che la luce stessa possa variare la sua velocità su basi a Noi sconosciute.
    Bisognerebbe chiedere a chi ha veramente ed approfonitamente studiato i Veda.
    Cari saluti.
    Renzo

I commenti sono chiusi.